Marie Ellenrieder

 

 

 

 

da Daniela Frey

Il pittore di Costanza Marie Ellenrieder
Fu la prima donna a studiare in una scuola d’arte tedesca e la prima donna ad essere autorizzata a dipingere arte per le chiese di Baden: la pittrice di Costanza Marie Ellenrieder (1791-1863).

Tutta la vita per l’arte

Infanzia e gioventù sul lago di Costanza

Marie Ellenrieder nacque a Costanza nel 1791, la più giovane di quattro figlie di una ricca famiglia borghese. A quel tempo, Costanza apparteneva alla provincia austriaca del Vorderösterreich e aveva una popolazione di circa 4.000 persone. Il padre di Marie era il maestro di orologi di corte del vescovo, sua madre proveniva da una nota famiglia di pittori. Era la figlia del pittore di chiese Franz Ludwig Hermann (1723-1791). Le quattro figlie di Konrad e Anna Maria Ellenrieder crebbero protette a Costanza, anche se la città visse tempi turbolenti negli anni successivi alla nascita di Marie Ellenrieder a causa della rivoluzione francese e fu occupata più volte.

Come le sue sorelle, Marie Ellenrieder ricevette la sua educazione scolastica di quattro anni nella scuola del convento domenicano di Zoffingen. Nell’istituto d’insegnamento e di lavoro di Zoffingen, molta enfasi era data ai lavori domestici e all’istruzione religiosa, mentre meno tempo era dedicato all’impartire conoscenze. La scuola del convento di Zoffingen era l’unica istituzione educativa per ragazze a Costanza a quel tempo. Una scuola secondaria per ragazze non esisteva fino alla seconda metà del XIX secolo.

Nel 1805 – Ellenrieder aveva 14 anni e i suoi anni di scuola erano già passati – Costanza passò al Granducato di Baden in seguito alla Pace di Pressburg.

Da Costanza a Monaco

Già alla scuola del convento, Marie Ellenrieder riceveva spesso elogi per la sua bella scrittura. Il suo talento artistico si è poi manifestato anche in gioventù. All’età di 19 anni, iniziò un apprendistato presso il pittore di miniature di Costanza Joseph Einsle, che terminò dopo tre anni. La pittura in miniatura era popolare nei circoli borghesi dell’epoca ed era spesso praticata da artiste donne.

Luogo di nascita di Marie Ellenrieder, © Daniela Frey

Forse verso la fine del suo apprendistato, o anche prima, Ignanz Heinrich von Wessenberg (1774-1860), vicario generale della diocesi di Costanza, si accorse della giovane artista. In lui ha trovato un mentore che l’avrebbe incoraggiata per molti anni. Fu grazie a Wessenberg che Marie Ellenrieder fu la prima donna ad essere ammessa in un’accademia d’arte tedesca per studiare correttamente: nel 1813 iniziò i suoi studi all’Accademia Reale di Belle Arti di Monaco, dove studiò fino al 1816.

Artista freelance a Costanza

Dopo aver completato i suoi studi, Ellenrieder tornò a Costanza e visse di nuovo nella casa dei suoi genitori. Lì suo padre aveva allestito il suo studio. Ricevette le sue prime commissioni attraverso la mediazione del suo mentore Wessenberg e il suo talento per il ritratto si diffuse presto oltre i confini della città. Negli anni seguenti dipinse i ritratti della famiglia principesca di Fürstenberg, tra gli altri, e produsse le sue prime opere per la casa di Baden. Nel 1820 le furono commissionate tre pale d’altare per la chiesa di San Nicola a Ichenheim, il che la rese la prima donna del Baden a poter produrre arte per una chiesa cattolica!

Roma, il grande sogno

Nel 1822, il pittore partì per un viaggio a lungo atteso a Roma. Lì visse con la sua amica Katharina von Predl (1790-1871), che già conosceva dal suo periodo a Monaco e che aveva già vissuto a Roma per qualche tempo. Ellenrieder ha lavorato molto durante i suoi anni a Roma. Ha studiato e copiato opere di vecchi maestri, ma ha anche creato i suoi propri dipinti. A Roma Marie Ellenrieder conobbe anche la pittrice di Weimar Louise Seidler (1786-1866), che aveva solo pochi anni più di lei e con la quale rimase in contatto anche in seguito. La sua conoscenza e il lavoro comune con i cosiddetti Nazareni, un gruppo di pittori intorno a Friedrich Overbeck (1789-1869), hanno avuto un’influenza formativa sul suo stile artistico.

Marie Ellenrieder, pittrice di corte di Baden

Marie Ellenrieder tornò da Roma a Costanza nell’aprile del 1825 e dipinse altre pale d’altare per chiese cattoliche negli anni seguenti. Nel 1827 fu finalmente incaricata dal Granduca di Baden Ludwig di dipingere il quadro dell’altare principale per la chiesa di Santo Stefano a Karlsruhe. Sempre nel 1827 ricevette la medaglia per l’arte e la scienza del Badischer Kunstverein.

Nel 1829 il Granduca di Baden la nominò pittrice alla corte di Baden, il che era collegato ad uno stipendio onorario annuale di 300 gulden. Più tardi, il salario fu aumentato a 500 gulden – l’artista lo aveva chiesto. In cambio, però, doveva ora consegnare un “dipinto obbligatorio” a Karlsruhe ogni anno.

Le sue commissioni portarono Marie Ellenrieder a Zurigo, Schaffhausen, Basilea, Donaueschingen, Sigmaringen e Karlsruhe. Per la maggior parte, riuscì a guadagnarsi da vivere bene con la sua arte e, insieme a sua sorella Josefine, si concedeva vacanze e soggiorni in un centro di cura. Ha anche intrapreso un secondo viaggio a Roma nel 1838-1840 insieme a sua sorella.

Negli ultimi due decenni della sua vita Ellenrieder fu sempre più afflitta dalla malattia, ma lavorò ancora diverse ore al giorno e creò molte più opere nei suoi ultimi anni. Morì il 5 giugno 1863 all’età di 72 anni nella casa dove era nata, probabilmente a causa di una polmonite.

Da Costanza a Monaco

Marie Ellenrieder fu educata molto religiosamente e la sua profonda pietà aumentò sempre più nel corso della sua vita. Influenzata dalla madre profondamente religiosa e certamente anche dalla sua educazione nella scuola del convento, sentiva però spesso di non essere abbastanza pia.

Nel 1844 annotò nel suo diario:

“Oh, santo Dio, che giornata è stata! Una giornata piena di vanità e di fatica amara, mi sento completamente e completamente indebolito. Quello che ti ho offerto oggi, o Dio, come dono, cioè di non lamentarmi più, l’ho mantenuto fedelmente, ma vedi, ero carente in un altro modo. Ho voluto essere buono, ho parlato, ho chiesto, ho lusingato, ho accompagnato, oh che misera stupidità ho praticato! Sono cose degne di una persona sensata! Nel mio 53° anno, non sarò ancora padrone di me stesso, Signore, sulla miseria del mondo? Dopo che Dio mi ha già reso tutto questo così profondamente evidente. – Non posso nemmeno comprendere la mia indulgenza sensuale in questo: sono più debole di tutti i deboli”. (citato da Edwin Fecker)

Marie Ellenrieder – pala d’altare Trinità, © Daniela Frey

Ellenrieder voleva servire Dio e l’arte. Per lei, l’arte era un servizio a Dio. Probabilmente aveva già preso questa decisione nel 1820 dopo la morte di sua madre. Dopo il suo ritorno da Roma, influenzata dall’arte dei Nazareni, si allontanò dalla ritrattistica, almeno interiormente, e si orientò verso l’arte religiosa.

Nel corso degli anni, la fede cattolica e la Chiesa cattolica diventarono sempre più un dogma per lei. Così, anche durante la rivoluzione di Baden, temeva innanzitutto che la Chiesa potesse essere danneggiata dagli sforzi democratici.

Vita privata, vita professionale e nessuna vita amorosa

A parte i momenti in cui era in viaggio o quando le commissioni richiedevano la sua presenza sul posto, Ellenrieder viveva e lavorava nella casa dei genitori. Dopo la morte del padre nel 1834, visse con la sorella maggiore, anch’essa nubile, Josefine, fino alla sua morte. Josefine si occupava della casa, degli ospiti e delle necessità quotidiane. Ellenrieder lavorava instancabilmente, anche quando era malata e nella sua vecchiaia sedeva ancora per molte ore al giorno alle sue opere d’arte.

Marie Ellenrieder non si è mai sposata. Tutta la sua vita era riservata al suo lavoro, alla sua arte. Non c’era spazio per un marito e dei figli, anche se certamente non le mancavano gli ammiratori. Era finanziariamente indipendente, perché guadagnava bene con la sua arte. Pagava bene i suoi lavori su commissione e non esitava a mandare solleciti ai clienti inadempienti. Per esempio, nel 1839 scrisse in una lettera al suo buon amico Karl Christoph von Röder (1789-1871), che aveva acquistato un quadro da lei:

“Permettetemi, tuttavia, di non nascondervi il mio stupore per il fatto che non mi avete trasferito la somma concordata per intero, né l’importo che avevo pagato per la cornice; pensavo di poterla aspettare in modo così affidabile che me ne sono liberato prima di partire. – Da allora ho dovuto cambiare i miei conti, il che è sempre più difficile con le lettere. Non è vero, caro amico! Invierete gli arretrati molto presto?  Così avrei dovuto ricevere 500 f per il quadro, e per la cornice e la scatola non so più 48, o 50 f, naturalmente ho lasciato a casa il conto ricevuto dal signor Weber, ma ve l’ho scritto nella mia penultima lettera. Tuttavia, tutto sommato, solo 455 f sono venuti, quindi sarei ancora quasi 100 f troppo buono”. (citato da Edwin Fecker)

Marie Ellenrieder era conservatrice nelle sue opinioni politiche e religiose, persino arci-conservatrice man mano che cresceva. In altre aree, tuttavia, si dimostrò progressista e autodeterminata: studiò, intraprese il suo primo viaggio a Roma da sola e realizzò il suo desiderio di viverci per un po’. Non è usuale per una donna sola di una famiglia della classe media. Inoltre, riuscì a farsi strada in un campo dell’arte che era prevalentemente dominato dagli uomini e divenne una pittrice di corte alla corte di Baden.

Targa commemorativa di Maria Ellenrieder, © Daniela Frey

Opere di Marie Ellenrieder

Di seguito troverete una selezione di opere di Marie Ellenrieder in musei e chiese.

Musei
Museo Rosgarten, Rosgartenstrasse 3-5, 78462 Costanza
Galleria comunale Wessenberg, Wessenbergstraße 41, 78462 Costanza
La Kunsthalle Karlsruhe possiede anche opere di Ellenrieder, che potete vedere nella collezione digitale.
Chiese
Pale d’altare nella chiesa di San Nicola a Ichenheim (Hauptstraße 42, 77743 Ichenheim)
Pala d’altare e pittura dell’altare laterale nella Bartholomäuskirchein Ortenberg (Offenburger Str. 11, 77799 Ortenberg)
Pittura dell’altare maggiore a Stephanin Karlsruhe (Erbprinzenstr. 16, 76133 Karlsruhe)
Pittura di San Carlo Borromeo a Karl Borromäusin Diersburg (Waldrain 1, 77749 Hohberg)
Pittura ad olio nella cappella del castello di Callenberg (Callenberg 1, 96450 Coburg-Beiersdorf)
Pittura su un altare laterale nella Dreifaltigkeitskirche di Konstanz (Sigismundstraße 17, 78462 Konstanz)
Pittura a Nikolausin Radolfzell-Böhringen (Singener Str. 16, 78315 Radolfzell am Bodensee)

L’originale è apparso su: Textdestille – Una vita intera per l’arte: la pittrice di Costanza Marie Ellenrieder
Letteratura utilizzata
  • Katharina Büttner:Vor der Fassade von „Schutzgeist“ und „Kunstgenius“. Ignaz Heinrich von Wessenberg und die Künstlerin Marie Ellenrieder – Essay einer Spurensuche, in: Barbara Stark (Hg.): Ignaz Heinrich von Wessenberg. 1774-1860. Kirchenfürst und Kunstfreund. Katalog zur gleichnamigen Ausstellung in der Städtischen Wessenberg-Galerie 30. Juni-12. September 2010.
  • Tobias Engelsing, Barbara Stark (Hg.):Einfach himmlisch! Die Malerin Marie Ellenrieder 1791-1863. Katalog zur gleichnamigen Ausstellung des Rosgartenmuseums und der Städtischen Wessenberggalerie Konstanz 18. Mai bis 25. August 2013.
  • Edwin Fecker:Marie Ellenrieder. Handschriftlicher Nachlass: http://www.edwin-fecker.de/index1.htm
Volete essere informati sulle ultime attività?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This