Dall’alto dei cieli io vengo

da Anja Weinberger

Dall’alto dei cieli – o come tutto si rivela molto diverso dal previsto

Sono un flautista. Per me, questo significa quanto segue:

Tre giorni alla settimana insegno – non in una scuola di musica, ma a casa mia. Ho alunni molto diversi. Alcuni vogliono iniziare a imparare uno strumento all’età di 5, 6 o 7 anni. Questa è la maggior parte dei miei studenti, e dato che do anche lezioni di pianoforte, ci sono davvero sempre dei bambini in età prescolare piuttosto piccoli nella mia classe. Preparo anche studenti più grandi o diplomati per gli esami di ammissione allo studio della musica. E ci sono alcuni adulti che vogliono rispolverare ciò che hanno imparato da bambini, per così dire, nel secondo amore. Dedico gran parte della mia vita professionale a questa attività e mi fa molto piacere accompagnare i miei studenti in una parte del loro percorso di vita.

Lavoro anche con altri musicisti e suono molta musica da camera in varie formazioni. È per questo che ho bisogno del resto delle mattine e dei pomeriggi della settimana. Le prove richiedono molto tempo. Di solito è necessario un lungo viaggio, poi la prova stessa (con una pausa questo può essere fino a 4 o 5 ore) e infine il viaggio di ritorno. Prima bisogna trovare la letteratura, organizzare le date delle prove e trovare una stanza adatta. Il più delle volte, la letteratura e la stanza non sono un problema così grande. Tuttavia, la situazione è molto diversa per quanto riguarda le date possibili. Per esempio, se un quartetto è in programma, bisogna conciliare gli orari giornalieri di quattro musicisti diversi. Sembra molto più facile di quanto non sia e lo scheduler online Doodle è allora il nostro migliore amico.

E infine i concerti. Di solito sono di venerdì, sabato o domenica. Naturalmente, c’è sempre un viaggio più breve o più lungo. I concerti si tengono raramente durante la settimana. Questo di solito comporta una maggiore pianificazione, perché gli studenti devono essere riprogrammati e la famiglia non deve perdere le serate dei giorni feriali. Quest’ultima cosa è più facile da qualche anno a questa parte, perché nostra figlia si è alzata da tempo sui suoi piedi, molto indipendente.

Quando si legge questo, dovrebbe essere chiaro che c’è molto da fare. Non ho mai contato le mie ore settimanali al lavoro, ma sono quasi certo che 38,5 di esse sono già raggiunte ad un certo punto a metà della settimana. O per dirla in un altro modo – non mi annoio mai. Le persone che studiano musica in genere amano il loro lavoro. E io sono uno dei fortunati che può anche lavorare in modo indipendente.

Ora ecco cosa è successo:

Un amico mi manda un pacchetto di spartiti scritti a mano qualche anno fa in autunno con la richiesta di una prima esecuzione. Mi guardo dentro e mi rendo conto: difficile. Sono variazioni sulla vecchia canzone “Vom Himmel hoch da komm ich her” (Dall’alto dei cieli io vengo). Finora tutto bene. Tuttavia, quanto segue sembra problematico: il lavoro piuttosto lungo è per flauto solo, cioè flauto senza accompagnamento, e ci sono molte note da vedere, quindi richiede molto tempo, e terzo, è un canto di Natale, quindi può essere usato solo per un tempo limitato.

Da un lato, è effettivamente fatto per un concerto d’Avvento, ma dall’altro, il pubblico semplicemente preferisce quando un pianista o arpista o chitarrista è anche sul palco – almeno questa è la mia esperienza e quella di molti dei miei colleghi flautisti. Non c’era un vero entusiasmo da parte mia.

Non ho trovato un buon posto per l’ambizioso lavoro in nessun programma di concerti durante la successiva stagione dell’Avvento. E per essere onesti, nemmeno io mi sono sforzato molto, e nemmeno ho guardato bene il pezzo (le mie scuse, caro W.!).

L’anno seguente, il compositore mi contattò di nuovo e mi ricordò la sua richiesta. Così tiro fuori di nuovo la pila dal cassetto, suono tutto una volta e devo concludere che è… semplicemente fantastico. La gente deve assolutamente sentirla, devo assolutamente trovare un modo per suonarla. Un piccolo flauto e tanto spirito natalizio. Sono rimasto sorpreso e incantato.

Ma come può essere, anche quest’anno non ho potuto fare nulla.

Clicca sull’immagine per arrivare al meraviglioso CD di Anja Weinberger!

Alla fine, un anno dopo, ero già imbarazzato. Ci ho pensato e sono arrivato alla conclusione che non doveva essere un concerto. Potrei anche suonare “Vom Himmel hoch…” in una funzione religiosa. E così è stato. C’è molta musica da chiesa nella nostra congregazione e si è trovato un posto per “Vom Himmel hoch…”. Così il 25 dicembre, durante la funzione di Natale, ha avuto luogo la prima tanto attesa. In realtà, ero ancora convinto che il pubblico o la congregazione sarebbero stati relativamente indifferenti nonostante tutto, eventualmente facendo anche notare che il tutto “con l’organo” sarebbe stato anche abbastanza bello. Tanto più grande è stata la mia sorpresa e la mia gioia quando i benefattori si sono affollati dopo il servizio. Ho potuto riferire al compositore che il suo lavoro di variazione per flauto solo è stato davvero ben accolto. Un ascoltatore ha parlato dal mio cuore quando ha detto: “Che meraviglia che questa bellissima vecchia canzone non solo sia cantata, ma possa risuonare nella mia testa per un tempo più lungo in questo modo. È esattamente come mi sentivo io. I canti di Natale sono molto emotivi per tutti noi, ognuno ha una canzone preferita diversa e molti ricordi sono legati ad essi. È un peccato che vengano cantati solo nelle funzioni religiose o in salotto, ma molto raramente trovano la loro strada nei programmi dei concerti in un modo o nell’altro.

E questo non mi lasciava andare. Alla fine, mi sono fatto coraggio e ho chiesto a tre amici compositori se potevano avere il tempo e la voglia di scrivere qualcosa di simile per me. Ero fermamente convinto che mi avrebbero più o meno rifiutato subito. Ma eccola lì, la seconda grande sorpresa in relazione a “Vom Himmel hoch…”. Tutti e tre (tre contemporanei davvero molto diversi e di grande successo) erano entusiasti e chiesero immediatamente se potevano usare questa o quella canzone. Ho annuito, senza parole, e dopo qualche settimana avevo tre nuovi pezzi sul mio leggio. Non esiste una cosa del genere! I miei occhi volavano sui pentagrammi, che fortunatamente questa volta erano scritti al computer. Tre volte meraviglioso, tre volte insolito, tre idee completamente diverse. Questa volta è stato facile, perché un intraprendente cantore mi ha chiesto se mi sarebbe piaciuto suonare le mie tre prime in uno dei concerti locali dell’Avvento. Mi piacque, naturalmente, e tre compositori erano seduti in prima fila al concerto qualche settimana dopo, tutti con un viaggio più o meno lungo e tutti con un’espressione abbastanza commossa sui loro volti, dopo tutto, ognuno di loro aveva scelto la canzone del suo cuore. Come ho detto, tutti e tre sono vecchi nel loro mestiere, quindi conoscono tutte le corde delle prime e dei concerti, ma questo non è stato l’unico motivo per cui mi sono commosso. Cosa possono fare i canti di Natale e un flauto da solo.

Ho dimenticato qualcosa…

Oh sì, la mia esperienza con le opere commissionate fino a questo punto è stata nulla. Non mi ero reso conto che il compositore avrebbe anche chiesto se l’uno o l’altro fosse in una buona posizione, come l’articolazione potesse essere fatta al meglio e se il trillo nella battuta 53 sarebbe forse meglio fatto diatonicamente invece che cromaticamente. Mai, nei miei sogni più selvaggi, avrei pensato che un compositore avrebbe fatto qualcosa di diverso dal semplice scrivere e infine presentare un pezzo ingegnoso, ma forse difficile e sfavorevole per lo strumento senza battere ciglio. È qui che ho sbagliato, e riflettendoci è perfettamente chiaro. Nessun compositore padroneggia tutti gli strumenti; la maggior parte dei compositori sono pianisti di origine. E quindi è giusto e importante chiedere consiglio allo specialista, cioè al rispettivo strumentista, soprattutto se magari non si è mai scritto prima per questo strumento. “È possibile suonare il pianissimo sul c4? Puoi fare un crescendo fino al Si più basso? E il Si più basso è anche sul tuo flauto? Ho sentito da qualche parte che le armoniche funzionano meglio sulle diteggiature lunghe, è vero? Perché i flautisti preferiscono il Si maggiore al La bemolle maggiore?”. Quindi queste e altre cose simili erano nella stanza. Ho fatto un respiro profondo e ho cercato di rispondere a tutte le domande nel modo più preciso possibile.

È stato davvero molto divertente e non riuscivo a credere che davanti a me, sul leggio, ci fossero tre pezzi che qualcuno aveva scritto per me e di cui ora, in un certo senso, sono responsabile. Inoltre, non c’è ovviamente la possibilità di ascoltare come qualcun altro interpreterebbe il lavoro, no, io sono il primo a lanciare il nuovo pezzo – una responsabilità enorme anche, credo, e si sente davvero un po’ come un padrinato.

Ma la cosa veramente inaspettata è successa dopo. Perché appena la primavera era in vista, un compositore mi ha contattato con una domanda su “Vom Himmel hoch…”. Sarei ancora interessato a un pezzo? Beh, sicuramente!

E quella non sarebbe stata l’ultima telefonata. Negli anni successivi, c’erano sempre due o tre nuovi spettacoli per ogni stagione. Nel frattempo, una forma di concerto prenatalizio molto bella si era sviluppata specialmente per il progetto “Vom Himmel hoch…”. Dato che molti diversi canti dell’Avvento e di Natale erano già serviti come modelli, la selezione era abbastanza varia. Molte delle canzoni usate sono anche nel libro degli inni della chiesa e quindi c’era molto da cantare in molte congregazioni nelle settimane prima di Natale. Per alternare la nuova letteratura, il pubblico riunito era autorizzato a cantare la canzone originale che aveva appena ascoltato, accompagnato dal rispettivo organista della congregazione, a volte anche più versi di quanto sarebbe stato il caso in un servizio in chiesa.

Naturalmente, “Vom Himmel hoch …” è sempre inclusa, ma anche “Ihr Kinderlein kommet” o canzoni più sconosciute in Germania come “Masters in This Hall”, “Noël, Noël” o “Hört die Engelschöre singen” sono in programma. Perché, difficile da credere, il progetto aveva raggiunto da tempo i compositori all’estero. E alcuni pezzi erano già stati pubblicati.

La collaborazione con personalità così diverse è diventata per me una vera scuola psicologica e filosofica. Guardando indietro, ricordo il detto di mia nonna, che amava dire: “Il Signore Dio possiede un grande zoo”. Come aveva ragione!

Con alcuni dei compositori si sono sviluppate profonde amicizie nel corso degli anni, di cui sono molto grato. Sono ancora in contatto con molti altri e sono nate una o due collaborazioni. E alcuni mi divertono ancora a posteriori, quando penso alle spiegazioni profonde, alla sorprendente consapevolezza di sé, alla gestualità feroce e alle melodie cantate ad alta voce nel caffè o al ristorante. Che regalo!

E infine, con mia grande sorpresa (di nuovo), si è presentata l’opportunità di andare in studio di registrazione e registrare un cd di Vom Himmel hoch, poiché la Fondazione Culturale si è offerta di coprire gran parte dei costi. Nel frattempo, c’era più materiale nuovo di quello che avrebbe trovato spazio su un CD e ho dovuto fare una selezione con il cuore pesante

E la quarta sorpresa non sarà l’ultima: una casa editrice nel nord della Germania ha mostrato interesse per il progetto ed è stato prodotto un intero libretto “Vom Himmel hoch…”.

È stato allora che è diventato davvero chiaro cosa sia il lavoro su commissione. I diversi pezzi dovevano essere raccolti dai vari compositori sparsi, i vari programmi di computer music non sempre volevano lavorare insieme, il libretto doveva essere rivisto x volte. La cosa divertente è che tutto il lavoro di pubblicazione ha avuto luogo in primavera e in estate – e io avevo costantemente una canzone di Natale sulle labbra. I miei studenti sono stati i primi soggetti e anche loro hanno trovato strano il sole glorioso, per niente simile a quello dell’Avvento.

Tutti i tipi di letteratura per flauto solo erano stati raccolti lì nel frattempo. Più leggeri e più pesanti, più moderni e più tradizionali, alcuni immediatamente riconoscibili, altri piuttosto nascosti, pezzi brevi e altri più lunghi – davvero un’incredibile varietà di musica diversa, collegata solo dal fatto che un canto di Natale è stato l’ispirazione originale.

E la sorpresa più grande per me, e l’ultima per ora, è che stiamo progettando il terzo volume.

Quindi non ci sarà mancanza di lavoro in futuro.

(Testo dal 2020)

Volete essere informati sulle ultime attività?
Tutti gli articoli sulla storia del flauto
Storia dell’Austria
La serie di libri Leiermann
Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This