Hans Christian Andersen

Molte delle opere di Andersen non sembrano essere creazioni coscienti, ma piuttosto racconti popolari che ci parlano dall’oscurità del tempo.

Fiabe come “Il brutto anatroccolo” o “La sirenetta” sono opere d’arte sublimi, create meno di 200 anni fa.

Tutto ha avuto origine dalla geniale penna di questo poeta danese che, nonostante un’infanzia piena di dolore e disperazione, ha conservato per tutta la vita la sua fede nella bellezza dell’esistenza.

Primi anni

Hans Christian Andersen (o H. C. Andersen, come si è chiamato per tutta la vita) è nato il 2 aprile 1805 a Odense, sull’isola danese di Fyn.

Il padre era un semplice calzolaio senza capacità economiche e la madre alcolizzata, una semplice lavandaia, contribuiva poco alla casa comune.

La sua infanzia è stata segnata da un’abietta povertà e dalla lotta per il pane quotidiano. Che non ci fossero più soldi per un’educazione ragionevole per suo figlio è fin troppo comprensibile.

Così il ragazzino è fuggito molto presto nel mondo dei libri e ha sognato il teatro. Senza la possibilità di fornire alla sua mente gli stimoli che tanto desiderava, ha creato un palcoscenico fantoccio con i materiali più semplici. Lì trovò un rifugio dalle esigenze del freddo mondo e si perse per ore nei suoi sogni.

Ma anche da questi piccoli piaceri fu presto straziato. Quando Andersen aveva undici anni, suo padre morì, lasciando la piccola famiglia senza un soldo.

Ora la necessità è diventata così grande che il ragazzo ha dovuto lavorare per un sarto e un tessitore allo stesso tempo. Quando anche questo non bastava per sopravvivere, diventava un operaio in una fabbrica di sigarette.

Volo per Copenaghen

 

A quattordici anni ha deciso di fuggire da questa fatica e si è rifugiato a Copenaghen. Ancora intrappolato nei suoi sogni infantili era il suo più grande desiderio di diventare un attore famoso.

“Lunedì mattina, 5 settembre 1819, ho visto Copenaghen per la prima volta dalla collina vicino a Friedrichsberg. Lì sono sceso e con il mio piccolo fagotto ho camminato attraverso il giardino del castello, il lungo viale e il sobborgo fino alla città. Con appena 10 taler in tasca mi sono fermato in una delle piccole locande. La mia prima escursione è stata dopo il teatro; ho fatto più volte il giro dello stesso posto, ho guardato le pareti e l’ho quasi considerata una casa”.

Con l’aiuto di noti mecenati è riuscito ad ottenere lezioni al Teatro Reale. Ma poiché gli mancavano tutti i talenti di recitazione, fu presto costretto a terminare la sua formazione.

Così se la cavava di nuovo con lavori occasionali e cantava nel coro del teatro. Ma quando la sua voce si spezza all’età di diciassette anni perde anche questo lavoro.

Ora prende una decisione che sarà decisiva per la sua vita futura: Scrive due opere teatrali, che non hanno successo, ma fanno scalpore nell’allora direttore del Teatro Reale.

Jonas Collin, il cui nome dovrebbe essere inciso con gratitudine in ogni monumento ad Andersen, porta il ragazzo nella sua casa e decide di provvedere al suo futuro.

Formazione

 

Gli procura un posto alla scuola di latino a Slagelsen e convince il re danese a fornirgli i mezzi finanziari.

Dopo aver terminato la scuola, Federico VI gli permette anche di trascorrere altri tre anni alla scuola degli studiosi di Elsinore e Andersen, per poi frequentare l’università.

In questo tempo, segnato da dubbi e pensieri suicidi, le prime storie e poesie sono già scritte. Ha avuto un primo successo con una storia ispirata a E.T.A. Hoffmann: Camminare dal canale di Holmen alla punta orientale di Amager nel 1828 e nel 1829.

Ma anche prima di questo, ha prodotto opere che gettano una luce significativa sulla sua opera successiva, come la poesia “Il bambino morente”.

È interessante perché non racconta una storia dal punto di vista di un adulto nel solito modo, ma rappresenta il mondo dal punto di vista di un bambino.

Un trucco che poi è diventato tipico della sua opera letteraria.

“Il bambino morente”

Mamma, sono stanco.
I fedeli poveri ora dormono il tuo bambino,
Ma prima promettimi che smetterai di piangere
Caldo e bruciante Le tue lacrime sono
Qui fa freddo e fuori soffia un temporale,
Ma nei sogni tutto è leggero e chiaro,
Lì ho visto dei bambini angelici,
Ogni volta che i miei occhi erano chiusi.

Guardate! Ce n’è già uno al mio fianco,
Senti come suona dolce, mamma, guarda
Ma le ali, bianche e lucenti entrambe!
Mamma, glieli ha dati nostro padre?
Oro e fiori che galleggiano davanti ai miei occhi
Gli angeli di Dio li spargono intorno a me.
Dimmi, ho le ali nella vita
O prima nella sua casa delle star?

Perché mi stringi la mano
Perché così al mio, il tuo Wang?
È bagnato eppure brucia come una fiamma,
Sarò con te per tutta la vita.
Non lasciar cadere le lacrime
Musz piange anche quando si è tristi.
Oh che stanchezza! – Mi fa chiudere gli occhi.
Guarda – guarda – come bacia l’angelo.

Tempo di ricerca

 

Con la fine dei suoi studi inizia il percorso di Andersen per diventare il più importante scrittore di fiabe del suo tempo.

In una fiaba precoce (I fiori della piccola Ida) otteniamo una bella, seppur certamente idealizzata, immagine del giovane autore.

“I miei poveri fiori sono tutti morti, disse la piccola Ida. Erano così belli ieri, e ora tutte le foglie sono appassite, perché lo fanno? ha chiesto alla studentessa che era seduta sul divano, perché gli era molto affezionata: poteva raccontare le storie più belle e ritagliare delle foto così buffe: Cuori con piccole donne che ballano all’interno; fiori e grandi serrature dove si potevano aprire le porte; era uno studente divertente.”

In quest’anno ha incontrato anche Riborg Voigt, la sorella del suo amico studente Christian Voigt. La bella ragazza è stata presa con il giovane artista e piena di entusiasmo per il suo lavoro, e così Andersen si è innamorato di lei sul posto.

Si arrivò persino a un fidanzamento segreto, ma poiché Riborg era già promesso a un altro uomo, i due dovettero separarsi e rinunciare a una vita insieme.

La lettera che la Riborg gli scrisse alla sua partenza doveva essere conservata da Andersen in un piccolo sacchetto di pelle e portata con sé per il resto della sua vita.

Dopo il matrimonio del suo primo amore, Andersen intraprese il primo dei suoi numerosi viaggi, che lo portarono in Germania, in Italia, in Spagna e nell’Impero Ottomano..

“Il 5 settembre ho attraversato il Sempione per entrare in Italia. Proprio il giorno in cui 14 anni fa ero venuto a Copenhagen, povero e indifeso, dovevo entrare in questa terra del mio desiderio e della felicità della mia poesia… Tutto era sole, tutto era primavera. L’uva appesa a lunghi fili da un albero all’altro – non ho mai visto l’Italia così bella dopo…”.

Primo viaggio in Italia

 

Questo viaggio è diventato il modello per tutti i suoi viaggi successivi. Sembra quasi una fuga ricorrente dalla solitudine della sua vita, perché appena i suoi mezzi glielo permettono lascia la scrivania e viaggia per il mondo.

Alla fine della sua vita, saranno stati quasi trenta viaggi all’estero che lo hanno portato non solo in Europa, ma anche negli angoli più remoti dell’Asia e dell’Africa.

Nell’ottobre del 1830 Andersen vive a Roma per alcune settimane e lì riceve la notizia della morte della madre. Per fortuna, ha intorno a sé una cerchia di amici che lo confortano nella sua sofferenza, e così si riprende rapidamente da questo colpo del destino.

Nella primavera del prossimo anno è di nuovo in viaggio, questa volta in direzione sud, verso la punta dello stivale italiano.

Nei suoi appunti si può vedere quanto ami il paese e la sua gente e quanto la vita sotto il sole italiano faccia bene alla sua anima tormentata. Ovunque va in giro con lo sguardo aperto dell’artista e assorbe tutto per utilizzarlo poi nelle sue favole.

“Solo da un lato l’isola di Capri è accessibile; tutto intorno ci sono ripide pareti rocciose verticali che scendono verso Napoli, ad anfiteatro di vigneti, aranceti e uliveti. Sulla spiaggia ci sono alcune capanne di pescatori e una casa di guardia. Più in alto, tra il verde dei giardini, è visibile la città di Anna Capri; un piccolissimo ponte levatoio e un cancello conducono all’interno. Nella locanda di Pagani, davanti alla cui porta c’è un’alta palma, ci siamo riposati.

Dopo pranzo abbiamo pensato di salire sulle rovine della villa di Tiberio a cavallo di asini, ma ora la colazione ci aspettava, e tra questo e il pranzo successivo Francesca e Fabiani hanno voluto riposare per raccogliere le forze per il prossimo viaggio. Gennaro ed io non ne sentivamo il bisogno. L’isola non mi sembrava più grande di quanto non si potesse remare bene intorno ad essa in poche ore e guardare le alte porte rocciose che si stagliano isolate dall’acqua a sud.

Abbiamo preso una barca e due rematori; si era alzato un leggero vento, in modo da poter utilizzare le vele per circa metà del tragitto. Il mare si è infranto nel basso arcipelago. Le reti da pesca erano tese tra di loro, così che per non ferirle abbiamo dovuto prima pugnalare un po’ più lontano in mare. È stata una gita deliziosamente divertente sulla piccola barca. Presto abbiamo visto dal mare verso il cielo solo le rocce verticali, le masse grigie di pietra, qua e là nelle fessure un’aloe o un levkoye selvatico, ma nemmeno tanto terreno solido da essere sufficiente per uno stambecco. In basso nella risacca, che martellava verso l’alto come un fuoco bluastro, le mele di mare rosso sangue crescevano sulle rocce, che, bagnate dall’acqua, avevano una doppia lucentezza. Sembrava che la roccia sanguinasse ad ogni increspatura”.

Il più grande narratore del suo tempo

 

Dopo anni di pedinamento gratuito, Andersen è costretto dalle difficoltà finanziarie a iniziare il suo lavoro. Si creano le prime vere e proprie favole, come “La Sirenetta”, in cui è ben visibile l’influenza dell’Italia.

Per anni ha lavorato con tenacia sul suo lavoro, ma senza il successo desiderato.

Fu solo nel 1847, quando a Lipsia venne pubblicato un ristretto volume intitolato “Opere raccolte”, contenente una raccolta di alcune delle sue fiabe, che la marea cominciò a cambiare e la stella di Andersen cominciò a salire.

Il pubblico tedesco lo ama fin dalla prima battuta e lentamente anche i critici sono costretti a rivedere la loro opinione.

Quando gli fu chiesto se avrebbe scritto la storia della sua vita, una volta rispose che era successo da tempo, nella “Storia del Brutto Anatroccolo”.

Chiunque abbia familiarità con la storia riconoscerà la fine che fa contro i critici danesi che per tanto tempo lo avevano ignorato.

Quando il re Federico VI gli offrì finalmente anche una pensione annuale di 400 Reichstaler, fu liberato da ogni preoccupazione finanziaria e poté concentrarsi completamente sul suo lavoro.

“Era come se da quel giorno in poi il sole di primavera dovesse splendere più costantemente nella mia vita; sentivo una maggiore sicurezza, perché guardando indietro negli anni della mia vita, vedevo più chiaramente che una Provvidenza amorevole vegliava su di me, che tutto, come per un atto di Dio, era diretto al meglio per me…”

Da più di vent’anni lavora al suo lavoro, il che dovrebbe farne uno dei più grandi poeti delle fiabe d’Europa.

Vengono creati classici come “The Steadfast Tin Soldier”, “The Wild Swans” o “The Little Girl with the Sulfur Woods”.

Gli ultimi anni della sua vita li trascorre nella tenuta di campagna “Rolighed” vicino a Copenhagen, girando nel mondo dei suoi sogni e lavorando instancabilmente al suo lavoro.

Quando morì all’età di settant’anni, era diventato da tempo un autore acclamato a livello internazionale e amato dai suoi lettori.

Al suo servizio funebre si riunirono innumerevoli persone e poco tempo dopo Andersen fu dichiarato poeta nazionale danese.

Con la scultura della Sirenetta, eretta nel 1913, gli fu finalmente eretto un monumento, che ancora oggi è un punto di riferimento di Copenhagen.

Il suo patrimonio

 

Molte delle sue opere appartengono ancora oggi al fondo della letteratura mondiale e sono lette e amate da bambini e adulti.

Ispirato dai racconti e dalle leggende d’Europa, lavora sui più diversi racconti popolari e, ispirandosi alle tendenze letterarie del suo tempo, crea una simbiosi unica che lo rende il più importante narratore del suo tempo.

In una vita piena di lavoro instancabile ha creato 168 fiabe e più di 1000 poesie.

Volete essere informati sulle ultime attività?
Storia culturale della cucina viennese
L’arte del Medioevo
Un richiamo di Cassandra – un omaggio a Omero

Pin It on Pinterest

Share This