Porto – Più di un semplice porto

 

da Maria Pussig

Porto – Più di un semplice porto

 

da Maria Pussig

Solo pochi anni fa, il Portogallo sembrava essere la punta di diamante tra le destinazioni dell’Europa meridionale. A meno che uno non fosse benedetto da una natura avventurosa e amante dei viaggi, il sud dell’Europa finiva spesso con pizza, pasta e gelato sulla costa adriatica per il consumatore medio di lingua tedesca. Il fatto che questa regione d’Europa abbia anche il suo fascino, e giustamente, non deve essere sottovalutato a questo punto. Negli ultimi anni, tuttavia, è diventato chiaro che il desiderio di viaggiare e scoprire può ripagare, come uno sguardo al Portogallo conferma rapidamente. Soprattutto i centri urbani, che spesso guardano a una storia che risale all’antichità romana o anche più in là, sono il centro di interesse per i visitatori con le loro offerte culturali e concetti innovativi. Motivo sufficiente per dare un’occhiata più da vicino a Porto, una di queste città.

Porto a colpo d’occhio

Situata nel nord del paese, la città è un centro della regione sotto molti aspetti: culturale e culinario, storico e politico, geografico ed economico. Non è senza motivo che Porto è affettuosamente chiamata “la capitale segreta del Portogallo” dai suoi 238.000 abitanti. Questi attributi sono dovuti non da ultimo alla posizione geografica e alla storia della città. Porto è strategicamente situata direttamente sull’Oceano Atlantico, sulla riva nord del fiume Douro, che qui sfocia nell’oceano. La città deve il suo nome a questo fatto, che tradotto in tedesco significa “porto” e si riferisce quindi al più importante pilastro culturale ed economico di Porto. Ci sono prove dell’importanza commerciale della città portuale fin dall’epoca dell’occupazione romana, che finalmente raggiunse il suo apice nell’epoca dell’espansione europea.

Ancora oggi, l’area metropolitana di Porto non è solo la conurbazione economica più importante del nord, ma dell’intero paese, anche se oggi il porto gioca un ruolo piuttosto secondario ed è stato sostituito dalle industrie tessili e del cuoio. Allo stesso tempo, Porto dimostra che è possibile per una città avere un’economia fiorente e una ricca offerta culturale. Ancora di più: comprendere il primo come parte del secondo.

Cattedrale di Porto; © Anajim

 

Esordi storici

Per capire meglio il presente di Porto e quindi tutti i processi culturali attuali, è consigliabile innanzitutto guardare indietro alla sua storia. Come già menzionato, la città giocò un ruolo decisivo per l’impero nell’antichità romana, ma è meno noto al grande pubblico che i primi insediamenti della cultura di Castro furono stabiliti già nell’Età del Ferro in quella che oggi è la zona di Portos. Questo è indicato dai reperti archeologici che sono stati e continuano ad essere scoperti durante gli scavi, ma anche per caso durante i lavori di costruzione in città. Il fatto che l’eredità della cultura castrista sia comunque importante, nonostante il suo profilo piuttosto basso, è particolarmente evidente nelle teorizzazioni che riguardano il nome della città di Porto. Questo non ha potuto essere completamente chiarito, ma si basa fondamentalmente sulla prima denominazione della regione da parte della cultura castrista come “Cale”. Nel corso dei secoli, questo si sviluppò nel nome romano “Portus Cale”, da cui deriva non solo il nome attuale della città “Porto”, ma anche il nome di un intero paese: “Portogallo”.

Solo questo dimostra quanto Porto abbia avuto un vero ruolo pionieristico nella storia di tutto il resto del paese, e continuerà a farlo, per esempio, quando Alfonso I Henriques fonderà il regno portoghese.

Sviluppi culturali del presente

Non è quindi insolito che Porto abbia elevato il proprio patrimonio storico a stella fissa della scena culturale locale. Per rendersene conto, spesso basta una passeggiata mirata in città. Se sai cosa cercare, la stessa città vecchia di Porto diventa un grande museo a cielo aperto. È particolarmente attraente vedere come le mura romane della città, le chiese barocche e l’architettura moderna, tra le altre cose, si uniscono per formare una potente composizione che esprime chiaramente il carattere spesso ambivalente ma armonioso di questa città. Anche i numerosi musei, gallerie, sale da concerto ecc. della città rimangono fedeli a questo motto, dando spazio sia a iniziative giovani (come la galleria d’arte Sismógrafo) che a costumi antichi (per esempio nelle feste popolari in onore di San João), offrendo così qualcosa per tutti i gusti. Nel suo insieme, tuttavia, la vasta gamma di istituzioni culturali di Porto può essere vista come la ciliegina sulla torta di un disegno urbano che, grazie alla sua stessa storia, è una sintesi delle arti in sé. È per questo che la città vecchia di Porto è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1996 ed è stata capitale europea della cultura nel 2001.

Persone e poteri

Un altro contributo alla vivace vita culturale della città è dato dai suoi residenti internazionali – un fatto che è anche di natura storica. Come nazione marinara e potenza coloniale, il Portogallo iniziò ad esplorare e a conquistare gradualmente i suoi primi territori in Africa già nel XV secolo, seguiti nel corso dei secoli da colonie in quasi tutti i continenti, con il Brasile che è certamente uno dei più grandi del suo genere. L’ultima colonia, l’ex provincia portoghese d’oltremare di Macao, è stata restituita alla Repubblica Popolare Cinese solo nel 1999.

Nel corso della storia coloniale del paese, Porto è stata una costante importante come città portuale: Le navi salpavano e arrivavano cariche di merci da tutto il mondo, venivano scambiate e lavorate lì. Con loro sono arrivate le persone che oggi contribuiscono al mosaico interculturale della città.

Piazza Liberdade con la statua “Pedro IV”, © Smirre

Dopo un ampio giro della città, è quindi consigliabile non solo godere di specialità locali come il vino porto e la francesinha come rinfresco, ma anche fermarsi in uno dei numerosi ristoranti brasiliani o mozambicani. Questi sono una testimonianza pratica del fatto che la storia e la cultura non sono affatto fenomeni statici, ma processi di cambiamento che continuano nel presente.

Città moderna con fascino storico

Coloro che vogliono vivere Porto in modo autentico, possono guardare a una città che guarda a un patrimonio culturale secolare, lo coltiva e lo rende accessibile al pubblico. Allo stesso tempo, è anche consapevole del compito di interpretare questo patrimonio di fronte all’attualità, prendendo posizione su di esso e dando così spazio alla nuova creazione culturale. I livelli e le forme di espressione che si offrono per vivere questo carattere della città sono molteplici e vanno da una semplice passeggiata con visita a un caffè a una serata di discussione mondana in galleria. Perché Porto è molte cose e ha molte cose da offrire – tra cui, in caso di dubbio, pizza, pasta e gelato.

Letteratura utilizzata

Gli scrittori di città della Germania

Gli scrittori di città d’Italia

Gli scrittori di città dell’Austria

Der Leiermann

Sie lieben Europa ?

Wir erzählen die Geschichten dazu.

Unterstützen Sie uns jetzt dabei!
Zur Kampagne
close-link

Pin It on Pinterest

Share This