Jubilate Deo

da Mirko Rechnitzer

Il fenomenale offertorio “Jubilate Deo” è uno dei più famosi canti gregoriani. Contiene passaggi ampi, espansivi e inconfondibilmente melismatici.

I canti del genere “Offertorium” sono stati cantati all’Offerta nella Messa, quindi in senso stretto sono canti per l’Offertorium: perché questa è la parola latina per questa sezione della liturgia romana. Questi canti consistevano in realtà in un cifrario (un’antifona), al quale una schola (o anche la congregazione) poteva unirsi, e in versi solistici.

I versetti degli offertorio non sono quasi più cantati nelle funzioni religiose da molto tempo, cioè non più di 60 anni fa, quando il canto gregoriano poteva ancora essere ascoltato regolarmente nelle messe cattoliche. Anche la loro semplice esistenza è spesso sconosciuta, anche tra i coristi e i direttori di schola.

I versetti per l’offertorio erano originariamente salmodiati in modo semplice. Questo significa che si usavano schemi melodici in cui la maggior parte del testo era distribuita su un certo tono, il cosiddetto tenore. Certe formule servivano per abbellire e segnare gli inizi dei versi, le cesure e i finali.

La musica elaborata per i versetti dell’offertorio venne più tardi come uno degli ultimi generi di canto corale. E sono tra i canti più difficili del repertorio gregoriano. In molti casi fanno grandi richieste tecniche ai cantanti, e i musicologi sentono i limiti della loro comprensione dei modi (chiavi).

Attraverso le loro varie sezioni, questi canti attraversano un ampio ambitus che rompe i normali confini del repertorio corale. Tuttavia, i passaggi molto alti e molto bassi, quando si verificano in un canto, appaiono in versi diversi. Così, c’è la possibilità che diversi cantanti con diverse gamme vocali abbiano diviso i versi tra di loro.

Dell’offertorio “Jubilate Deo”, l’antifona è già insolitamente esigente, e i versi sono relativamente moderati. Quindi non c’è una chiara differenza. È tanto più interessante quanto finemente l’intero canto è modellato e trasporta il testo in musica. A differenza di altri articoli in cui ho trattato molte zavorre storiche e tecniche in relazione ai canti, vorrei concentrarmi qui sulla musica e illustrare la magia di questo canto.

Se volete seguire quanto ho descritto con gli spartiti, potete usare la bellissima edizione disponibile sul ricco sito Gregor & Taube del ricercatore gregoriano Anton Stingl, Jr. Lì si può vedere il canto in notazione quadrata modificata, sopra di esso gli importanti neumi di San Gallo, e sotto il testo latino si può leggere una traduzione interlineare.

La musica inizia in modo potente ed energico, con una formula di apertura usata in molte melodie gregoriane. Nella maggior parte dei casi, la parola cantata con questa formula forma un imperativo. Non appena la nota fondamentale è stata avvicinata dal basso, l’arco sale fino alla quinta e un tono più in là. La chiamata a cantare la lode (“Jubilate!”) ha quindi un effetto enfatico.

Quel passo alla nota più alta della figura è cantato da vicino dai più, perché molte fonti scrivono un bemolle accidentale. Ma ci sono anche ragioni per supporre che fosse originariamente cantata con un b, e quindi per rendere il passo un po’ più grande. L’intero inizio suona molto meno come un minore moderno, e ha un carattere particolarmente potente. Che effetto si crea quando il secondo motivo, con il quale si canta la parola “Deo” (Dio), e che misura uno spazio di fa maggiore, segue l’inizio “doriano”!

Solo il cantante della seguente registrazione canta secondo la maggior parte delle considerazioni interpretative che descrivo qui. Pertanto, molto dovrà essere compreso sulla base di questa registrazione, anche se, in termini di suono, è in ritardo rispetto alle altre che inframezzo durante l’articolo:

Il canto continua: La chiamata a gioire è rafforzata dalle parole “tutte le terre”. Alternando due note, l’impulso prima parte e poi accelera verso l’alto. Un movimento a spirale segna il mondo intero, per così dire. Rendendo il movimento circolare prima grande, poi più piccolo, la prima frase, la prima affermazione musicale-testuale, si arrotonda allo stesso tempo. Avrete notato che nella figura immediatamente prima della sillaba “terra”, anche il cantante del video qui sopra introduce una b. Ma questo passaggio è anche molto affascinante con h!

La fine di quella prima frase è finita sul quinto livello della scala, la dominante: con essa, non c’è calma completa, ma la tensione è stata costruita. Questa tensione è sciolta: le parole “Jubilate Deo universa terra” sono ripetute di nuovo, e in un melisma che va oltre il quadro precedente: dopo un rapido affondo verso l’alto, una cascata scende verso il basso, ed energicamente le note salgono a spirale: Quello sbarramento attraverso figure alternate, come abbiamo sentito nella prima “universa”, è sfruttato qui come un blocco di costruzione. (Il video seguente inizia con la sezione descritta sopra).

In questo volo di fantasia ci sono note ripetute rapide e tremolanti. Sono indicati dai cosiddetti strofici, che sembrano piccole virgole nei neumi di San Gallo. Verso la fine della seconda riga dell’edizione di Stingl, possiamo riconoscere una lettera x nei neumi. Sta per “expectare” – bisogna aspettare, fare una pausa tesa prima che la voce salga ad altezze non ancora raggiunte in tutto il pezzo! Si perde molto se questo viene ignorato, come purtroppo fa la maggior parte dei cantanti. La fusione spesso praticata di note ripetute in un tono allungato diminuisce anche l’effetto vivace del canto gregoriano, ma non può distruggere la sua bellezza.

Quando la musica raggiunge la parola “Deo” per la seconda volta, la melodia suona identica alla prima volta. Anche il secondo “universa” inizia in modo abbastanza familiare. Diventa efficace quando il melisma di “terra” non finisce come al solito, ma risale proprio quando ci si aspetta che finisca. Il principio di equilibrio tra unità e varietà, tra sorpresa e struttura, è quindi efficace anche in questa musica gregoriana.

Se dovessi descrivere l’intero canto con tale chiarezza, potrei riempire un intero libretto. Questo non solo sarebbe noioso, ma anche inutile. Se sono riuscito a sensibilizzare l’attenzione su ciò che si può scoprire nella musica gregoriana guardando le prime frasi in dettaglio, si potrà anche capire le altre in modo più profondo. Non bisogna farlo così razionalmente come si fa in un articolo di mediazione, ma si potrà sperimentare sempre di più nel canto in modo implicito e vivido, senza tanto pensare. Così ora vorrei commentare alcuni aspetti della struttura di questo offertorio.

I nuovi versi, da “Psalmum dicite” in poi, risuonano in corse melodiche che giocano con l’avviamento e la distensione, con l’attesa e la novità, in modo comparabile. Ciò che colpisce qui, tuttavia, è l’accumulo di note allungate, che sono indicate nei neumi dalla lettera “t” per “tenete” (tenere) o tratti aggiuntivi. L’intero passaggio irradia una maggiore gravitas, creando un contrasto con l’inizio “giubilante”.

“Venite e ascoltate, e io vi dirò…”: La musica di questo invito è particolarmente memorabile. Da qui in poi, l’antifona del canto d’offertorio viene ripetuta dopo il versetto come una sorta di strofa di ritorno. L’inizio si distingue per la sua struttura, si potrebbe quasi dire, motivico-tematica: il motivo di “Venite” è sequenziato in modo leggermente variato nel registro inferiore per formare “et audite”. Il primo registro si sente di nuovo, e questa volta il flusso melodico continua a scorrere. (Di nuovo, ho sistemato la seguente registrazione in modo che cominci al posto giusto).

Per l’affermazione “voi tutti che temete Dio”, il tono della voce si abbassa, chiarendo la clausola subordinata. Allora l’obiettivo e il nucleo della dichiarazione risuona radiosamente: “quanto bene ha fatto il Signore alla mia anima!”. Il seguente Hallelujah completa l’antifona con una potente formula di chiusura della nota fondamentale, che era stata salvata fino ad ora.

Nelle strofe, i melismi raggiungono gradualmente una lunghezza ancora maggiore: così, nella prima strofa, un imponente filo tonale di perle è infilato in tre passi alle parole reddam, mea e labia. Anche nell’imponente onda sonora di “Labia” ci sono degli aumenti. Per esempio, la nota più alta si sente tre volte, ma la terza volta è preceduta da un’altra “x” per “(ab)warten”, come abbiamo già visto sopra. Nella performance linguistica e musicale, i piccoli ritardi causano sempre un’accentuazione. Questa enfasi può essere sottolineata dinamicamente e agogicamente, e la frase può essere lasciata fluire verso questa nota alta, per scaricarsi qui.

Allo stesso modo, nel secondo verso vediamo un ampio melisma alla parola “offeram” (offrirò o offrirà). (Nel video qui sopra si può ascoltare una bella registrazione della seconda strofa). Colpisce il frequente ripetersi della nota c. Un numero così grande di note ripetute su una tonalità relativamente alta sono una bella sfida per la voce; e interpretativamente, richiedono una capace e gustosa variazione di timbro. La parola “offeram” è significativa in questo canto perché si riferisce all’azione liturgica parallela: L’offerta sacrificale del pane e del vino e il sacrificio di sé. Che l’impressione di una “onda permanente” in questo melisma si riferisca all’elevazione dei doni davanti all’altare è più di una supposizione cieca alla luce dell’evidenza musicologica e liturgica.

La ripetizione di parti del testo, che abbiamo già visto all’inizio dell’antifona, è usata anche nei versi. I ricercatori suppongono che questo non serva necessariamente a intensificare il testo, ma anche a mantenere variabile la lunghezza del canto, che dovrebbe accompagnare gli atti liturgici. Il secondo verso è un buon esempio di questo assunto: La ripetizione di “Locutum…” può essere usata come una ripetizione leggermente aumentata se il clero all’altare sembra aver bisogno di più tempo, altrimenti può essere omessa senza che la frase successiva segua bruscamente.

Jubilate Deo, universa terra: Un canto in cui si parla e si mostra, si riportano esperienze gioiose e animate di qualcosa in cui si è trovato scopo, significato, realizzazione. Nelle sue sottigliezze musicali così come nella sua struttura formale, non è affatto una forma preliminare di musica primitiva, ma inesauribilmente interessante e affascinante.

Volete essere informati sulle ultime attività?
Tutti gli articoli sul canto gregoriano
Storia del flauto
La serie dei libri Leiermann

Pin It on Pinterest

Share This