Guglielmina di Bayreuth

da Ute-Gabriela Schneppat

Guglielmina di Bayreuth

da Ute-Gabriela Schneppat

Guglielmina di Bayreuth

(* 3 luglio 1709 a Berlino; † 14 ottobre 1758 a Bayreuth)

Solo alcune delle composizioni di Wilhelmine von Bayreuth sono sopravvissute oggi. La figlia del re prussiano ha dedicato la sua vita quasi esclusivamente all’arte. Il teatro dell’opera di Bayreuth, ora patrimonio dell’umanità, fu costruito sotto la sua commissione.

L’infanzia

Guglielmina era la figlia del re Federico Guglielmo I di Prussia, il cosiddetto “Re Soldato”, e della regina Sophie Dorothea. Era nata Friederike Sophie Wilhelmine di Prussia. È la sorella maggiore di Federico il Grande. Già nella sua infanzia ha ricevuto un’educazione musicale completa. Sua madre ha riferito nelle sue lettere che Wilhelmine già all’età di 6 anni dava concerti al clavicembalo a Monbijou Palace. Insieme a suo fratello minore Friedrich, ricevette anche lezioni di liuto dal compositore e liutista Silvius Leopold Weiss (1686-1750), tra gli altri.

“Rien ne me fait plus de plaisir qu’un bell Opera mes oreilles comuniquent les doux accsens de la voix jusqu au fond de mon Coeur”. (“Niente mi dà più piacere di una bella opera. I dolci suoni della voce umana penetrano fino al fondo del mio cuore”). [1]

Sopravvivono ancora numerose lettere tra Wilhelmine e Federico. Questi mostrano lo stretto legame tra i fratelli. Soprattutto attraverso il loro comune amore per la musica. I due suonavano spesso insieme e Wilhelmine accompagnava il fratello che suonava il flauto con il clavicembalo o il liuto. Hanno soprannominato affettuosamente i loro strumenti: “la principessa” era il flauto, accompagnato da “Prinz Dickbauch” – il liuto.

La formazione musicale faceva parte di un ampio programma educativo che Sophie Dorothea dava ai suoi figli. Dopo tutto, dovevano essere una “buona coppia”. Per i suoi due figli maggiori, Sophie Dorothea aspirava a un legame con la famiglia reale inglese. Entrambi i bambini, ma soprattutto Wilhelmine, hanno sofferto per gli anni di trattative matrimoniali.

Si sa che l’infanzia di Wilhelmine fu segnata da esperienze traumatiche. Ha riferito di gravi maltrattamenti da parte della sua governante, che le ha insegnato fino al 1721.

Bayreuth

Un taglio profondo nella vita di Wilhelmine fu il tentativo di fuga del fratello. In risposta all’appoggio del fratello in questo, Guglielmina fu imprigionata nelle sue stanze per un anno. Nel 1731 Guglielmina fu poi sposata forzatamente con il principe ereditario Federico di Bayreuth per mantenere l’influenza della Prussia in Franconia. La loro unica figlia, la figlia Elisabeth Friederike Sophie, nacque il 30 agosto 1732. Tuttavia, ha incontrato uno spirito affine in suo marito: Suo marito condivideva il suo amore per la musica e l’arte e suonava il flauto.

La coppia di margravi trasformò completamente la vita alla corte di Bayreuth dopo aver preso le redini del governo: Hanno respinto l’influenza pietistica e hanno fatto rivivere la cultura festiva di corte. Che Guglielmina doveva certamente provare affetto per suo marito si può anche vedere dal fatto che fece sposare l’amante di suo marito Wilhelmine von der Marwitz con il conte austriaco Burghauß. Suo fratello non era particolarmente contento di questa circostanza, poiché aveva un interesse vitale a mantenere al minimo l’influenza dell’Austria a Bayreuth. Fu solo quando la contessa Burghauss fu licenziata dal servizio di Bayreuth che i rapporti tra i fratelli si rilassarono di nuovo.

Dal 1734, Wilhelmine von Bayreuth prese lezioni di composizione, composizione e basso continuo. Ha anche imparato a suonare il violino durante questo periodo. E per un breve periodo prese lezioni di canto. Cominciò a comporre le sue prime opere. Oggi, tuttavia, solo pochi di questi sono sopravvissuti. Alla fine del 1937, assume anche la direzione della musica di corte.

La sua influenza sul mondo dell’arte di Bayreuth è visibile ancora oggi. Come parte del suo lavoro di mecenate delle arti, fece costruire il teatro dell’opera, che fu inaugurato nel 1749 per il matrimonio di sua figlia. Oggi è un sito del patrimonio mondiale. Wilhelmine ha anche diretto l’Opera di Bayreuth per vent’anni.

Guglielmina si sforzò di stabilire una società di corte a Bayreuth basata sul modello francese. Trovò sostegno in Voltaire, che fece in modo che il marchese Honneste d’Adhémar diventasse il suo ciambellano. Altri nobili francesi seguirono alla corte di Bayreuth.

Oltre alla musica, Wilhelmine von Bayreuth era interessata anche alle belle arti, alla letteratura e ad altre arti. Nel 1752 fu ammessa all’Accademia romana dell’Arcadia come la pastorella Cleorinda Aracinzia. Per combinare le arti, fondò l’Accademia delle Arti nel 1756. Le opere d’arte che ha raccolto, specialmente i pezzi antichi, hanno formato la base della collezione antiquaria di Berlino.

I suoi ultimi anni dopo lo scoppio della guerra nel 1756 furono oscurati non solo dal conflitto di lealtà tra gli interessi di suo fratello e quelli di Bayreuth, ma anche da una grave malattia. Guglielmina morì a Bayreuth il 14 ottobre 1758 e fu sepolta nella cripta del margravio nella chiesa del palazzo.

Opere

“La musica della sua opera ‘Argenore’ ci rivela Wilhelmine come una compositrice ambiziosa, esperta e attenta: l’elaborazione solidamente realizzata e affettivamente differenziata delle arie su larga scala, che risplendono di un lavoro virtuoso di coloratura, è altrettanto impressionante quanto la precisione declamatoria e la forma armonicamente sofisticata dei recitativi”. [2]

Sfortunatamente, solo poche delle opere di Wilhelmine sono sopravvissute oggi. Molti furono presumibilmente distrutti nell’incendio del Palazzo di Bayreuth nel 1753.

Una sonata per flauto e basso continuo in la minore fu probabilmente scritta nei primi anni 1730. Inoltre, è sopravvissuta l’opera in tre atti “Argenore”, che si dice abbia tratti autobiografici. Parla di un padre spietato e del matrimonio forzato di sua figlia.

La paternità di un concerto per clavicembalo e di due arie per la Festa teatrale “L’Uomo” è ora in dubbio.

Outlook

In occasione del 200° compleanno di Wilhelmine, la semi-opera “Wilhelmine” è stata presentata in anteprima al Teatro dell’Opera Margravial di Bayreuth il 25 aprile 2009. Il testo è di Uwe Hoppe, la musica di Hans Martin Gräbner. Hans Martin Gräbner ha anche scritto un musical stilisticamente completamente diverso su Guglielmina, che sta ancora aspettando la sua prima mondiale.

Fonti
1 ….. Lettera di Guglielmina a Federico II, Geheimes Staatsarchiv Preußischer Kulturbesitz, BPH Rep 46 W 17, vol. II,3, fol. 33 recto. Quelle

2 ….. Wolfgang Hirschmann 1995 nella prefazione all’edizione stampata della partitura dell’Argenore, Quelle.

 

Quellen:

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Pin It on Pinterest

Share This