Giulio Regondi

Il romanticismo. Foreste scure, canyon selvaggi, il mare in tempesta. In mezzo a questa forza elementare si trova improvvisamente l’uomo solitario, congelato nella nebbia di una nuova era.

Il romanticismo. Il matrimonio delle emozioni. Raramente l’amore, la disperazione, la gioia, il dolore e la sofferenza sono stati così vicini all’individuo come in quest’epoca.

Il romanticismo. Chi di noi non associa una certa immagine a quella parola? Era una nuova era, e tutto stava cambiando.

Anche nella musica. Figure mai viste prima hanno preso d’assalto il palcoscenico. Circondati da un’aura oscura, scintillavano in una parvenza di virtuosismo mai sentita prima.

Chi non li conosce? Paganini, Liszt, Chopin e molti altri. Eroi di un’intera generazione. I prodigi, tutti loro, disegnati precocemente con il marchio di Caino, vivevano senza rete e senza falso fondo e davano a un mondo borghese il brivido del pericolo che tanto desiderava.

Tra questi c’era un ragazzino francese, che avrebbe conquistato i palcoscenici del suo tempo con uno strumento imperfetto, diventando uno dei più importanti rappresentanti della chitarra romantica: Giulio Regondi.

Anche la sua infanzia sembra una cosa inventata da Ch. Dickens. Nato a Ginevra nel 1822, sua madre morì alla sua nascita e così fu cresciuto da un uomo che fingeva di essere suo padre. Senza mai ottenere la certezza che fossero davvero legati da legami di sangue, è rimasto impotente incatenato a lui per molti anni.

Giuseppe, questo era il suo nome, aveva deciso in anticipo di fare di Giulio un bambino prodigio con il quale si poteva fare del buon denaro. Lo accompagnava incessantemente alla chitarra, lo chiudeva a chiave nella sua stanza durante il giorno, dove, sorvegliato da un vicino scontroso, doveva fare gli stessi esercizi con le dita per ore.

Così ha potuto mettere in scena Giulio all’età di cinque anni e presentare il “suo” bambino prodigio a un pubblico stupito.

Per battere ancora di più il figlio, hanno rotto le tende a Lione e hanno tentato la fortuna a Parigi.

In brevissimo tempo il ragazzino ha avuto un successo clamoroso anche qui. Fu invitato nelle più importanti sale da concerto, ebbe grande successo di critica e di pubblico e anche N. Paganini e F. Liszt cominciarono ad interessarsi al ragazzo.

Anche nei circoli degli amanti della chitarra si rimane incantati dal suo aspetto. Fernando Sor, che aveva un affetto paterno per il “Bambino Paganini”, ha dedicato la sua fantasia “Souvenir d’amitié” op. 46 all’ottoenne “Jules Regondi”.

Ma suo padre non ne aveva ancora abbastanza. Alla ricerca di nuove fonti di reddito attraversò la Manica e nel maggio del 1831 arrivarono a Londra, una delle principali capitali musicali dell’epoca.

Giulio ha debuttato qui insieme a Catherina Josepha Pelzer, un’altra bambina prodigio che poi è diventata la decana del mondo della chitarra vittoriana nel ruolo di Madame Sidney Pratten.

Per rendere i due bambini più visibili sul palco, hanno suonato musica in piedi su un tavolo. Quando Regondi suonava da solo, la sua sedia era talvolta appoggiata al pianoforte. Tutto questo organizzato da un padre che voleva attirare maggiormente l’attenzione su suo figlio.

Naturalmente il pubblico era entusiasta di questi spettacoli e la stampa era piena di elogi. Anche Buckingham Palace si è riempita la reputazione di questo ragazzo prodigio, e così gli è stato finalmente permesso di giocare davanti alla Regina, che, come tutti gli altri, è rimasta incantata dall’ormai ottuagenario.

La stampa inglese ha iniziato un flusso di recensioni positive, che ha fatto conoscere il suo nome agli angoli più remoti delle isole britanniche.

“Un altro bambino prodigio! Un vero Paganini (“Il piccolo Paganini”). Un bambino che suona la chitarra. Un giornalista ha scoperto che questo fenomeno musicale è apparso per la prima volta a Londra alla tenera età di otto anni. Anche il “Figaro” e il “Le Journal des Débats” ne parlano con entusiasmo. Dicono che, a parte un virtuosismo che normalmente può essere acquisito in non meno di vent’anni di lavoro, al giovane che gioca con sicurezza non manca la maestria e il sentimento di un artista maturo”.

A quanto pare, anche a quest’età, sono stati gli inizi di una vera e propria arte a fargli guadagnare tali lodi, anche più del suo virtuosismo. Lo “Spectator” ha scritto:

“Questo, però, è l’aspetto meccanico e quindi il meno importante e meno interessante del suo modo di giocare. È noto quanto si possa ottenere con l’aiuto di un insegnamento instancabile con un bambino docile. Ma nessuno che osserva questa piccola creatura coinvolgente, che vede il cambiamento che subisce il suo volto nel gioco, come si diverte a fare musica con semplicità infantile, può trascurare il fatto che la natura gli ha dato molto più di un temperamento flessibile e una mano forte. Mentre gioca, il suo bel viso assume l’espressione di un uomo maturo, ed è impossibile non vedere che permea tutto ciò che gioca con il suo sentimento.“

Spinti da un’ondata di entusiasmo, padre e figlio ora viaggiavano per tutto il regno e venivano celebrati freneticamente ovunque.

Ora il padre deve aver finalmente raggiunto la meta dei suoi sogni, perché un giorno consegnò alla bambina una banconota da 5 sterline e fuggì con il resto del suo denaro, presumibilmente diverse migliaia di sterline.

Ha lasciato il ragazzo, di soli dodici anni, solo al mondo, sperando forse che persone bonarie e amanti della musica si prendessero cura di questo piccolo genio.

Rimasto solo, Giulio è sprofondato in una profonda disperazione, ma grazie alle cure materne degli amici e a una amorevole famiglia adottiva, è riuscito a superare questo trauma. Il bambino prodigio è diventato un giovane uomo che è riuscito a trasformare la sua sofferenza in musica e che ha continuato a conquistare il cuore della gente in concerti acclamati in tutta Europa.

Già nel 1840 lo vediamo di nuovo in un tour di successo in terraferma. Insieme al violoncellista Josef Liedel ha suonato a Monaco, Francoforte, Lipsia, Praga e in altre città. In quest’ultima città ha anche partecipato ad un concerto di beneficenza organizzato da Clara Schumann a beneficio dei singoli membri dell’orchestra.

Quando si trovava a Vienna per una serie di concerti, ha anche conosciuto le chitarre di Johann Anton Stauffer. Entusiasta del suo suono, comprò una chitarra a otto corde, che da allora in poi divenne il suo strumento preferito.

L'”Allgemeine musikalische Zeitung” scriveva dei suoi concerti a Vienna: “Regondi suona la chitarra e il melophon nella più perfetta padronanza immaginabile e canta su quest’ultimo strumento con una dolcezza davvero incantevole e una tenerezza indescrivibile … I movimenti solistici eseguiti erano alla chitarra: Souvenir de Gubellins dopo Thalberg, e l’ouverture della semi-ramide, a dita piene, come se fosse suonata da tutta l’orchestra.

È interessante il fatto che Regondi non sia solo parlato come un virtuoso della chitarra, ma che sia anche considerato un maestro del “Melophon”. Si trattava infatti di una concertina, uno strumento di nuova concezione, oggi poco conosciuto.

Regondi la conobbe già nel 1831. Con la stessa ossessione della chitarra, anche suo padre lo esortava a padroneggiare questo strumento.

Sviluppò rapidamente una tecnica fenomenale e riuscì ad eseguire le opere più difficili composte originariamente per violino o altri strumenti.

Egli stesso scrisse per lei diverse opere, tra cui due concerti e un libro di testo, e fu grazie al suo lavoro che questo strumento divenne sempre più popolare. Per la gioia del suo inventore Sir Charles Wheatstone, che sarebbe poi diventato uno dei mecenati più influenti di Regondi.

Per la sua instancabile opera per questo strumento, Regondi è anche definito “il grande virtuoso della concertina del XIX secolo”.

Intorno al 1850, Regondi sembra aver accantonato definitivamente la chitarra, per dedicarsi esclusivamente alla concertina.

Ha continuato la sua attività concertistica per circa dieci anni, concentrandosi principalmente sulla città di Londra e dintorni.

Dopo questo periodo si ritirò nella vita privata e morì il 6 maggio 1872, a soli 49 anni, dopo una lunga malattia con il cancro. Le sue ossa riposano nel “Cimitero della Cattedrale di Santa Maria” a Kensal.

Il lavoro di Regondi per chitarra non è molto esteso, ma testimonia il valore artistico della musica per chitarra all’apice del periodo romantico.

È caratterizzato da progressioni armoniche audaci e melodie vocali e richiede un alto grado di virtuosismo.

Purtroppo è stato dimenticato da tempo ed è stato riscoperto solo negli anni ’80 del XX secolo. Ma da allora si è assicurato un posto fisso nei programmi dei principali interpreti e viene eseguito e registrato più volte.

Nel 1990 sono stati pubblicati dieci studi, probabilmente redatti da lui e scoperti dalla musicologa americana Matanya Ophee a Mosca.

“… Questi Studi sono esempi davvero eccezionali di scrittura romantica per chitarra, ricca di armonia e struttura interna, seducente nella melodia.

Hanno messo Regondi nella lista dei migliori compositori per chitarra, … Molte di queste opere potrebbero facilmente essere scambiate per una creazione Liszt ed è ovvio che ha fatto poche concessioni alla difficoltà della chitarra.“

Volete essere informati sulle ultime attività?

La vita di Fernando Carulli

La storia della chitarra

“Il fabbro armonioso”

Pin It on Pinterest

Share This