La piccola Gerusalemme sulla Gera?

da Christian Bürger

Il patrimonio ebraico di Erfurt dal Medioevo

Erfurt, menzionata per la prima volta in un documento del 742, si era sviluppata dinamicamente in un centro di commercio a lunga distanza nell’Alto e Tardo Medioevo. In questo contesto, anche una comunità ebraica si stabilì presto.

Nella società cristiano-cattolica dominata del Medioevo, gli ebrei erano una minoranza costantemente esposta alla discriminazione. Per esempio, non era loro permesso di praticare un mestiere, per cui dovettero passare al commercio (a lunga distanza) e al prestito di denaro (prendere interessi era vietato ai cristiani dalla chiesa). Ciò che è notevole della prima comunità ebraica di Erfurt prima del 1349 è che gli ebrei vivevano nel mezzo del cosiddetto quartiere latino, nelle immediate vicinanze dei cristiani, e non in un quartiere residenziale chiuso (come in altre città medievali).

Vecchia Sinagoga Erfurt; © Heinrich Stürzl; Link all´immagine

La più antica testimonianza strutturale della prima comunità ebraica di Erfurt è la Vecchia Sinagoga. Le sue parti più antiche risalgono all’XI secolo e sono più vecchie della Vecchia Sinagoga Nuova di Praga, rendendola la più antica sinagoga sopravvissuta in Europa centrale. È stato ampliato e ricostruito diverse volte nel corso del tempo. Quando l’epidemia di peste del 1349 portò a un pogrom e allo sterminio della prima comunità ebraica, la casa fu presa in possesso dal consiglio comunale e venduta. Nel corso dei secoli, fu usato come magazzino e locanda, tra le altre cose. È anche grazie a questo cambiamento d’uso che il luogo di culto è sopravvissuto all’epoca nazista. Una sala per banchetti del XIX secolo nella parte superiore dell’edificio lo testimonia ancora oggi.

Dopo che era in gran parte scomparsa dalla coscienza pubblica, la Vecchia Sinagoga è stata “riscoperta” all’inizio degli anni 1990, trasferita in possesso della città e restaurata. Dal 2009, ospita un museo sulla storia ebraica di Erfurt.

La parte più importante della mostra è il cosiddetto Tesoro di Erfurt, una collezione di monete d’oro e d’argento, lingotti e lavori di oreficeria di valore inestimabile. I pezzi sono una fonte unica per l’oreficeria nel periodo gotico. Il tesoro ritrovato è probabilmente il patrimonio raccolto dalla prima comunità ebraica, che il mercante Kalman von Wiehe aveva nascosto sotto la sua casa in quella che oggi è Michaelisstraße prima del pogrom del 1349. Questo è sopravvissuto nei secoli nascosto lì ed è stato riscoperto solo nel 1998, più di 600 anni dopo, durante i lavori di demolizione e costruzione della proprietà. Il pezzo più famoso di questa collezione è il cosiddetto Erfurt Wedding Ring. Il grande anello cerimoniale d’oro, destinato solo al giorno delle nozze, è il cuore della collezione.

Come la vecchia sinagoga ha dovuto essere riscoperta prima, come il “tesoro di Erfurt” è stato riscoperto per caso, così anche la mikvah ebraica medievale è stata riscoperta per caso nel 2007 durante i lavori di costruzione sulle rive del Gera. Il bagno rituale si trovava ai margini del Quartiere Latino e nel Medioevo poteva essere raggiunto a piedi attraverso un vicolo che collegava la sinagoga con la mikvah. Dopo la sua riscoperta, anche questo edificio è stato messo in sicurezza e restaurato ed è ora aperto al pubblico con visite guidate.

Ci sarebbe molto di più da dire a questo punto sulla storia della Erfurt ebraica nel Medioevo e nei tempi moderni, ma per ora deve bastare. Altri articoli su questo sito tratteranno spesso questo argomento.

Infine, però, bisogna fare riferimento al titolo di questo articolo. Per molto tempo, le cosiddette città Schum sul Reno: Spira, Worms e Magonza sono state al centro dell’attenzione quando si trattava della vita ebraica nella Germania medievale. Con i risultati crescenti della ricerca, si deve oggi arrivare a menzionare Erfurt nello stesso respiro delle altre tre città. La Erfurt medievale deve essere considerata il più importante centro di cultura ebraica dell’epoca nella Germania orientale. Non solo per i suoi edifici unici e il suo carattere d’insieme, ma anche per i suoi manufatti culturali scritti (ad esempio il giuramento ebraico di Erfurt) e il patrimonio artistico e artigianale (ad esempio il tesoro di Erfurt). Non è quindi del tutto irragionevole chiamarla Piccola Gerusalemme.

Questo ha anche spinto la città di Erfurt a richiedere l’inclusione del patrimonio ebraico medievale di Erfurt nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. La revisione della domanda, presentata nel febbraio 2021, è attualmente in corso.

Letteratura utilizzata
Letteratura

Altwasser, Elmar/Schade, Gerhard/Sczech, Katrin: Alte Synagoge und Mikwe zu Erfurt. Jena 2009.

Sczech, Katrin: Il Mikvah di Erfurt. In: Scritti di Erfurt sulla storia ebraica. Volume 1. Jena 2012.

 

Fonti online

Kirste, Antje: L’Unesco esamina l’eredità ebraica di Erfurt – la domanda per il “patrimonio mondiale” è stata ricevuta. Online su: https://www.mdr.de/nachrichten/thueringen/mitte-thueringen/erfurt/unesco-welterbe-juedisches-erbe-judentum-antrag-paris-100.html, ultimo accesso 21.03.2021.

Vuoi essere sempre informato sulle ultime attività (solo in inglese)?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Sie lieben Europa ?

Wir erzählen die Geschichten dazu.

Unterstützen Sie uns jetzt dabei!
Zur Kampagne
close-link

Pin It on Pinterest

Share This