Carl Philipp Emanuel Bach

da Anja Weinberger

Carl Philipp Emanuel Bach- molto più che un figlio di professione

Molti di noi conoscono Carl Philipp Emanuel Bach principalmente come il figlio del grande Johann Sebastian Bach. Ma le cose erano molto diverse quando erano entrambi vivi. Allora, quando qualcuno parlava del “grande Bach”, intendeva Carl Philipp, non suo padre Johann Sebastian.
Ecco la sua storia.

Sono nato l’8 marzo 1714 nella bella città di Weimar. Mio padre era stato nominato organista di corte lì alcuni anni prima. Mia madre Maria Barbara Bach aveva già dato alla luce 4 figli prima di me, due dei quali morirono presto. Il mio padrino era Georg Philipp Telemann, un amico di mio padre. Più tardi nella mia vita questa connessione doveva essere di grande interesse.

Quando avevo tre anni ci siamo trasferiti a Köthen, dove avremmo passato 6 anni. La famiglia continuò a crescere, e due fratelli si unirono a noi. E poi successe la cosa terribile: mia madre morì del tutto inaspettatamente, e questo quando mio padre non era in città, ma doveva passare due mesi con la corte a Karlsbad. Nel 1721, quando avevo 7 anni, mio padre si sposò una seconda volta. La mia matrigna Anna Magdalena Bach, un’eccellente cantante, gli avrebbe dato altri 13 figli negli anni seguenti, 6 dei quali sopravvissero ai primi anni.

Nel 1723 ci trasferimmo tutti a Lipsia, perché mio padre divenne il Thomaskantor. E lì, alla Thomas School, sono stato anche educato da lui. La situazione era vivace nell’appartamento del nostro cantore. Mio padre insegnava il clavicembalo a molti allievi, i colleghi venivano spesso in visita e noi avevamo un grande gruppo di figli. Anche dopo la scuola, a noi figli veniva insegnato il pianoforte e la composizione da nostro padre. Siamo stati molto fortunati.

All’inizio ho composto piccole forme – marce, minuetti e sonatine. Fin dall’inizio, ho avuto il desiderio di scrivere in modo diverso dai miei insegnanti. Questo mi ha incoraggiato a non imitare, ma ad essere io stesso creativo.

Nel 1731 decisi di studiare legge. Sono rimasto a Lipsia per il momento e naturalmente ho continuato a fare musica e a comporre. Tre anni dopo ho continuato i miei studi a Francoforte sull’Oder. Lì ho potuto guadagnare soldi extra come insegnante di pianoforte e sono diventato anche membro del Collegium Musicum. Era interessante per me poter sfuggire alla supervisione di mio padre. A differenza di Amburgo o Erfurt, qui non c’era nessuno che mi riportasse a casa. Ho fatto molte buone conoscenze, soprattutto Ludwig Wilhelm e Ernst Wilhelm Happe, i due figli del futuro ministro della guerra prussiano. Fu anche qui che incontrai per la prima volta le idee dell’Illuminismo.

I pochi anni a Francoforte sono stati molto importanti per il mio sviluppo personale. Finalmente ho completato i miei studi nel 1738. Ma non potevo immaginare di perseguire una carriera accademica. Tuttavia, è stato un bene avere questa istruzione in tasca, perché molte posizioni musicali superiori erano occupate solo da accademici. Anche Handel e mio fratello Wilhelm Friedemann hanno preso questa strada. La musica aveva gettato il suo incantesimo su di me dalla nascita e così ora, all’età di 24 anni, ho seguito la sua chiamata.

Presumibilmente era venuto a conoscenza di me attraverso una cantata che avevo composto in occasione del suo compleanno. In ogni caso, il principe ereditario prussiano Federico (poi Federico il Grande) mi chiamò nella sua cappella a Ruppin come clavicembalista. Per questa posizione, ho persino rifiutato l’offerta di un viaggio di istruzione in Italia con Heinrich Christian Keyserlingk.

Dopo l’incoronazione di Federico come re prussiano nel 1740, ricevetti una posizione permanente come clavicembalista da concerto, e nel 1746 divenni musicista da camera. Ho avuto il privilegio di accompagnare il re suonatore di flauto al clavicembalo.

La crème de la crème della musica strumentale europea era riunita alla corte prussiana. Ho incontrato Johann Joachim Quantz, il geniale flautista del re, costruttore di flauti, compositore e insegnante di flauto. C’erano anche i fratelli Graun e i fratelli boemi Benda, tutti compositori e virtuosi del violino di prima classe.

Posso dire senza voler sembrare arrogante che anch’io sono stato uno dei più famosi “clavisti” d’Europa. Per il mio strumento preferito, il clavicembalo, ho scritto circa 150 sonate e più di 50 pezzi concertanti – tutti nel tanto decantato nuovo stile tedesco. Perché ho avuto la fortuna di essere nato in questo eccitante momento di cambiamento. Da un lato, la musica della generazione di mio padre – parole chiave: contrappunto, basso continuo e polifonia – dall’altro, la spinta verso una nuova espressione musicale, che proveniva soprattutto dalla corte di Dresda e poi anche dalle opere di Gluck.

Mi sono subito sentito a casa in questo nuovo stile, chiamato poi sensibile. Ho liberato la voce superiore, ho voluto pensare pensieri pieni di bellezza ed esprit. Ho cercato di formulare temi individuali e distintivi. Se si trattava di un pezzo vocale, cercavo di declamare il testo in modo appropriato, per realizzare immediatamente l’effetto. Così, per esempio, le mie impostazioni delle odi e delle canzoni di Christian Fürchtegott Gellert sono state pubblicate cinque volte solo nel 1784. Mi hanno fatto diventare da un giorno all’altro uno dei più famosi compositori di canzoni del paese. Ero felice quando sentivo una donna del mercato o un artigiano che gorgheggiava una delle mie canzoni mentre passavo. La musica era arrivata tra la gente, non celebrava più solo Dio ma era anche espressione della pura gioia di vivere.

A proposito, nel 1744 ho sposato la mia Johanna Maria, siamo stati felici insieme e abbiamo avuto tre figli. Uno dei miei figli è diventato avvocato, come avrei potuto essere io, e un altro pittore.

Nel 1749 mio padre si ammalò gravemente. La città di Lipsia ha dovuto pensare a un piano di successione per la chiesa di San Tommaso. Mio padre chiese a me e a mio fratello maggiore Wilhelm Friedemann, che a quel tempo era direttore musicale e organista della chiesa di Santa Maria ad Halle, di presentare “musiche di prova”. Ho scritto il mio Magnificat, al quale ho poi aggiunto trombe e timpani in alcuni movimenti molti anni dopo, durante il nostro periodo ad Amburgo. L’opera divenne molto conosciuta e popolare in tutta Europa.

Per inciso, la posizione di Thomaskantor fu assegnata a Johann Gottlob Harrer in quel periodo, sponsorizzato da Heinrich von Brühl. Brühl, il primo ministro della Sassonia, e Born, il sindaco di Lipsia, volevano probabilmente usare questo metodo per rimproverare l’insubordinato impiegato Bach, che a loro parere dava troppo valore alla massima qualità della musica da chiesa. Questo dovrebbe andare bene per me, perché abbiamo presentato le nostre domande principalmente per il bene di nostro padre.

Quando morì nel 1750, fu un duro colpo, nonostante la nostra relazione piuttosto distante. La morte di un padre rende un uomo veramente adulto. Era difficile credere che non avremmo più suonato a quattro mani, che non avremmo più potuto seguire la sua chiamata a “fare musica! Mio fratello Wilhelm Friedemann fu probabilmente colpito ancora più duramente dalla morte di suo padre, passava molto più tempo con suo padre, gli era vicino in modo speciale. Ora ho preso in famiglia il mio fratello più giovane, ancora minorenne, Johann Christian. Non ancora quindicenne, era un apprendista di talento e un eccellente copista. Più tardi anche lui divenne un grande compositore, e per un certo periodo sarebbe stato ancora più famoso di me.

Infine, nel 1753, mi resi conto che la presenza sempre più frequente di musicisti dilettanti aveva urgente bisogno di un’opera scolastica adeguata. Un anno prima, Quantz aveva pubblicato il suo “Versuch einer Anweisung die Flöte traversiere zu spielen” per lo stesso motivo. E così è nato il mio libro di testo in due volumi. L’ho chiamato “Versuch über die wahre Art das Clavier zu spielen”. A proposito, nel 1756 Leopold Mozart fece qualcosa di simile per gli archi con il suo “Versuch einer gründlichen Violinschule”.

La mia scuola non si occupa solo di suonare il pianoforte, ma insegna anche il buon gusto e molta teoria. Haydn, Mozart e Beethoven hanno studiato a fondo il libro. Non era mia intenzione che il suonare l’organo fosse relegato in secondo piano lungo la strada. I pianoforti erano in quasi tutte le case borghesi, gli organi nelle chiese e venivano usati solo durante le funzioni religiose. Io stesso non ho quasi più suonato l’organo e ho composto molto poco per lo strumento principale di mio padre.

Nello stesso anno, il famoso direttore d’orchestra di corte di Dresda Johann Adolph Hasse mi fece visita insieme a sua moglie, la cantante veneziana Faustina Bordoni. Ammiravo le sue trombe d’opera e lui il mio clavicembalo. I due erano LA sensazionale coppia artistica – le riviste europee non si sono perse nessuna delle loro liti e nessuna delle loro riconciliazioni – e ci siamo piaciuti molto.

Durante la mia permanenza a Berlino ho scritto più di 300 opere, la maggior parte delle quali di musica da camera e per pianoforte. Le mie “Sonate di Prussia e di Württemberg” sono considerate la testimonianza più importante del nuovo stile delle sonate per pianoforte. Hanno il loro nome perché sono dedicati a Federico II di Prussia e Carl Eugen di Württemberg – anche lui uno dei miei studenti.

Durante la guerra dei sette anni, dal 1756 al 1763, noi musicisti abbiamo subito notevoli perdite finanziarie. Come servitori del tribunale, ricevevamo il nostro denaro sotto forma di buoni in contanti. Questi hanno perso sempre più valore nel corso della guerra. Fortunatamente, avevo anche molti studenti privati e guadagnavo altri soldi pubblicando le mie opere. Ma anche i concerti da camera di Friedrich ebbero luogo solo in un numero molto piccolo durante gli anni della guerra. Quindi per me è stato un periodo meno appagante. Questa guerra è stata davvero un affare superfluo e fastidioso. Inoltre, l’umore alla corte reale si era inasprito di recente. Ci furono sempre delle controversie, soprattutto nella collaborazione con Christoph Nichelmanns, il secondo clavicembalista della corte prussiana.

Oltre alla vita di corte, ho avuto fortunatamente un’esistenza borghese soddisfacente. La mia cerchia di amici era colorata. Lessing, Agricola, Krause, Gleim, Nicolai, Moses Mendelssohn, Anna Louisa Karsch, gli Itzig – con loro e molti altri ho potuto discutere e anche godermi la vita in molte escursioni sulla Sprea. Abbiamo fondato dei club basati sul modello inglese e mi sono iscritto alla prima Liedschule di Berlino. Da questi caldi legami nacquero i miei “24 Character Pieces”, in cui ritraevo i miei amici e anche le loro mogli.

Il contatto musicale più stretto con Anna Amalia, la sorella del re, lei stessa una musicista di grande talento, è stato gratificante. A differenza di suo fratello, era una compositrice piuttosto rivoluzionaria, molto interessata allo stile espressivo della nuova era. Le piaceva il mio linguaggio musicale incontenibile, soggettivo e appassionato. Nel 1767 mi ha nominato suo Kapellmeister. Al re, invece, piaceva molto lo stile conservatore, galante e rococò. Presumibilmente questo è stato anche un motivo per cui la mia insoddisfazione è cresciuta nel tempo.

Anche il mio padrino Georg Philipp Telemann è morto nel 1767. Nel corso di più di 40 anni, aveva costruito grandi cose ad Amburgo dopo le difficoltà iniziali. È morto da uomo rispettato e ricco. Ho chiesto a Friedrich il suo addio, cosa che non gli è piaciuta affatto e che ha accettato solo dopo un lungo tira e molla. E così, nell’aprile del 1768, presi il posto di Telemann come direttore musicale municipale e cantore al Johanneum: qui ad Amburgo, nell’estremo nord, non ero più un servo, né un impiegato, ma nominato dal Senato. Nel frattempo avevo più di 50 anni ed ero conosciuto in tutto il mondo musicale come “il grande Bach”.  Più di 200 esecuzioni dovevano aver luogo ogni anno nelle 5 chiese principali di Amburgo, un carico di lavoro enorme che potevo affrontare solo con un’abile pianificazione e anche eseguendo le opere di altri compositori. Guadagnavo molto bene e potevo anche permettermi di auto-pubblicare le mie opere. Inoltre, c’era abbastanza denaro per sostenere i membri bisognosi della famiglia. Noi Bach avevamo ancora un contatto abbastanza stretto e cercavamo sempre di stare vicini l’uno all’altro.

Ho introdotto serate di concerti regolari. Ho dato la stessa importanza al mio gusto e a quello del pubblico. Di nuovo, ho fatto rapidamente amicizia con uomini interessanti della politica e della cultura. Bode, Klopstock, Matthias Claudius, Mattheson, Christoph Christian Sturm, Johann Reimarus, Friedrich Ludwig Schröder e ancora Lessing, che però lasciò presto Amburgo per diventare bibliotecario della biblioteca del duca August a Wolfenbüttel.

Dal 1769 in poi, scrissi venti allestimenti di Passioni, due oratori, circa 70 cantate, mottetti e altri pezzi liturgici. Oltre alle mie composizioni, ho eseguito anche molte opere dei miei colleghi – per esempio, di Graun, Handel, Telemann o della mia famiglia. Tutti i concerti erano esauriti, le chiese sempre ben riempite.

Nel 1777, il mio caro figlio Johann Samuel morì a Roma di una lunga e straziante malattia. In preda al dolore, mi anestetizzai con il lavoro e fu scritta la cantata “Heilig” per contralto solo e due cori a quattro voci. Il successo di quest’opera, piena dell’intimo volgersi dell’anima a Dio, era indiscutibile – doveva vedere molte rappresentazioni. E negli anni successivi, anche alcune delle mie sorelle e dei miei fratelli sono morti. La solitudine della vecchiaia si avvicinava, anche se il pubblico di Amburgo era molto affezionato a me.

Fortunatamente, ho avuto un’ampia e interessante corrispondenza: Attraverso Diderot ho potuto penetrare più profondamente nei processi di pensiero dell’Illuminismo e ho seguito la pubblicazione dell’Encyclopédie. Johann Heinrich Voss, molto più giovane di me, stava lavorando alla traduzione dell’Odissea. Che cosa interessante potervi partecipare. E con Klopstock mi univa una visione cosmopolita del mondo, di cui abbiamo discusso a lungo nella nostra corrispondenza.

Ho passato 74 anni in questo mondo – fino al 14.12.1788. La mia tomba è nella Michaeliskirche di Amburgo. Ciò che rimane è la mia musica. ‘

La vita di Carl Philipp Emanuel fu completamente diversa da quella di suo padre. Accade sempre di nuovo nella storia che un grande passo in termini politici, medici o, in questo caso, musicali-filosofici sia fatto proprio all’interno di una generazione padre/figlio. Questo si traduce in un’ulteriore accelerazione del rinnovamento, una doppia forza nel futuro.

Letteratura

Adorjan, Andras (Hrsg.) u.a.: Lexikon der Flöte, Laaber 2009
Mai, Klaus – Rüdiger: Die Bachs, Berlin 2013
Scheck, Gustav: Die Flöte und ihre Musik, Leipzig 1981
Otto Vrieslander: Philipp Emanuel Bach, München 1923.

Volete essere informati sulle ultime attività?
Tutti gli articoli sulla storia del flauto
Storia dell’Austria
La serie dei libri Leiermann

Pin It on Pinterest

Share This