Paul Hindemith e la Sonata per flauto e pianoforte del 1936

 

da Anja Weinberger

Hindemith è nato a Hanau nel 1895. Questo dice già molto sulle condizioni generali della sua vita.

Aveva 19 anni all’inizio della prima guerra mondiale e 44 anni all’inizio della seconda guerra mondiale. Ha vissuto in un periodo di incertezza.

Il crollo dell’impero tedesco, l’inflazione, il successivo nazionalsocialismo, il crollo della borsa di New York e la complessità della situazione del dopoguerra crearono un ambiente estremamente fragile che naturalmente doveva essere superato dall’intera generazione.

Anche la struttura familiare era insolita e probabilmente unica. Il padre di Hindemith proveniva da una famiglia di commercianti e artigiani che proibirono al giovane Rudolf Hindemith di intraprendere la carriera musicale. Al contrario, quando lui stesso mise su famiglia, decise molto presto che i tre figli sopravvissuti, Paul, Antonie e Rudolf Jr. sarebbero dovuti diventare musicisti. L’educazione musicale è stata costantemente imposta con un esercizio inflessibile.

Allo stesso tempo, il padre Rudolf Hindemith non fu mai in grado di assicurare un’esistenza spensierata alla sua famiglia, e per alcuni anni vissero addirittura in condizioni di miseria.

Anche se nessun talento artistico o musicale era evidente nelle generazioni precedenti, tutti e tre i figli si svilupparono eccezionalmente bene, specialmente il figlio più giovane Rudolf, che sembra essere stato un bambino prodigio. In seguito fece una carriera molto precoce come violoncellista, diventando poi direttore d’orchestra e compositore. La sua musica è vicina al jazz, piuttosto freitonale e poco costruita.

I tre fratelli furono mandati in giro per il paese dal padre come trio di bambini di Francoforte, e anche le prime composizioni del giovane Paul risalgono a questo periodo. Per contribuire al sostentamento della famiglia, suonò presto il violino nell’orchestra del Neues Theater di Francoforte. E dal 1912 prese lezioni di composizione all’Hoch’schen Konservatorium di Francoforte, dove il suo talento fu rapidamente riconosciuto.

Suo padre Rudolf cadde all’età di 45 anni al fronte della prima guerra mondiale. Paul stesso fu arruolato nel 1917 e fu di stanza nelle Fiandre e in Alsazia come batterista del reggimento musicale.

Il suo diario mostra che durante tutta la guerra cercò di non essere sopraffatto dalle orribili impressioni. Ha creato un contro-mondo per se stesso attraverso la composizione e il fare musica. Sono state scritte molte opere.

Dopo la fine della guerra, Hindemith passò dal violino alla viola e finalmente cominciò a fidarsi del suo talento di compositore, e anche a percepirsi come tale.

Raggiunse una svolta spettacolare con diverse prime di successo, tra cui il 1° Festival della Musica di Donaueschingen nel 1921. Una di queste prime fu il Quartetto d’archi n.3 op.16, per il quale fu fondato il Quartetto Amar, nel quale Paul e Rudolf Hindemith suonarono insieme a Licco Amar e Walter Caspar. Era nata una leggenda.

Dal 1923, era finalmente sotto contratto generale con la casa editrice SCHOTT di Mainz.

Nel 1924 Paul sposò l’attrice e cantante Gertrud Rottenberger. La coppia viveva insieme molto armoniosamente, Gertud si occupava di gran parte della corrispondenza, accompagnava il marito in molti viaggi e si interessava molto al suo lavoro. Ha proseguito a malapena la sua professione, poiché soffriva di una grave paura del palcoscenico.

Nel 1927, Hindemith assume una classe di composizione alla Musikhochschule di Berlino. Era l’insegnante ideale e, per mancanza di buon materiale didattico, iniziò a lavorare lui stesso sulla teoria musicale.

Così ora era considerato il principale compositore tedesco della sua generazione e aveva anche un grande successo come violista solista.

Dopo che i nazionalsocialisti andarono al potere, tuttavia, molte delle sue opere furono vietate in quanto di cultura bolscevica.

Nell’estate del 1933, iniziò a lavorare su Mathis der Maler. L’opera sul pittore Mathias Grünewald mostra gli intrecci di un artista nella politica e nella società. Quasi come previsto, il governo nazionalsocialista ha impedito la prima. Tuttavia, Hindemith compilò parti della musica per la sinfonia Mathis der Maler, la cui prima il 12 marzo 1934 da Furtwängler e la Filarmonica di Berlino divenne un successo senza precedenti.

Nel 1937, un divieto di esecuzione fu imposto a tutte le sue opere, al che Hindemith si dimise dalla Hochschule.

Quell’anno partì per il suo primo viaggio negli Stati Uniti per esplorare le possibilità di emigrazione come direttore d’orchestra e violista. Le prime impressioni non erano probabilmente convincenti.

Poi, nel 1938, la prima mondiale del suo balletto Nobilissima Visione ebbe luogo a Zurigo, che egli stesso diresse. Insieme al ballerino e coreografo Leonide Massine, Hindemith aveva lavorato a questo lavoro, ispirato agli affreschi fiorentini di Giotto su Francesco d’Assisi.

A settembre, Hindemith decide di vivere in Svizzera. Il compositore intensificò il suo lavoro teorico-musicale e questo sfociò nel 1935 nell’istruzione di composizione, che SCHOTT pubblicò.

Solo dopo insistenti richieste di amici si trasferì negli Stati Uniti nel 1940.

Gertrud ha dovuto rimanere indietro per il momento per motivi finanziari, il che è stato molto stressante per entrambi. Paul si gettò in conferenze all’Università di Musica di Yale, tra gli altri, a cui allegò un Collegium Musicum. Con questo, ha eseguito musica dal canto gregoriano al tardo barocco il più fedelmente possibile per dare agli studenti un’idea approssimativa del suono.

Si sente sempre più accettato nel Nuovo Mondo e nel 1945 accetta la cittadinanza americana.

Dopo la fine della guerra, Hindemith tornò in Europa per visite con sentimenti contrastanti.

Rimase costernato nello scoprire che poche delle gentilezze che gli erano state fatte erano verso di lui come essere umano, ma la maggior parte erano verso di lui come artista famoso. Solo nel 1951 riuscì ad accettare una cattedra di musicologia a Zurigo. Nel 1953 si ritrasferisce completamente in Svizzera.

Da allora, ha viaggiato in tutta Europa come direttore ospite, anche in Sud America e in Giappone. Negli anni ’60, ha anche diretto di nuovo negli Stati Uniti, dopo un periodo di percezione reciproca piuttosto sommessa.

Nel 1963, Paul Hindemith morì relativamente inaspettatamente a Francoforte per una serie di ictus. Suo fratello Rudolf gli sopravvisse di 11 anni.

Nel 1936, a Berlino, Hindemith compose la Sonata per flauto e pianoforte. Faceva parte di una serie di sonate per tutti gli strumenti orchestrali.

Scrisse al suo editore: “Sarete sorpresi di sapere che sto segnando l’intero strumento a fiato. Ho sempre avuto l’intenzione di fare un’intera serie di questi pezzi. In primo luogo, non c’è nulla di sensato per questi strumenti, ad eccezione di alcuni pezzi classici, quindi non è da un punto di vista commerciale attuale, ma a lungo termine vale la pena di arricchire questa letteratura. E in secondo luogo, ora che mi sono interessato così tanto alla musica per fiati, ho un grande desiderio di questi pezzi”.

Con questo, Hindemith aveva ovviamente toccato un punto dolente nell’anima del flautista. In effetti, il repertorio dal primo periodo classico in poi è abbastanza gestibile e una nuova fase della musica per flauto era appena iniziata, soprattutto in Francia.

Gustav Scheck e Walter Gieseking dovevano presentare la sonata qui in Germania, ma questo evento cadde vittima del regime dominante. La prima ha avuto luogo durante il primo viaggio di Hindemith in America nell’aprile 1937 da George Barrère (flauto) e Jesús Maria Sanromá (pianoforte).

La sonata in tre movimenti con la marcia finale, che sembra quasi un quarto movimento, entrò immediatamente nel repertorio standard dei flautisti, come tutte le altre sonate di Hindemith per altri strumenti. Hindemith ha aggiunto un gran numero di pezzi di alta classe alla letteratura per viola in particolare.

Paul Hindemith amava fare musica a casa con la moglie e gli amici. Padroneggiava tutti gli strumenti tranne l’arpa. Negli anni ’30, quando quasi nessun concerto era possibile, questa era la sua forma di sopravvivenza.
letteratura

Adorjan, Andras (Hrsg.) u.a.: Lexikon der Flöte, Laaber 2009
Finscher, Ludwig (Hrsg.): Die Musik in Geschichte und Gegenwart, Kassel 2003
Schubert, Giselher:  Paul Hindemith in Selbstzeugnissen und Bilddokumenten, Reinbek 1981

Ora anche in forma di libro!
Ora anche in forma di libro!

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Tutti i testi sulla storia del flauto
Storia dell’Austria
La serie di libri di Leiermann

Pin It on Pinterest

Share This