Johann Wolfgang von Goethe

da Kassandra Schwämmle

Johann Wolfgang von Goethe – un grande nome che la maggior parte di noi ha probabilmente incontrato a scuola sotto forma di Faust.

Ma l’opera di Goethe non comprende solo la storia del leggendario studioso, ma anche molti altri importanti pezzi letterari, così come riflessioni scientifiche e filosofiche.

Ma chi è l’uomo che è considerato uno dei poeti più importanti e influenti? Facciamo insieme un viaggio nella sua vita e diamo anche un’occhiata al suo lavoro.

Infanzia a Francoforte

Johann Wolfgang von Goethe è nato il 28 agosto 1749 a Francoforte sul Meno. Come figlio di una famiglia ricca e influente, era possibile per il ragazzo malaticcio ma curioso ricevere un’educazione scolastica completa. Già in giovane età, oltre alla scuola, fu istruito da precettori, insieme a sua sorella Cornelia, con la quale ebbe una relazione intima.

Essendo stato battezzato protestante, Goethe ricevette anche un’istruzione religiosa protestante, che però lo annoiò in giovane età. Preferiva uscire nella natura e sviluppò presto una religiosità naturale a partire da osservazioni che più tardi trovarono la loro strada nelle sue riflessioni filosofiche.

Tempo di studio

Su richiesta del padre Johann Caspar Goethe, il figlio si trasferì a Lipsia per iniziare gli studi di legge. Il giovane Goethe, tuttavia, che provava molto più piacere a scrivere poesie che a lottare ostinatamente con testi giuridici in stanze anguste e soffocanti, frequentava lezioni di poesia, prendeva lezioni di disegno e si godeva appieno la vita da studente. Non doveva preoccuparsi del denaro, la sua paghetta di Francoforte era ampia, così che poteva permettersi visite regolari al teatro e stabilire molti contatti con personalità note del suo tempo, come il ricercatore di antichità e archeologo Johann Joachim Winckelmann.

Tuttavia, quando la salute di Goethe peggiorò, fu costretto a tornare a Francoforte sul Meno, con grande dispiacere di suo padre senza laurea.

Per aiutarlo a guarire fu chiamato il medico Dr. Johann Friedrich Metz, una buona conoscenza della madre di Goethe che, come lei, era vicina alla comunità di Herrnhut a Francoforte. Il medico, che si era formato nella tradizione ermetico-alchemica da Paracelso a Jakob Böhme, incoraggiò il giovane Goethe a occuparsi di scritti mitici, alchemici e magici per essere in grado di fare tinture curative per sé.

Studiando le opere di Welling, Paracelso, Heinrich Cornelius Agrippa von Nettesheim e altri, Goethe si imbatté per la prima volta anche nella leggenda del dottor Faust storico. Sono emerse le prime idee per un’opera sul famoso alchimista e studioso. Goethe decise anche di dare al suo protagonista il nome di battesimo von Nettesheim.

Oltre alla sua occupazione con opere alchemiche, si avvicinò alla comunità di Herrnhut. Si avvicinò sempre più agli insegnamenti protestanti e cercò di unirli alla sua visione del mondo, che era stata plasmata dalla religiosità naturale fin dall’infanzia. Per un po’ si sentì a casa e riuscì a stabilire alcune amicizie strette, come quella con Susanna Katharina von Klettenberg, che più tardi divenne il modello per le “Confessioni di un’anima bella” nel sesto libro del Lehrjahre di Wilhelm Meister.

Ma l’insegnamento morale profano senza una pienezza vivida e festosa, come lo chiamava lo stesso Goethe, e la fissazione ostinata sul peccato originale e l’amore esagerato per Gesù respinsero sempre più il giovane poeta. Quando finalmente si trasferì a Strasburgo per finirvi gli studi, ruppe definitivamente con la comunità di Herrnhut, anche se Frau von Klettenberg gli rimase una preziosa amica (epistolare).

Durante i suoi studi e il lavoro sulla sua dissertazione, Goethe cominciò a occuparsi di architettura, poiché la città in Alsazia lo affascinava molto con la sua architettura. A Strasburgo, il giovane poeta ha vissuto un periodo spensierato.

Anche qui, il giovane studente, pieno di energia, ha potuto fare numerose amicizie e conoscenze, tra cui il filosofo culturale e poeta Johann Gottfried Herder. Herder lo introdusse a Omero, Shakespeare e Ossian, e alla poesia popolare, che la sete di conoscenza studiò anche diligentemente.

Come reazione al confronto con la dottrina protestante, Goethe si preoccupò anche del potere creativo inerente all’essere umano. L’accento era sulla fiducia nel proprio talento, il proprio genio, la rivelazione attraverso una conoscenza ispirata della natura, non sull’attesa dell’ispirazione attraverso un potere divino, come lui vedeva nell’insegnamento cristiano evangelico. Queste considerazioni diedero origine all’opera Prometeo, in cui il protagonista si solleva contro gli dei e li deride.

Nel 1771 Goethe finì i suoi studi e partì di nuovo per Francoforte sul Meno con la sua tesi completata.

Francoforte / Wetzlar / Darmstadt

 

Tornato nel vecchio paese, il neo-avvocato aprì un piccolo studio legale, che però gestì solo a malincuore e soprattutto per suo padre. Scrivere poesie era ancora la cosa più importante e piacevole.

Così iniziò a lavorare su Götz von Berlichingen, che ebbe un grande successo dopo essere stato auto-pubblicato e rese Goethe famoso da un giorno all’altro.

Su insistenza di suo padre, Goethe accettò comunque un tirocinio alla corte imperiale di Wetzlar, ma scrisse anche recensioni per la Frankfurter Gelehrten Zeitung. Si occupò molto del concetto di estetica, nel quale associava soprattutto l’imitazione della natura nell’arte. Allo stesso tempo, la sua preoccupazione per questa area tematica segnò l’inizio dello Sturm und Drang, nel corso del quale Goethe si unì per un po’ al circolo di Darmstadt degli Empfindsamen intorno a Johann Heinrich Merck.

In compagnia di numerosi letterati e poeti, Goethe si sentiva a suo agio; aveva intorno a sé persone simili a lui per curiosità e creatività letteraria.

In questo periodo nacque anche il materiale per I dolori del giovane Werther. Goethe si innamorò di Charlotte Buff, ma lei era interessata solo all’amicizia e lo respinse con la stessa delicatezza ma fermezza con cui Lotte respinse il giovane Werther.

Il giovane poeta entrò in contatto con Johann Caspar Lavater, un teologo e filosofo svizzero, con il quale scambiò opinioni durante tutta la sua vita, nonostante alcune differenze di opinione, e che divenne per lui un buon amico e mentore. Ispirato dalle conversazioni con gli studiosi della chiesa, Goethe divenne sempre più coinvolto nella filosofia e scoprì da solo gli insegnamenti di Spinoza. Il poeta si ritrovò nella visione panteistica della vita di Spinoza, tanto che una volta scrisse al suo mentore svizzero di non essere cristiano ma panteista.

Nel 1775 Goethe si fidanzò con Lili Schönemann, la figlia di un giovane banchiere che aveva incontrato a un concerto in casa a Francoforte.

Poiché entrambi i genitori erano contrari a un’unione tra i due e Goethe, nonostante il grande amore per Lili, si sentiva costretto dalla relazione, il fidanzamento fu rotto e il giovane poeta fuggì letteralmente a Weimar per accettare l’invito del principe di Saxe-Weimar-Eisenach. Eppure, anche nella sua vecchiaia, nella poesia e nella verità, Goethe parlava di Lili come forse il suo unico vero grande amore.

Weimar (dal 1775)

A Weimar, Goethe entrò al servizio del principe Carl-August, che aveva solo pochi anni meno di lui. Insieme hanno vissuto un periodo selvaggio e spensierato in cui si è sviluppata una profonda amicizia tra i due uomini.

Secondo i desideri della madre del duca, Anna Amalia, Weimar doveva diventare più importante culturalmente e svilupparsi ulteriormente.

Per questo motivo, il principe offrì a Goethe un lavoro al servizio dello stato, che il poeta accettò dopo una breve esitazione.

Durante questo periodo Goethe incontrò anche Charlotte von Stein, con la quale scambiò innumerevoli lettere e che lo accompagnò per tutta la vita come amica fedele.

Come funzionario pubblico, fu responsabile della commissione per la costruzione delle strade e della commissione di guerra, e cercò anche di ridurre i debiti del principato, cosa che riuscì in parte a fare attraverso il risparmio.

Goethe era spesso in grado di combinare l’ispirazione con i suoi doveri ufficiali. Per esempio, intraprese un viaggio nelle montagne dello Harz per esaminare le miniere d’argento vicino a Ilmenau per lo sviluppo. Traeva forza creativa dalle sue osservazioni della natura e dalla sua salita sul Brocken. Nel 1780 iniziò anche i suoi studi scientifici. In generale, il poeta viaggiò molto, in parte per una commissione ducale, in parte per visitare amici e conoscenti, ma anche per conoscere il paese e la sua gente.

La vita come funzionario del principe occupava sempre di più il tempo di Goethe, e spesso il successo delle sue imprese e dei suoi progetti non si concretizzava. Anche il poeta stava andando verso una crisi letteraria, iniziò alcune opere più ampie, ma continuavano a cadere nel dimenticatoio, non voleva finirle, sentiva sempre di più che la sua vita di funzionario e la sua vita di poeta erano incompatibili.

Così ha deciso di fare un viaggio.

Viaggio in Italia

Goethe stesso ha descritto il suo viaggio in Italia, il luogo del suo desiderio fin dalla prima giovinezza, come una fuga dalla soffocante ristrettezza della sua libertà poetica a Weimar. Per lui, il viaggio verso il sud, verso il paese in cui il Rinascimento ha avuto le sue origini, era altrettanto una ricerca di rinnovamento e di rinascita. E infatti il poeta ritrovò il suo entusiasmo per l’arte e la natura.

Ricominciò a scrivere poesie e trattati come quello di architettura.

Alla fine raggiunse Roma, dove rimase con il pittore Johann Heinrich Wilhelm Tischbein, che dipinse anche il famoso quadro Goethe in Campagna. Finì le sue opere a lungo perdute come Torquato Tasso e Egmont.

Dalla capitale italiana viaggiò in Sicilia, scalò il Vesuvio e, tornato a Roma, imparò il disegno prospettico.

Il poeta godette appieno della vita del sud; si dice anche che abbia avuto un’amante a Roma che gli ispirò le Elegie Romane.

Alla fine, però, anche il principe poeta dovette seguire il richiamo del suo duca e tornò a Weimar dopo quasi un anno e mezzo.

Di nuovo Weimar

Nonostante il fatto che Goethe, come lui stesso scrisse a Carl-August, fosse tornato a Weimar rinato e pieno di nuova giovinezza, era energico ma più scontroso, ancora più umorale e abbottonato di quanto non fosse stato prima.

Questo cambiò solo quando una giovane donna venne dal principe poeta come supplicante per suo fratello che era in difficoltà finanziarie. Il suo nome era Christiane Vulpius, di cui Goethe si innamorò rapidamente. Nei primi mesi la loro relazione è stata tenuta segreta. Ma alla fine divenne la prima e unica moglie di Goethe e gli diede diversi figli, dei quali però solo il primogenito August raggiunse l’età adulta.

Allo stesso tempo, la sua relazione (platonica) con Charlotte von Stein si deteriorò, ma la loro amicizia non si ruppe mai, anche se il tono delle loro lettere si raffreddò notevolmente.

Un altro anno cruciale nella vita di Goethe fu il 1789, quando il giovane Johann Christoph Friedrich (von) Schiller venne a Weimar. Diventato famoso per la sua opera teatrale The Robbers, il giovane poeta cercava nuove sfide e di sfuggire ai vecchi battibecchi.

I due poeti, Goethe e Schiller, si guardarono all’inizio con molta diffidenza.

Schiller, pur essendo un grande ammiratore delle opere di Goethe, non poteva fare nulla con i modi spesso accondiscendenti dell’altro.

Ha descritto il principe poeta, non senza invidia, come uno favorito dal destino che aveva sempre abbastanza mezzi a sua disposizione.

Ma la visione comune della rivoluzione che scoppiava in Francia e le idee di libertà li avvicinarono. Si sviluppò così un’amicizia che avrebbe avuto un’influenza formativa sul classicismo di Weimar. Si sono sostenuti a vicenda nei progetti.

Goethe, per esempio, scrisse una serie di contributi alla Horen, una rivista letteraria diretta da Schiller e dedicata all’educazione del pubblico. Hanno anche collaborato tra loro nell’esame critico delle opere che venivano scritte e prima che fossero pubblicate. Schiller, per esempio, ha offerto un consiglio al suo amico che era in perdita nel suo Wilhelm Meister.

La rivoluzione e i suoi disordini non si fermarono al principato di Sassonia-Weimar-Eisenach e così Goethe entrò in guerra nel 1792 con Carl-August dalla parte della Prussia-Austria contro la Francia.

Per poter elaborare le impressioni delle battaglie, Goethe si rifugiò, come aveva fatto in precedenza, nelle osservazioni della natura e nella poesia. Iniziò il suo lavoro sull’ottica e la teoria dei colori, per la quale le sue prime idee erano già emerse durante il viaggio nell’Harz.

Lavorò anche più e più volte sul materiale del Faust, scrivendo scene e raffinando la storia, apportando nuovi pensieri ed esperienze.

Dopo la riconquista della città di Magonza occupata dai francesi, Goethe tornò a Weimar. Lì, dopo le impressioni della guerra, godette ancora di più della vita familiare e coltivò le amicizie, ma elaborò anche il più terribile di tutti gli eventi, come lui stesso chiamò la rivoluzione e i successivi conflitti militari, in poesia e studi sulla natura.

Poi, all’inizio del XIX secolo, alcuni compagni di lunga data morirono. Prima Herder nel 1803, poi Schiller nel 1805.

Goethe stesso, profondamente colpito, si rifugiò nel lavoro e finalmente completò il Faust I nel 1807.

Continuò anche a godersi i viaggi, per esempio lungo il Reno, il Meno e il Neckar e a visitare vecchi amici.

La storia d’amore platonica con Marianne Jung e la sua preoccupazione per il poeta persiano Hafis diedero origine al Divan dell’Ovest-Est. Durante questo periodo, iniziò anche a riordinare vecchi appunti e lettere e, dal 1811, a scrivere la sua autobiografia Dichtung und Wahrheit (Poesia e verità), che non pubblicò fino a poco prima della sua morte nel 1831, insieme al Faust II.

Sopravvisse a sua moglie, così come al suo padrone il principe Carl-August, anche suo figlio August morì prima di Goethe. Questo lo portò a pensare all’immortalità e arricchì i suoi scritti filosofici.

Anche nella sua vecchiaia, Goethe fu sempre spinto dalla sua curiosità e si occupò di argomenti scientifici così come della letteratura (mondiale) del suo tempo. Allo stesso modo, il suo entusiasmo per il sesso femminile non venne mai meno e trasse forza e ispirazione dalle sue numerose infatuazioni, come lui stesso le chiamava. Nei suoi ultimi anni, le Elegie di Marienbad, che scrisse dopo essersi innamorato di Ulrike von Levetzow, che aveva più di 45 anni in meno, lo testimoniano.

Questo straordinario poeta morì a Weimar il 22 marzo 1832.

Quindi chi era Goethe? Non solo era un importante uomo di lettere del suo tempo, le cui opere sono ancora oggi famose in tutto il mondo. Era anche uno scienziato naturale, un filosofo e, ultimo ma non meno importante, un funzionario al servizio di Carlo Augusto. Un uomo con una mente attenta e soprattutto curiosa, che non ha mai smesso di cercare di andare in fondo alle cose, è stato ispirato da molte cose e ha ispirato molti lui stesso, ancora oggi. Goethe è stato uno dei grandi e importanti per la nostra cultura e vive nelle sue opere senza tempo.

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This