Jolivets Incantations per flauto solo

da Anja Weinberger

Il compositore André Jolivet (1905-1974) non è facile da capire; la sua musica sfida la classificazione. Anche se scrisse più di 200 opere per tutti i generi e fu costantemente alla ricerca di nuove strade, un tema principale sembra tuttavia dominare il suo lavoro: L’umanesimo in un mondo diverso.

Dopo essersi formato come insegnante di scuola elementare, ha iniziato a praticare la sua dotta professione. Tuttavia, ha preso lezioni di composizione e orchestrazione allo stesso tempo.

La sua casa dei genitori era piuttosto artistica. Ha scoperto presto il pianoforte e presto il violoncello, oltre a dipingere, scrivere poesie e recitare.

Il suo incontro con Edgar Varèse nel 1929, che all’epoca viveva già negli Stati Uniti, lo emozionò molto. Jolivet divenne l’unico allievo europeo di Varèse e fu un buon maestro per lui, sia musicalmente che filosoficamente.

A partire dal 1935, la sua carriera musicale decolla. Nel 1936, fonda il gruppo La Jeune France insieme a Messiaen, Daniel-Lesur e Baudrier.

Anche la seconda guerra mondiale lo segnò e dal 1942, con l’aiuto di una borsa di studio, poté finalmente dedicarsi interamente alla composizione. Negli anni seguenti, Jolivet fu per un certo periodo direttore musicale della Comédie-Française, diresse il Centre Français d’Humanisme Musical, insegnò composizione al Conservatorio di Parigi come successore di Darius Milhaud e intraprese numerosi viaggi all’estero.

Fu consigliere tecnico di André Malraux nella Direzione generale delle arti e delle lettere del Ministero della Cultura, presidente di numerose associazioni culturali e fu ricoperto di premi fino alla sua morte nel 1974.

Questi sono i fatti. La sua musica parla una lingua diversa. Qui non è un intellettuale parigino, ma piuttosto un umile cittadino del mondo con una musicalità multilingue e di vasta portata.

Noi flautisti abbiamo sui nostri leggii un esempio impegnativo, sonoro e molto toccante del suo linguaggio tonale con le 5 Incantesimi. Ognuno dei 5 incantesimi richiede molto. Tecnica, tono, controllo del respiro, tutto è teso al limite.

I soli titoli delle cinque frasi ci immergono in un altro mondo:

Pour accueillir les négociateurs – et que l’entrevue soit pacifique
Pour que l’enfant qui va naitre soit un fils
Pour que la moisson soit riche qui naitra des sillons que le laboureur trace
Pour une communion sereine de l’être avec le monde
Aux funérailles du chef – pour obtenir la protection de son âme

Una traduzione approssimativa potrebbe essere:

Per dare il benvenuto ai negoziatori e perché i successivi colloqui siano pacifici.
Che il bambino che nascerà presto sia un figlio
Affinché il raccolto nel campo coltivato dal contadino sia ricco
Affinché l’uomo possa vivere in armonia con il mondo
Per celebrare la morte del capo – per chiedere protezione per la sua anima

5 Incantations: No. 1, Pour accueillir les négociateurs – et que l’entrevue soit pacifique

5 Incantations: No. 2, Pour que l’enfant qui va naître soit un fils

André Jolivet – Incantation Nº 3 – Jean-Pierre Rampal

5 Incantations: No. 4, Pour une communion sereine de l’être avec le monde

5 Incantations: No. 5, Aux funérailles du chef – pour obtenir la protection de son âme

In occasione di questo lavoro, una citazione di Jolivet: “Il flauto è lo strumento musicale per eccellenza. È, dopo tutto, animato dal respiro che sgorga dalle profondità dell’umanità e dà i toni ciò che viene dalle viscere e allo stesso tempo significa il cosmico”.

Jean-Pierre Rampal, per il quale Jolivet aveva composto l’altra grande opera per flauto – Chant de Linos – fu uno dei primi a suonare regolarmente le Incantations nei suoi concerti.

Volete essere informati sulle ultime attività?
Libri sulla storia culturale
Il mondo della musica classica
Tutti gli articoli sulla storia del flauto

Pin It on Pinterest

Share This