La principessa delle bambole

da Christian Bürger

La principessa delle bambole

da Christian Bürger

Auguste Dorothea di Schwarzburg-Arnstadt (1666-1751)

Accade raramente nelle coppie aristocratiche della prima età moderna che la moglie superi il marito – almeno postumo. Nel caso dei coniugi Auguste Dorothea e Anton Günther II di Schwarzburg Arnstadt, le cose sono un po’ diverse. Auguste Dorothea nacque principessa di Brunswick-Wolfenbüttel nel 1666, sposò Anton Günther di Schwarzburg nel 1684 e visse come vedova vicino ad Arnstadt per quasi 40 anni dopo la sua morte. Questo non è così insolito. Ciò che è insolito, tuttavia, è che già durante il suo matrimonio, ma soprattutto durante la sua vedovanza, ha assemblato quella che è probabilmente la più importante collezione di bambole barocche in Germania. Oggi, la collezione è conosciuta come “Mon Plaisir” e può essere ammirata nel museo del castello di Arnstadt. Di conseguenza, Auguste Dorothea gode oggi di un alto profilo, mentre suo marito è quasi dimenticato.

La contea di Schwarzburg-Arnstadt

Durante la loro vita questo era ancora diverso. Anton Günther, figlio secondogenito del conte Anton Günther I di Schwarzburg-Sondershausen, aveva ereditato la contea insieme a suo fratello Christian Wilhelm. Solo quando anche il loro zio comune morì senza figli, ci fu abbastanza terra perché i fratelli si dividessero la contea. Anton Günther prese poi la residenza nel 1682 nell’ormai rovinoso castello di Neideck ad Arnstadt e fondò la linea collaterale Schwarzburg-Arnstadt (II).

Neideckturm, © Michael Sander; CC3.0; Link: alla licenza

Le possibilità finanziarie e politiche del conte erano molto limitate. L’unico reddito regolare era quello delle proprietà della camera. Non c’erano tasse fisse, perché da un lato non erano ancora un’istituzione regolare che poteva essere semplicemente riscossa e dall’altro gli Schwarzburgs non erano comunque autorizzati a riscuoterne nella maggior parte del loro territorio, poiché di solito li portavano solo come feudo, il che escludeva ampiamente il diritto di riscuotere tasse.

I figli delle Muse Anton Günther e Auguste Dorothea

In questo contesto, un’interpretazione comune è che i “Duodezfürsten”, a causa della loro insignificanza politica, si sarebbero realizzati nel quadro di una corte delle Muse. E in effetti, a prima vista, questo sembra essere stato il caso di Anton Günther. Impiegò una maestosa orchestra di corte (tra cui membri della famiglia Bach), un pittore di corte, eseguì decorazioni interne nel palazzo residenziale, collezionò dipinti, sculture e soprattutto monete. La sua collezione di monete godeva di un’ottima reputazione tra i suoi contemporanei ed era conosciuta ben oltre i confini della Turingia. Il problema, tuttavia, era che Anton Günther si era completamente spinto troppo oltre con la sua sontuosa vita di corte. Debiti e strozzature finanziarie hanno accompagnato tutto il suo regno.

Anche sua moglie Auguste Dorothea era in parte da biasimare. I due visitavano ogni anno le fiere di Lipsia e vi spendevano enormi somme di denaro, perché Auguste Dorothea condivideva la passione del marito per il collezionismo. Oltre alle porcellane cinesi, alle maioliche e ai dipinti, amava anche le bambole. Una fattura del tribunale per “popenzeug” (cose di bambole) è registrata per la prima volta dal 1697. Anton Günther ha dovuto ripetutamente farsi carico dei debiti della moglie. Nel 1712, la situazione finanziaria della coppia portò Anton Günther, ormai elevato allo status di principe imperiale, a dover vendere la sua collezione di monete al duca Federico II di Sassonia-Gotha-Altenburg per l’allora leggendaria somma di 100.000 riksdaler (che, secondo il valore monetario di oggi, corrisponde a circa 1,6-2,2 milioni di euro).

Anton Günther II e Auguste Dorothea non ebbero figli. Di conseguenza, dopo la morte di Anton Günther nel dicembre 1716, la linea Schwarzburg-Arnstadt si estinse e il dominio passò a suo fratello Christian Wilhelm von Schwarzburg-Sondershausen. Tuttavia, non si può dedurre dal fatto che non hanno avuto figli che non hanno avuto un matrimonio felice. Si rivolgevano l’un l’altro con affetto nelle loro lettere, ma mantenevano una famiglia di corte in linea con il loro status e tipica dell’epoca, con appartamenti separati.

Anche se il loro matrimonio non fu privo di conflitti (l’accumulo di debiti di Auguste Dorothea e soprattutto la sua conversione dalla fede luterana a quella cattolica romana misero a dura prova il rapporto), non c’è in ogni caso alcuna prova del tipo di avversione che si trova spesso in altre coppie del loro tempo. Anche quando Anton Günther si ammalò sempre più nei suoi ultimi anni, Auguste Dorothea fu al suo fianco e lo accompagnò nell’ora della morte, come si può vedere dal sermone funebre stampato.

Neues Palais Arnstadt, ospita il museo del castello di Arnstadt; © Michael Sander; CC3.0; Link: alla licenza

Come vedova al castello di Augustenburg

All’inizio del XVIII secolo, un palazzo di piacere fu costruito per Auguste Dorothea a Oberndorf vicino ad Arnstadt, che fu chiamato “Augustenburg” in suo onore. Questa sarà anche la residenza della sua vedova dal 1717 fino alla sua morte nel 1751. Dopo la morte di suo marito, Auguste Dorothea dovette discutere a lungo con suo cognato, il principe Christian Wilhelm, riguardo alla sua eredità e ai diritti di vedova. Ma anche l’indennità vinta in queste controversie, che era conforme al suo rango, non era quasi sufficiente a coprire le sue spese.

Si può dire che Auguste Dorothea era incapace di gestire il denaro in modo appropriato. Amava troppo l’arte, il collezionismo e la sua sontuosa vita di corte. Auguste Dorothea non fu in grado di pagare i debiti in costante aumento durante la sua vita. Morì nel 1751 e fu sepolta, su sua richiesta, nel convento delle Orsoline di Erfurt.

Il merito del patrono

La maggior parte della collezione di bambole è stata creata durante la sua vedovanza. La chiesa cattolica, il teatro di corte, la società aulica e i piaceri della tavola sono rappresentati così come gli artigiani, i lavoratori a giornata, il mercato e il commercio della farmacia. Questo dimostra che Auguste Dorothea era anche molto interessata alla vita quotidiana della gente comune. Le sue case di bambola forniscono un quadro dettagliato delle scene quotidiane del periodo barocco e sono un’auto-testimonianza della personalità e del mondo di pensiero di Auguste Dorothea. Nelle case delle bambole si possono trovare esempi del ricordo del marito defunto, della sua pietà cattolica, ma anche del suo amore per le collezioni (Wunderkammerszene) e della sua preferenza per i tessuti pregiati e i beni di lusso (Höfische Szenen).

Importanza storica e merito

Nonostante la sua incapacità di gestire correttamente il suo bilancio, giustizia dovrà essere fatta. Era senza dubbio una seccatura per i fornitori quando dovevano aspettare che le fatture in sospeso fossero saldate o ricevevano solo pagamenti in acconto. Era anche, senza dubbio, sempre una seccatura per l’entourage di Auguste Dorothea quando i suoi debiti dovevano essere accollati o i parenti erano costretti a prestarle del denaro. Anche i servitori possono essere stati infastiditi dal fatto che i loro stipendi non fossero pagati in tempo, anche se il lavoro a corte, con l’aggiunta di vitto e alloggio, era certamente più attraente per la maggior parte di loro rispetto ad altri lavori. Anche per gli artisti fornitori, gli acconti erano sempre meglio di nessun ordine. Si può quindi supporre che i creditori fossero in gran parte pragmatici sul loro modo di fare affari.

Anche se il suo comportamento finanziario è stato discutibile, una collezione così unica non sarebbe stata creata e non sarebbe sopravvissuta fino ai giorni nostri se lei non avesse agito in questo modo. Così facendo, ha creato, in senso figurato, un monumento per se stessa. È discutibile se oggi avrebbe ancora un ruolo nella memoria pubblica se avesse vissuto in modo dimostrativamente frugale. Attraverso le sue attività di collezionismo riuscì anche a fare ciò che molte principesse della prima età moderna non fecero: essere più presente del suo attuale marito regnante. Tuttavia, questo non era probabilmente il suo obiettivo primario. Da questo punto di vista, si dovrà quindi fare una valutazione differenziata della sua vita, perché senza spendere soldi, nessuna collezione, senza una collezione, nessun monumento culturale “Mon Plaisir” – e senza “Mon Plaisir, nessun ricordo così efficace della persona Auguste Dorothea, principessa di Schwarzburg-Arnstadt.

Letteratura utilizzata
Quellen

Gedruckter Lebenslauf aus der Leichenpredigt von Anton Günther II. von 1716/17, wahrscheinlich vom Arnstädter Superintendenten.

Fonti

Curriculum vitae stampato dal sermone funebre di Anton Günther II del 1716/17, probabilmente dal sovrintendente di Arnstadt.

 

Letteratura

Cremer, Annette: Mon Plaisir. La città delle bambole di Auguste Dorothea von Schwarzburg (1666-1751). Colonia/Weimar/Vienna 2015 (=Selbstzeugnisse der Neuzeit, vol. 23).

Cremer, Annette: Märzen und pömmmer Landesherr. Principe Anton Günther II di Schwarzburg-Arnstadt (1653-1716). In: Journal of Thuringian History 66 (2012), pp. 111-154.

Literatur

Cremer, Annette: Mon Plaisir. Die Puppenstadt der Auguste Dorothea von Schwarzburg (1666-1751). Köln/Weimar/Wien 2015 (=Selbstzeugnisse der Neuzeit, Bd. 23).

Cremer, Annette: Märzen und frommer Landesherr. Fürst Anton Günther II. von Schwarzburg-Arnstadt (1653-1716). In: Zeitschrift für Thüringische Geschichte 66 (2012), S. 111-154.

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This