Palazzo Ducale
Palazzo della Signoria

 

 

 

 

da Christian Schaller

Il Palazzo Ducale a Venezia e il Palazzo della Signoria a Firenze

Venezia e Firenze sono certamente tra i punti salienti di un tour dell’Italia. Entrambe le città crebbero enormemente in dimensioni, ricchezza e potere, soprattutto nel tardo Medioevo, e furono tra le metropoli più importanti d’Europa durante il Rinascimento. La gigantesca cupola della Cattedrale fiorentina sopra i tetti rossi della città o il grazioso arco del Ponte di Rialto sul Canal Grande, fiancheggiato da numerosi negozi, sono viste famose e popolari in tutto il mondo.

Per quanto la religione e l’economia fossero importanti a quei tempi, i veri centri di potere erano altrove in entrambe le città. Nella Repubblica di Firenze, questo era il Palazzo Vecchio, originariamente chiamato Palazzo della Signoria, cioè il palazzo del Parlamento della città. A Venezia, il Doge governava come capo della città e la sua sede era il Palazzo Ducale in Piazza San Marco. Questo articolo presenta ed evidenzia questi importanti edifici e centri di potere. Il periodo in cui entrambi gli edifici secolari furono eretti, cioè il XIV secolo, appartiene al tardo Medioevo. Lo stile predominante al momento della loro costruzione era il tardo gotico, che però fu rapidamente sostituito dal Rinascimento.

Per tutto il Medioevo, fino al XIV secolo, ci furono ancora diverse epidemie di peste, la peggiore delle quali avvenne nel 1348 e uccise gran parte della popolazione europea. Questa ondata di peste probabilmente infuriò particolarmente nelle città italiane. Seguirono crisi nell’agricoltura, nelle miniere e nel commercio. La società e la cultura iniziarono a cambiare radicalmente nei decenni successivi. I cambiamenti riguardavano la politica, l’economia ma anche il mondo intellettuale. L’atteggiamento verso la vita è tornato lentamente più positivo e mondano dopo gli anni di sofferenza. Questi cambiamenti e punti di vista dovevano essere l’origine di ciò che più tardi confluì senza problemi nell’epoca del Rinascimento.

Nemmeno gli effetti e gli ultimi contraccolpi della peste poterono rallentare il vero e proprio boom edilizio nei secoli XIV e XV, cioè nel tardo gotico e nel primo rinascimento. Questo riguardava sia gli edifici sacri che quelli secolari. In questo periodo Firenze era ancora leader nell’industria tessile e più tardi nel settore bancario. Venezia, d’altra parte, aveva ampie relazioni commerciali nel Mediterraneo orientale e quindi stretti legami con l’impero bizantino.

Der Palazzo Vecchio in Florenz

La costruzione di Palazzo Vecchio iniziò nel 1299, sei anni dopo che le corporazioni fiorentine presero il potere. Come in molte città del tardo Medioevo, gli artigiani di Firenze divennero sempre più influenti e sicuri di sé fino a chiedere e ottenere anche la partecipazione al governo. L’edificio era considerato enorme all’epoca. Mentre era ancora sovradimensionato per gli affari politici quotidiani di Firenze quando fu costruito, in realtà stava già scoppiando come cuore della prospera metropoli dalla metà del XV secolo.

Palazzo Vecchio; ©Eagleeye56

Era un simbolo della fiducia in se stessi e del patriottismo della nuova classe dirigente, ma aveva anche lo scopo di proteggere il regime da attacchi violenti e dalle lotte di strada simili alla guerra civile che erano abbastanza comuni a Firenze. Ecco perché è stato deliberatamente fortificato, quasi come un castello. Mentre i piani inferiori apparivano massicci e difensivi, questo cambiava nei piani superiori, che si alzavano sempre più graziosamente verso il cielo.

La torre, visibile da lontano, era caratteristica dei municipi. Si può far risalire alla tradizione delle case nobiliari medievali con le loro torri di famiglia, come si può vedere ancora oggi a San Gimignano in Toscana o – se volete un esempio tedesco – a Rothenburg ob der Tauber.

Ancora di più, nel Medioevo gli edifici dovevano irradiare dignità e potere, un bisogno che cresceva soprattutto nella retrospettiva dell’antica architettura romana, le cui rovine si potevano trovare in tutta Italia. Segni tipici di questa desiderata dignità a Firenze e nelle forme architettoniche gotiche erano soprattutto le finestre bifore e il grossolano bugnato, come appaiono in una certa misura anche in forma di parata a Palazzo Vecchio. I bifori o le finestre a cupola si riferiscono a un’ampia apertura della finestra che è ulteriormente divisa da uno o più supporti, mentre un muro bugnato ha una superficie ruvida e giunti forti e profondi che hanno lo scopo di dare all’edificio un carattere rude e provocatorio. I merli ornati del palazzo, che secondo le loro origini servivano per la difesa, divennero anche una forma di grandezza – la parola chiave qui è magnificentia, che sarà definita dall’umanista Giovanni Pontano (1429-1503) come “la giusta misura nello sfoggio dello sforzo”.

In Palazzo Vecchio e nella maggior parte degli altri edifici di questo periodo, anche la simmetria ha giocato un ruolo importante. Chiese, castelli e palazzi nel Medioevo erano quasi sempre simmetrici. Nel caso di Palazzo Vecchio, questo non era possibile per ragioni di spazio. La pianta è irregolare, cosa che alcuni autori contemporanei hanno trovato deplorevole. Anche il cortile interno appare quadrato, ma doveva essere corretto più tardi da portici abilmente posizionati. Intorno al 1400, la simmetria desiderata si rifletteva poi anche nei palazzi di nuova costruzione dei ricchi fiorentini. Il boom edilizio di questi giorni era dovuto non da ultimo alla borghesia nascente e finanziariamente forte. Il famoso Palazzo Medici, progettato da Michelozzo a partire dal 1444, è stato anche ispirato da Palazzo Vecchio.

Il Palazzo Ducale a Venezia

Palazzo Ducale; ©a_lanzini

Anche a Venezia, una classe sociale aveva preso il vero potere nella città lagunare. A differenza degli artigiani e delle corporazioni di Firenze, però, qui erano i patrizi e i nobili. Tuttavia, l’aristocrazia al potere ha usato un sistema di governo repubblicano per oltre 500 anni. Dall’alto Medioevo, il capo della Repubblica marinara di Venezia era il Doge, un governante eletto a vita.

Nel Medioevo, tuttavia, i suoi poteri erano stati ridotti a tal punto che poteva essere considerato solo come un rappresentante strettamente sorvegliato del suo stato. Tuttavia, la sua residenza era magnifica e sontuosa e caratterizza ancora oggi il paesaggio urbano. Il Palazzo Ducale, il Palazzo dei Dogi sulla famosa Piazza San Marco, aveva due edifici precedenti, di cui oggi non rimane nulla. Nel nono secolo, la sede del potere veneziano fu trasferita per la prima volta in questo luogo. Fu costruito un forte, ma cadde vittima di un incendio nel 976. Solo dopo quasi 200 anni fu costruito un nuovo palazzo in questo luogo, con tre ali che racchiudono un cortile interno. Dal 1340 in poi, questo complesso fu rimodellato nell’attuale edificio gotico. Le alterazioni continueranno fino al XV secolo. Anche le facciate furono unificate alla fine, così che il palazzo appare all’osservatore di oggi come se fosse stato fuso da un unico stampo.

Nel 1438 iniziò anche la costruzione della Porta della Carta, che creò un collegamento con la Cattedrale di San Marco, direttamente adiacente, sottolineando così la stretta connessione tra il palazzo a sud e la chiesa a nord. Le facciate che si affacciano sulla piazza e sulla laguna hanno un’incredibile apertura grazie alle loro arcate continue e al piano superiore della loggia. Il cortile interno era aperto al pubblico in una certa misura. L’architettura chiusa e i muri continui si trovano solo ai piani superiori, dove sembrano quasi pesare sugli archi ariosi.

La stanza più grande era ed è la sala del Gran Consiglio, l’elemento centrale del governo veneziano. L’appartamento del Doge occupa solo un ruolo secondario nel palazzo. Anche nella sua prima forma, il Palazzo Ducale conteneva il potere giudiziario, esecutivo e legislativo in un solo edificio, cioè era una residenza collettiva per tutta la Repubblica. La tradizione edilizia era considerata molto importante a Venezia, così i palazzi delle famiglie aristocratiche furono sempre costruiti secondo lo stesso principio per secoli. Tuttavia, lo stile gotico arrivò a Venezia attraverso l’Italia settentrionale, con gli scalpellini nelle loro squadre di costruzione itineranti che erano così tipiche del Medioevo. In nessun’altra parte del mondo ci sono così tanti edifici secolari gotici sopravvissuti come a Venezia, ed è a Palazzo Ducale in particolare che le influenze straniere possono essere viste più chiaramente.

La grande sicurezza del governo è anche evidente nel fatto che gli edifici di tutti i principali periodi stilistici, sia gotici che rinascimentali o barocchi, hanno variazioni e adattamenti specificamente veneziani. Un altro punto importante è, naturalmente, la sfera d’influenza di Venezia, sempre più ampia. La città era ancora un avamposto dell’impero bizantino all’inizio del Medioevo, ma presto divenne indipendente, ma ancora collegata a Bisanzio. Divenne il fulcro del commercio tra Oriente e Occidente nel tardo Medioevo. Le varie corporazioni e il Doge volevano naturalmente mostrare la loro ricchezza e il loro potere in modo appropriato, e per questo avevano bisogno di una residenza ufficiale di rappresentanza.

Il Palazzo Ducale è orientato verticalmente, conduce l’occhio nel senso della lunghezza. L’impressione di larghezza monumentale è altrettanto intenzionale quanto l’effetto simultaneo di leggerezza, apertura, eleganza e traslucenza. Anche il design bianco e rosa-bianco dei massicci piani superiori lo sottolinea. Il palazzo si “condensa” ad ogni piano. Ampi archi al piano terra, archi stretti sopra e infine un muro chiuso – esattamente la controparte architettonica di Palazzo Vecchio a Firenze.

Palazzo Ducale; ©Marcosssssssss

Se si guarda Venezia da una prospettiva a volo d’uccello, si nota subito una chiara differenza con le altre città medievali e della prima età moderna: non ci sono mura. La posizione dell’isola in mezzo alla laguna è sempre stata aperta e accessibile da tutti i lati, finché si possedeva una nave. Poi ci sono gli innumerevoli canali che portano in profondità nella città. A differenza di Firenze, non ci sono palazzi nobiliari simili a castelli con torri e mura. Venezia dipendeva dal commercio fin dall’inizio. Doveva essere cosmopolita fin dall’inizio. E da un certo punto in poi, la città era allora abbastanza potente per gestire la sua posizione con molta sicurezza e farne un elemento della sua presentazione del potere.

Conclusione

A prima vista, Firenze e Venezia offrono due impressioni diverse di come il potere può essere presentato, da un lato essendo chiuso e fortificato, poi di nuovo aperto e perspicace. I concetti spaziali di entrambi gli edifici riflettono il potere urbano nei loro modi individuali.

L’architettura non ha solo un uso pratico ma anche sociale e societario. Di solito si riconoscono gli edifici importanti dalla loro forma, dimensione, preziosità e bellezza. Ma non solo la grandezza, anche lo stile potrebbe avere un valore sociale. Il Rinascimento è sempre stato associato al progresso, all’utilità e all’umanità. I governi di Venezia e Firenze, ma anche Roma e numerose altre città, adottarono il nuovo stile a volte anche per il suo significato simbolico. Alla gente piaceva prendere in prestito dall’antichità, non solo in Italia. A Venezia, invece, questo non significava prendere in prestito da Roma, ma dalla Seconda Roma d’Oriente, da Costantinopoli e dall’Impero Bizantino.

Tuttavia, le forme gotiche si trovavano ancora nel XVI secolo, a volte anche più a lungo a nord delle Alpi. Anche se il gotico era spesso considerato barbaro e antiquato durante il Rinascimento e l’Umanesimo, era anche considerato come dotato di una certa dignità e tradizione. Sia il Palazzo Vecchio che il Palazzo Ducale sono fondamentalmente gotici. Ci sono state numerose occasioni in cui entrambi gli edifici sono stati ricostruiti o alterati, e in alcuni casi sono stati aggiunti elementi del Rinascimento o di altri periodi stilistici, per non parlare della decorazione interna. Ma nella loro forma di base, lo stile dei due edifici non è mai stato fondamentalmente trasformato, in parte perché la tradizione e la legittimità erano viste in essi.

Entrambi gli edifici sono stati caratteristici dei loro rispettivi paesaggi urbani per secoli. Entrambi gli edifici sono determinanti per l’architettura delle loro città d’origine e non solo. Ed entrambi gli edifici sono importanti edifici laici del tardo gotico e del primo Rinascimento e allo stesso tempo espressione di concetti spaziali del potere urbano, una volta attraverso la recinzione e una volta attraverso l’apertura.

Letteratura utilizzata
  • Günther, Hubertus: Was ist Renaissance?. eine Charakteristik der Architektur zu Beginn der Neuzeit, Darmstadt 2009.
  • Jestaz, Bertrand: Die Kunst der Renaissance, in: Ars antiqua / 3. große Epochen der Weltkunst, Freiburg 1985.
  • Rubinstein, Nicolai: The Palazzo Vecchio. 1298-1532 ; government, architecture, and imagery in the civic palace of the Florentine Republic, in: Oxford-Warburg studies, Oxford 1995.
  • Crum, Roger J.: Renaissance Florence. a social history, Cambridge 2006.
  • Zorzi, Alvise: Paläste in Venedig, München 1989.
  • Lauritzen, Peter: Venezianische Paläste, München 1980.
  • Wolters, Wolfgang: Der Bilderschmuck des Dogenpalastes. Untersuchungen zur Selbstdarstellung der Republik Venedig im 16. Jahrhundert, Wiesbaden 1983.

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This