L’imperatrice Elisabetta viene assassinata

 

da Katharina Mölk

Nel settembre 1898 Elisabeth si reca in Svizzera per alcune settimane. A Ginevra ha soggiornato all’Hotel Beau Rivage. Per un’indiscrezione, il giorno dopo il giornale riportò che l’imperatrice d’Austria alloggiava in questo hotel.

Lo sperimenta anche l’antimonarchico Luigi Lucheni, che era a Ginevra in quel momento per assassinare il principe d’Orléans. Voleva scioccare gli odiati aristocratici. Tuttavia, quando quest’ultimo cambiò i suoi piani di viaggio, Lucheni si guardò intorno alla ricerca di un’altra vittima.

Il 10 settembre 1898, l’imperatrice lasciò l’albergo verso le 13.30 con la sua dama di compagnia Irma Sztáray per recarsi a Caux sulla nave Genève.

Lucheni li stava già aspettando e pugnalò Elisabeth nella zona del cuore con una lima affilata.

Lucheni è stato fermato da alcuni passanti e consegnato alla polizia.

All’inizio Elisabeth pensò che lui l’avesse solo spinta giù e si fosse imbarcato su un piroscafo sul lago di Ginevra con la sua dama di compagnia, la contessa Irma Sztáray. Ma a bordo è crollata e si è capito che era stata accoltellata. L’imperatrice fu riportata brevemente alla coscienza con acqua di colonia e un pezzo di zucchero immerso nell’etere. Si raddrizzò ancora una volta, li ringraziò e chiese: “Cosa mi è successo adesso?”. Poi sprofondò di nuovo nell’incoscienza e la nave tornò indietro; l’imperatrice morente fu riportata nella stanza d’albergo.

Quando la morte di Elisabetta fu comunicata intorno alle 14:50, Lucheni gridò trionfalmente: “Viva l’anarchia! Viva gli anarchici!”. Fu condannato all’ergastolo (la pena di morte era stata abolita nel cantone di Ginevra), dove fu trovato appeso a una cintura nella sua cella nel 1910.

La figlia più giovane di Elisabeth, Marie Valerie, annota nel suo diario: “Ora è venuto come lei ha sempre desiderato, rapidamente, senza dolore, senza consultazione medica, senza lunghi giorni di preoccupazione per lei”.

Ritratto dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, ©jakatics

Quando l’imperatore Francesco Giuseppe riceve la notizia dal suo aiutante d’ala, le sue parole sono: “Tu non sai quanto ho amato questa donna”.

Prima di essere portato a Vienna, il corpo di Elisabetta fu sottoposto ad autopsia: “La pelle era ancora tiepida, il rigor mortis non si era ancora instaurato. Carnagione giallo pallido. I capelli sono castani. Occhi grigio-azzurri. Buona dentizione. Il grasso sottocutaneo è poco sviluppato con uno spessore di 1,72 centimetri. Ci sono vecchie smagliature perlacee sull’addome. Nel sito della ferita, nel suo punto più profondo, ci sono indicazioni dell’inizio del rigor mortis”.

Il suo desiderio di trovare la sua ultima dimora “in riva al mare, preferibilmente a Corfù” non è stato esaudito. Il corpo di Elisabetta viene deposto nella cappella del castello di Vienna fino al funerale del 17 settembre. Per inciso, il corteo funebre verso la cripta dei Cappuccini è stato descritto da Marc Twain.

Il suo sarcofago si trova oggi accanto a quelli di Francesco Giuseppe I e del principe ereditario Rodolfo.

La sua morte violenta ha dato origine al mito di Sisi.

Anche se l’imperatrice faceva impressione sulla gente solo per il suo aspetto, non era popolare. Era troppo distratta e non si curava delle persone che la circondavano. Dopo la sua morte, la pietà del popolo era rivolta all’imperatore. Il conte Kielmannsegg ha osservato: “Poche lacrime sono state versate dopo di lei”.

Scultura dell’imperatrice Elisabetta d’Austria e Ungheria, ©gilmanshin

Ma l’immagine dell’imperatrice solitaria, infelice ed eternamente bella si sviluppò già all’inizio del XX secolo. La romantica trilogia cinematografica “Sissi” di Ernst Marischka degli anni ’50 rese l’imperatrice famosa in tutto il mondo e plasmò l’immagine di Elisabetta per molto tempo. Questa immagine è stata rivista quando è stato esaminato il diario poetico dell’imperatrice, che aveva depositato in Svizzera. In esso, critica i suoi contemporanei, la vita alla corte viennese e i mali del suo tempo.

Ma la vita di Sisi è ancora oggi affascinante. Anche un musical è stato dedicato a lei: questo racconta il perpetuo desiderio di morte dell’imperatrice (Michael Kunze e Sylvester Levay, Vereinigte Bühnen Wien).

La dama di compagnia di Elisabetta, Irma Sztáray, scrisse della misteriosa imperatrice: “Se fosse passata come una rara stella nel cielo per una sola notte, i profani, i curiosi e i sempliciotti non avrebbero disturbato la leggenda con racconti fantastici. Ma le sue peregrinazioni furono lunghe, e poiché l’apparizione fu vista più e più volte, la gente cercò di interpretarla e la interpretò male. La nave d’oro della leggenda trascina con sé una maldestra zavorra: le chiacchiere confuse. Ma potrebbe essere altrimenti?

Volete essere informati sulle ultime attività?
Storia culturale della cucina viennese
La storia di Selma Lagerlöf
L’origine dell’operetta

Pin It on Pinterest

Share This