Cavalieri di Bamberg

 

 

da Stefan Havlik

Viene visitato un mistero: il “Cavaliere di Bamberg”.

Dal IX secolo, la gente si è stabilita dove oggi parliamo di Bamberg. La città vescovile sovrasta la città borghese, ponti impressionanti collegano le due parti della città. La cattedrale di Bamberg si erge sopra il Regnitz, affidata al patrocinio di Sant’Enrico, sede dell’arcivescovo fino ad oggi – e al suo interno l’unica tomba di un papa a nord delle Alpi: Papa Clemente II. Papa Clemente II morì nel 1047 in circostanze ancora non del tutto chiare, dopo un pontificato di dieci mesi, e preferì la sua ex chiesa episcopale come luogo di sepoltura: il suo corpo fu trasportato a Bamberg – nella “Roma tedesca”, la cui cattedrale era un tempo simile alla vecchia San Pietro nella città sul Tevere.

In questa chiesa episcopale incontriamo un’opera d’arte molto controversa: non nel senso di una rivalità di gusto, ma in una vera e propria disputa tra studiosi che va avanti da circa 200 anni. La domanda che è stata discussa e considerata più e più volte è: chi rappresenta il più antico rilievo equestre post-antico, realizzato in pietra arenaria di canna da un maestro sconosciuto nel XIII secolo?

Sarebbe stato concepibile, nell’Europa inequivocabilmente cristiana dell’epoca, raffigurare in un luogo di culto un sovrano secolare, che non è né sepolto né ha condotto una vita santa? Questo può essere chiaramente messo in dubbio. Fin dai tempi dell’antichità, le statue equestri hanno adornato piazze, castelli e viali – ma un luogo di culto ha sempre raffigurato figure della storia della salvezza e santi.

Se guardiamo il cavaliere di Heinrichsdom alla luce della reputazione di Bamberga come “Roma del Nord”, la rappresentazione dell’imperatore Costantino sarebbe possibile. Attraverso la decisione di Costantino, che fu battezzato solo sul letto di morte – come vuole la leggenda – il cristianesimo, che era a volte più, a volte meno perseguitato a seconda della volontà dell’imperatore in carica, divenne rapidamente la religione di stato.

Costantino, come è splendidamente raffigurato più e più volte da artisti di molti secoli, riceve in sogno l’ordine di porre le sue azioni militari sotto il monogramma di Gesù Cristo. Le truppe di Costantino sono vittoriose, il suo rivale per il potere a Roma è sconfitto. Questo imperatore dell’Impero Romano, che per molto tempo fu persino accreditato di aver donato l’Italia centrale alla Chiesa – per quanto abbia plasmato la storia cristiana dell’Europa, sarebbe difficile immaginarlo raffigurato senza armi e senza il monogramma di Cristo, che con lui ha costruito il ponte dal continente antico a quello cristiano.

Il cavaliere è un memoriale di un uomo assassinato? Il 21 giugno 1208, Filippo di Svevia, re della dinastia degli Hohenstaufen, partecipò al matrimonio di sua nipote Beatrice di Borgogna con il duca Otto di Merania a Bamberg – poche ore dopo la liturgia e il banchetto, fu assassinato nelle sue stanze da Otto von Wittelsbach. Gli ambiziosi progetti di matrimonio per sua figlia Cunegonde avevano messo il nobile assassino sulla mappa. Prima di essere riseppellito nella cattedrale di Spira dopo pochi anni, fu prima deposto nella chiesa vescovile di Bamberga. Tuttavia, si può escludere che proprio in questa cattedrale si volesse erigere un monumento al re Filippo, che fu bandito dalla chiesa per sei anni. Dopo tutto, il vescovo di Bamberga, Eckbert von Andechs-Meran, era considerato da tempo complice del complotto omicida: non avrebbe certo accettato di erigere un monumento all’assassinato per evitare che la questione della sua colpa diventasse una pietra che resistesse al tempo.

La cattedrale della città sul fiume Regnitz – non è solo il luogo della misteriosa figura equestre e l’ultima dimora di un papa, ma ospita anche le tombe di una coppia santa: il fondatore del vescovado, Heinrich II, e sua moglie Kunigunde, le cui alte tombe imponenti si possono visitare oggi nelle immediate vicinanze della figura equestre. Alcune rappresentazioni di Enrico II, che fu canonizzato da papa Eugenio II. Tutte mostrano un sovrano impressionante con una lunga barba. È improbabile che questo sia diverso nell’impressionante rilievo del cavaliere, improbabile anche che Enrico, tra tutti, non sia stato raffigurato come imperatore nella cattedrale del vescovado da lui fondato, ma – a parte la semplice corona – senza insegne, e quindi come re o duca.

Nell’interpretazione di un’opera d’arte, nessuna maggioranza decide tra giusto e sbagliato. Tuttavia, bisogna notare che per diversi decenni, numerose interpretazioni hanno raffigurato Santo Stefano (Istvan) d’Ungheria con il “Cavaliere di Bamberg”. Poiché gli sviluppi e gli orrori del XX secolo hanno lasciato la Germania meridionale molto lontana dalla terra dei magiari, è utile ricordare la vicinanza del santo re ungherese a Bamberg: fu Gisela di Baviera con cui Stefano I si fidanzò nella città bavarese di Scheyern – e questa Gisela era la sorella dell’imperatore Enrico II.

Il re d’Ungheria non era quindi solo conosciuto come colui che trasformò il paese, un tempo temuto per il suo forte esercito di cavalieri, in un paese cristiano, ma era anche parte della rete di alta nobiltà che governava il destino dell’Europa in un momento decisivo. Tuttavia, Stefano è specificamente legato alla cattedrale di Bamberg da una leggenda non molto lusinghiera per il monarca: si dice che sia entrato in chiesa a cavallo mentre non era ancora battezzato:

“Il destriero ungherese vede il
il lume di candela, è spaventato.
Il Signore è istruito dal suo stesso cavallo
che qui sta calpestando un terreno sacro” 1

scriveva Andreas Haupt nel 1842.

Per quanto questo possa essere associato alla rappresentazione del cavallo sveglio, anzi quasi spaventato, i fatti storici in realtà relegano questo racconto nel regno della leggenda: Il matrimonio con la principessa bavarese Gisela fu senza dubbio preceduto dal battesimo del magiaro, che a sua volta fu seguito dalla sua incoronazione a re – nel 1002, quando non c’era ancora la cattedrale di Bamberg, quindi Istvan non può averlo visto come un pagano.

Lo sguardo attento e laterale del cavaliere, tuttavia, può essere un indizio per l’interpretazione dell’opera d’arte, che quasi certamente è rimasta in questo luogo durante i secoli. Il suo sguardo è diretto verso il coro occidentale – dove suo cognato Enrico II e sua moglie giacciono nelle loro tombe da secoli. È possibile che Stefano si sia fermato a Bamberg durante il suo pellegrinaggio ad Aquisgrana (o Colonia?) e abbia appreso solo lì della morte dei suoi due parenti. Ciò che è certo è che l’artista ha deliberatamente raffigurato la linea di collegamento tra la reazione del cavaliere e la tomba – né l’imperatore di Roma Costantino né il re Filippo di Svevia avrebbero avuto motivo di farlo.

Visto il luogo di culto cristiano, si pensa anche che potrebbe essere nientemeno che il Re dei Re stesso che l’artista ha raffigurato qui in modo così impressionante: Il “Cavaliere di Bamberg” come il Messia che – come sottolinea Hannes Möhring nel 2004 – non porta la spada, ma la cui arma è la parola che esce dalla sua bocca leggermente aperta – e che non ha bisogno di insegne, poiché è semplicemente il dominatore di tutto e di tutti? Guarda forse all’Occidente, dove gli eserciti cristiani respingono l’Islam dei Mori e così il dominio della Chiesa guadagna ulteriore spazio?

Il cavaliere era una volta assemblato da cinque pezzi e la sua presa è un appoggio quasi incurante del rilievo contro il pilastro. Il fatto che rimuovere la figura significherebbe anche la sua simultanea distruzione lo ha salvato. Fu nientemeno che il Reichsmarschall Hermann Göring a richiedere la figura, come tante opere d’arte dell’Europa centrale, per la sua tenuta di campagna Karinhall – ma fu persuaso che il cavaliere doveva rimanere dove aveva già vissuto tanti secoli di storia secolare ed ecclesiastica.

Se la cupidigia di Göring minacciava l’esistenza dell’opera d’arte, fu il Terzo Reich ad aiutarla a raggiungere una grande notorietà, anche se carica di ideologia: la dittatura del nazionalsocialismo adorava il “gentiluomo” e lo trovava nelle vesti del “cavaliere bianco” con preferenza nella scultura del Medioevo.

Il fatto che il cavaliere di Bamberg sia raffigurato disarmato e su un cavallo modesto in confronto a numerose statue equestri non ha impedito agli ideologi di appropriarsene – nemmeno il fatto che il rilievo avesse spazio in un luogo di culto dove il Vangelo di Gesù Cristo è stato proclamato per generazioni ha potuto frenarli: Manifesti e libri sull’allegoria di un “eroe tedesco” passarono per le tipografie e persino una banconota della Reichsbank era adornata da lui, fino a quando la dittatura e la grandine di bombe (da cui la figura doveva essere protetta da un bunker protettivo appositamente installato) arrivarono alla fine.

L’imperatore di Roma Costantino, il sovrano tedesco Enrico II, il santo re d’Ungheria Stefano, l’assassinato Filippo di Svevia – infine anche il Re dei Re, il Messia che ritorna e che conclude l’era del mondo con l’Apocalisse secondo Giovanni – in una figura equestre di due metri si possono trovare tante interpretazioni molto diverse ma sempre significative nel corso dei secoli di contemplazione. Chiunque guardi il “Cavaliere di Bamberg” oggi può sperimentare una passeggiata attraverso secoli di storia cristiana ed europea nelle molte interpretazioni – e vede raffigurato un essere umano attento e concentrato che dedica la sua attenzione interamente a ciò che è interessante – un segno importante in un tempo di un diluvio quasi incontrollabile di informazioni, l’inflazione di opinioni e l’arbitrarietà nella cultura e nella visione del mondo.

1 ….. Bamberger Legenden und Sagen, Bamberg 1842 – 2. verm. Auflage: Buchner’sche Verlagsbuchhandlung, Bamberg 1878 – aktuell: Gerhard Krischker (Hrsg.), 2002

2 ….. Hannes Möhring: König der Könige, Der Bamberger Reiter : In neuer Interpretation

Volete essere informati sulle ultime attività?
Storia culturale della cucina viennese
La storia di Selma Lagerlöf
L’origine dell’operetta
Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This