Scuola di Mannheim

da Anja Weinberger

La scuola di Mannheim –
si sta creando l’orchestra sinfonica del futuro

Il 31 dicembre 1742, Carlo IV Teodoro assunse la reggenza come Conte Palatino, Elettore Palatino e Duca di Jülich-Berg, come era stato pianificato da quando aveva 10 anni. Lo fece in successione a Carlo III Filippo del Palatinato, di cui aveva sposato la nipote Elisabetta Augusta solo nel gennaio dello stesso anno. Era nato Karl Theodor von Pfalz-Sulzbach (1724 – 1799) dalla linea palatina della casa di Wittelsbach. Tutto il suo regno avrà un enorme significato per lo sviluppo culturale della Germania meridionale nella zona di tensione tra Mannheim e Monaco.

Il suo predecessore, il conte palatino Karl III Philipp, aveva già spostato la residenza da Heidelberg a Mannheim nel 1720 dopo un lungo tira e molla. In questo contesto, pose anche le basi per la successiva Orchestra di Corte di Mannheim. Trovò i musicisti a Innsbruck, dove aveva vissuto fino a poco prima, e a Düsseldorf, la residenza del suo predecessore. Carlo Luigi Grua (1700 – 1773) fu nominato direttore di questa nuova orchestra. Venne con suo padre a corte, allora a Düsseldorf, quando era ancora un ragazzo. Lì ha ricevuto un’educazione completa. Grua fu successivamente nominato anche direttore d’opera e il teatro d’opera costruito per le celebrazioni delle nozze del futuro Elettore Karl Theodor fu inaugurato nel 1742 con la sua opera festiva “Meride”.

E dal 1743 in poi, il destino dell’orchestra fu nelle mani di Karl Theodor. L’inizio era piuttosto lento, l’orchestra era sbilanciata e mediocre. Karl Theodor stesso non si sentiva felice a Mannheim e pensò di trasferirsi a Düsseldorf. Nell’autunno del 1747, tuttavia, le acque turbolente si calmarono per una serie di ragioni e l’Elettore fece stampare un calendario di corte e di stato per l’anno successivo. Questo ebbe un effetto di segnale e fu compreso anche dalla cappella di corte. Karl Theodor era un sovrano illuminato, istruito, persino intellettuale. Promosse la scienza e l’arte ben oltre ciò che era usuale per i governanti. Sotto di lui, Mannheim si sarebbe presto trasformata in un’affascinante sede reale. Amava la musica e suonava abbastanza bene il flauto e il violoncello. Una grande orchestra melodiosa gli sembrava adatta a rappresentare il suo potere e la sua ricchezza appena acquisiti. Negli anni a venire, la crème-de-la-crème del mondo musicale avrebbe preso la residenza a Mannheim o avrebbe conquistato il mondo da lì. Tutto iniziò con un vero colpo di fortuna, il fidanzamento di Johann Stamitz.

Johann Stamitz (1717 – 1757) nacque in Boemia nella città di Deutschbrod, suo padre era l’organista locale. Al ginnasio dei Gesuiti entrò in contatto con la musica italiana e ricevette un’educazione di alto livello. Ha poi studiato filosofia all’Università di Praga dal 1734. Numerosi compositori italiani avevano soggiornato a Praga dall’incoronazione di Carlo VI diversi anni prima, e Stamitz poté così conoscere la sinfonia da concerto italiana. Il suo virtuosismo molto precoce indica anche che deve aver compiuto studi approfonditi di violino. Al più tardi nel 1742, fu accettato come violinista nell’orchestra di corte di Mannheim. Nel 1743, Karl Theodor nominò il virtuoso del violino maestro di concerto della musica di corte di Mannheim. E nel 1747 Stamitz iniziò a costruire sistematicamente la classe dei violini. Tra gli altri, portò nell’orchestra i fratelli Johannes e Carl Joseph Toeschi, entrambi eccellenti violinisti e figli di Alessandro Toeschi, il secondo maestro dell’orchestra di Mannheim, nato in Italia.

Ciò che oggi è dato per scontato è stato praticamente “inventato” da Johann Stamitz a Mannheim: un colpo d’arco uniforme delle corde e l’inizio e la fine congiunti del fare musica, indicati da un gesto del direttore musicale strumentale. Nel corso del tempo, l’orchestra è stata notevolmente ampliata e sono stati aggiunti anche dei suonatori di fiati.

L’anno 1753 portò diversi cambiamenti. Un secondo palcoscenico d’opera fu costruito nella residenza estiva di Schwetzingen. Questo significava naturalmente una grande quantità di lavoro extra per l’orchestra. Per sostituire Stamitz, il viennese Ignaz Holzbauer (1711- 1783) fu chiamato a Mannheim come Kapellmeister aggiuntivo, principalmente per il teatro. Holzbauer era anche molto istruito, suonava diversi strumenti e cantava. Le sue opere lo avevano reso famoso e dominavano il repertorio negli anni ’50. Ha esteso il lavoro di sviluppo di Stamitz, attentamente studiato e coerente, a tutti i gruppi vocali dell’orchestra. Inoltre, ha fatto in modo che si aggiungessero nuovi membri, anche nell’ensemble vocale. Nel processo, sono stati ingaggiati specificamente dei musicisti eccezionali. Il compositore, cantante e violinista Franz Xaver Richter (1709 – 1789), i due violoncellisti Antonin Fils (1733 – 1760) e Innocenz Danzi (1730 circa – 1798), gli oboisti Friedrich Ramm (1745 – 1813) e Ludwig August Lebrun (1752 – 1790), il flautista Johann Baptist Wendling (1723 – 1797) e il violinista Wilhelm Cramer (1746 – 1799) arrivarono tutti a Mannheim nel corso dei prossimi anni, tutti grandi nelle loro corporazioni. Con le loro frequenti apparizioni come ospiti nelle metropoli musicali del mondo di allora, contribuirono anche a diffondere la buona reputazione della Mannheim Court Orchestra. E il fattore decisivo: anche loro hanno insegnato. Infatti, accanto ai musicisti esperti, i giovani allievi, spesso i loro stessi figli, venivano educati fin dall’inizio. Questa doveva essere la ricetta del successo del Mannheim a lungo termine: lavoro di squadra e investimento nei giovani.

Il miglior esempio è il violinista Christian Cannabich (1731 – 1798), che nacque a Mannheim e divenne allievo di Johann Stamitz all’età di 10 anni. All’età di 12 anni, entrò nell’orchestra di corte come studioso, e tre anni dopo fu musicista di corte.

Ma non solo l’educazione orchestrale era una novità nel Palatinato. La Scuola di Mannheim si considerava anche una scuola di composizione. Da un lato, si dovevano imparare le abilità compositive e dall’altro si doveva fare esperienza pratica con nuove opere di numerosi compositori tedeschi e stranieri. Gli alunni particolarmente dotati venivano mandati a studiare in Italia a spese dell’Elettore.  Questo fu il caso di Christian Cannabich, che passò del tempo a Roma con Niccolò Jommelli e a Milano con Giovanni Baptista Sammartini dal 1750 al 1756. Dopo la morte prematura di Johann Stamitz, Cannabich assunse la posizione di primo violino nel 1758 e divenne così il leader della più famosa orchestra dell’epoca. Negli anni seguenti, avrebbe composto 70 sinfonie e più di 40 partiture di balletto, sarebbe diventato un direttore d’orchestra e un educatore orchestrale molto riverito, e avrebbe insegnato a molti studenti. Tra loro c’erano i figli del suo predecessore, Carl e Anton Stamitz. Per inciso, questi due non erano solo violinisti virtuosi, ma suonavano e componevano anche per la viola. Uno dei primi concerti per viola fu scritto da Carl Stamitz, che con esso celebrò grandi successi in tutta Europa e che ancora oggi fa parte del repertorio standard di ogni violista.

Nella sua doppia funzione di insegnante di composizione e di direttore d’orchestra, Cannabich formò la “Orchesterwerkstatt” di Mannheim. E le sue stesse opere orchestrali riflettevano le enormi capacità tecniche dell’orchestra in una misura che non si era mai vista prima. L’orchestra di Mannheim faceva affidamento sulla varietà e sulla sorpresa, su piccoli motivi melodici trattati quasi teatralmente. Questo nuovo e molto espressivo linguaggio orchestrale fu poi descritto da Hugo Riemann come “Mannheim manners”. Soprattutto il crescendo e le dinamiche di contrasto perfettamente suonate hanno fatto una grande impressione grazie alla perfezione tecnica dell’orchestra di corte. Le parole d’ordine “Mannheimer Seufzer”, “Mannheimer Rakete”, “Mannheimer Walze”, “Mannheimer Bebung” e le “Vögelchen” sono entrate nell’uso musicale.

Cannabich e i suoi allievi e colleghi composero un nuovo tipo di musica orchestrale, che soprattutto utilizzava gli strumenti a fiato esistenti in modo diverso per il suono complessivo. Fino ad allora, i fiati e i corni erano stati usati solo per raddoppiare i violini o per rinforzare l’armonia. Ora guadagnano in indipendenza, avendo spesso un proprio materiale tematico solista che non appare affatto negli archi. Sono condotti in modo più differenziato, accoppiati in duo o in trio per creare nuove variazioni sonore.

E altri due importanti cambiamenti nel suono della musica orchestrale hanno avuto luogo quasi contemporaneamente. Dal 1758 in poi, il suono degli strumenti a fiato a Mannheim cambiò ancora una volta, poiché l’allora nuovo strumento, il clarinetto, fu usato nelle opere scritte per l’orchestra. Inoltre, la scuola di Mannheim si guadagnò un ambasciatore in tutto il mondo musicale nella persona dell’allora “oboista star” Ludwig August Lebrun. Lebrun sposò Franziska Dorothea Danzi, la figlia di Innocenz Danzi, una delle cantanti più eccezionali e famose del suo tempo. La coppia ha viaggiato in tutta Europa e ha stupito con la sua presenza scenica congiunta perfettamente coordinata, quasi artistica. Molti compositori hanno creato arie con oboe obbligato per questi due. È interessante notare che Franziska Dorothea non era solo la sorella di Franz Danzi, ma anche la nipote di Carl Joseph Toeschi (vedi sopra). Il fatto che intere dinastie di cantanti, compositori e strumentisti rimasero nell’orchestra di corte per decenni fu in ogni caso anche favorevole alla precisione e alla comunanza uniche dell’orchestra di Mannheim. Molti dei migliori musicisti reclutati all’estero non solo si sono stabiliti a Mannheim, ma hanno anche trasmesso le loro abilità e conoscenze non solo ai loro studenti, ma anche ai loro stessi figli durante i loro 25 anni di servizio, solitamente buoni. Sono documentati numerosi legami di amicizia e di parentela tra i musicisti.

E il secondo drastico cambiamento, almeno altrettanto importante: dal 1760 in poi, i musicisti di Mannheim fecero sempre più a meno del clavicembalo e del liuto, e quindi del basso continuo. E a proposito, dobbiamo anche ringraziare i compositori di Mannheim per l’introduzione del minuetto come movimento supplementare prima del finale di una sinfonia.

Quindi questi furono i passi decisivi verso la cosiddetta orchestra sinfonica classica e la sinfonia classica. E poiché anno dopo anno migliaia di visitatori dell’alta nobiltà, ma anche molti artisti, viaggiatori educativi e amanti della musica venivano a Schwetzingen e Mannheim per concerti di corte e spettacoli d’opera, la reputazione dell’orchestra e della sua musica si diffuse come un tuono. Mozart, Haydn e Beethoven hanno basato le loro sinfonie proprio su questo suono orchestrale. Fino ad oggi, poco è cambiato in questo senso.

Naturalmente, i musicisti di corte potevano anche brillare con concerti solisti, che generalmente scrivevano per se stessi o per un allievo. Il numero di concerti di questo periodo è veramente considerevole. Johann Stamitz (14 concerti per flauto solo e probabilmente il primo concerto per clarinetto), Carl Stamitz (15 concerti per violino, 7 concerti per flauto, 4 concerti per violoncello e 11 concerti per il “nuovo” strumento clarinetto, di cui il n. 3 in Si bemolle maggiore è ancora richiesto per gli esami di ammissione ai conservatori), Franz Danzi, Christian Danner, Ignaz Fränzl, Ludwig August Lebrun (tra gli altri 6 concerti per oboe), Franz Danzi, Christian Danner, Ignaz Fränzl, Ludwig August Lebrun (tra gli altri 6 concerti per oboe). concerti per oboe), Alessandro Toeschi, Jean Baptist Wendling, Antonin Fils e Franz Xaver Richter.

Naturalmente è stata scritta anche musica da camera. Franz Danzi brillò soprattutto con i suoi quintetti di fiati per flauto, oboe, clarinetto, corno e fagotto, una strumentazione che era stata “inventata” solo pochi anni prima da Anton Reicha. Fondamentalmente, questo può essere visto come una continuazione del lavoro orchestrale, perché le cinque voci di fiati sono guidate da lui in un modo altamente virtuosistico, dal suono bello e, per così dire, “sinfonico”, una vera novità nella musica da camera e ancora oggi molto popolare e frequentemente suonato. I musicisti di Mannheim furono anche coinvolti nello sviluppo del genere del quartetto d’archi. Le pubblicazioni del quartetto di Franz Xaver Richter (1709 – 1789) sono, dopo l’op.2 di Boccherini, le prime in cui la quarta voce è designata “violoncello” e non più “basso” (cioè basso continuo). L’indipendenza e il virtuosismo che il compositore concede a ciascuno dei quattro strumenti sono quasi senza precedenti per il primo periodo del quartetto d’archi. Questo non ci sorprende ed è estremamente logico in vista del lavoro orchestrale della Scuola di Mannheim (vedi sopra). Il quartetto d’archi alla fine si è sviluppato attraverso Haydn, Mozart e Beethoven nello strumento di musica da camera per eccellenza.

Anche il buon e soprattutto rapido pagamento dei musicisti è stato insolito. Oltre a uno stipendio fisso, ricevevano anche indennità di vestiario e pagamenti in natura. Anche una sorta di assegno sociale veniva pagato se la famiglia di un musicista era in difficoltà a causa della malattia o della morte del principale percettore di reddito – estremamente insolito per l’epoca. Un lavoro aggiuntivo come ripetere, copiare e simili potrebbe essere fatto per guadagnare soldi extra. La paga migliore, tuttavia, era per le composizioni che erano pronte per essere eseguite.

Questo stipendio insolitamente sicuro e piuttosto generoso poteva essere pagato solo perché la moglie di Johann Wilhelm del Palatinato, Anna Maria Luisa de’ Medici, aveva già fornito una somma di denaro molto generosa per l’esistenza e il mantenimento dell’orchestra di corte due generazioni prima, che non poteva essere utilizzata per altro.

Wolfgang Amadeus Mozart arrivò a Mannheim nel 1763 all’età di sette anni. Era già considerato un bambino prodigio e andava in tournée con suo padre Leopold. Ha suonato due concerti per Karl Theodor nella sua residenza estiva a Schwetzingen. Leopold Mozart descriveva già l’orchestra come “la migliore della Germania”. Per la seconda volta, Wolfgang viaggiò con sua madre per diversi mesi nel 1777 e soggiornò nella casa di Cannabich. Diede alla figlia Rosine alcune lezioni di pianoforte e le dedicò la Sonata per pianoforte K. 309. Mozart sottolineò più volte l’atteggiamento premuroso e amichevole di Cannabich nelle lettere al padre e descrisse Cannabich come “il miglior direttore che avesse mai visto”.

Nel giorno dell’onomastico dell’Elettore, Mozart si esibì poi come pianista con la musica di corte nella Sala dei Cavalieri, cioè la sala dei concerti di corte. E ha scoperto l’amore a Mannheim! Il suo cuore era infiammato per Aloisia Weber, soprano di coloratura a corte e figlia del contrabbassista e copista Fridolin Weber. Sfortunatamente, il loro giovane amore non ha portato a nulla. Tuttavia, si incontrano di nuovo anni dopo a Vienna e Mozart sposa la sorella di Aloisia, Constanze, dopo pochi mesi. Nel 1778 Mozart dedicò le sue 6 sonate per violino K. 301-306 all’Elettrice Elisabetta Augusta e sottolineò nel testo della dedica quanto fosse stato colpito e influenzato dai numerosi compositori di Mannheim che facevano musica e dai loro capolavori. Inoltre, ha riferito a casa: “L’orchestra è molto buona e forte…fa una musica molto bella”.

Durante il suo ultimo soggiorno a Mannheim, il 23 e 24 ottobre 1790, diresse il suo “Figaro” nel Teatro Nazionale. La sua sedia da direttore d’orchestra fu conservata, ma fu distrutta dalle fiamme durante la seconda guerra mondiale.

Nel 1771 Georg Joseph Vogler, più tardi chiamato Abbé Vogler (1749 – 1814), venne a Mannheim. Abbé Vogler (1749 – 1814), venne a Mannheim. Il figlio musicalmente dotato di un liutaio aveva studiato diritto ecclesiastico e secolare e aveva ricevuto una borsa di studio dall’Elettore Karl Theodor per un viaggio di due anni in Italia. Ordinato sacerdote e tornato dall’Italia, assunse il secondo posto di maestro di cappella accanto a Ignaz Holzbauer nel 1776. Si dedicò anche alla sua grande passione, l’educazione popolare. Viene fondata la prima scuola di musica per tutti. Vogler non ebbe vita facile a Mannheim; il suo insegnamento e i suoi metodi educativi non furono ben accolti. Per quelli di noi nati dopo, tuttavia, è particolarmente importante che il suo giornale “Betrachtungen der Mannheimer Tonschule” (Osservazioni della scuola di musica di Mannheim) abbia fornito un buon e dettagliato schema della stilistica dell’orchestra di corte e della scuola associata. Ha anche raggiunto l’importanza come teorico della musica.

Nel 1775, la vecchia armeria di Mannheim fu trasformata nel teatro nazionale tedesco. Fino ad allora, le commedie francesi e le opere italiane avevano dominato il repertorio. Ora dovevano essere aggiunte le opere tedesche, perché eseguire esclusivamente in tedesco era considerato innovativo. All’inizio, i visitatori potevano ammirare opere teatrali e commedie musicali, poi fu aggiunto il melodramma, un genere completamente nuovo.

Anche se ha avuto i suoi inizi in Francia, non è stato fino al 1770 che si è affermato come un genere musicale indipendente in Germania. Questo è probabilmente dovuto alla natura stessa della lingua tedesca. Perché prevaleva l’opinione che la lingua tedesca fosse troppo ingombrante per il canto. Nel melodramma, il linguaggio parlato si intrecciava con la musica strumentale, e solo molto raramente c’erano sezioni cantate. Ancora una volta la gente di Mannheim era parte di questo nuovo inizio, ancora una volta una grande storia doveva iniziare con il Teatro Nazionale di Mannheim.

Uno dei momenti salienti degli anni seguenti doveva essere la prima del dramma di Schiller “I rapinatori” su questo palco e, naturalmente, il “Figaro” di Mozart (vedi sopra). Purtroppo, però, l’orchestra di corte di Mannheim non esisteva più in questa forma. Perché il 30 dicembre 1777 l’elettore bavarese Max III Joseph di Baviera morì e Karl Theodore del Palatinato dovette spostare la sua corte a Monaco, come previsto dall’Unione delle Camere. Per inciso, questo creò il terzo complesso statale più grande del Sacro Romano Impero e l’ottava dignità elettorale, quella del Palatinato, si estinse. A Monaco, le due cappelle di corte furono unite, ma non poterono mai più brillare nello stesso splendore.

Così per 35 anni esatti il Palatinato Elettorale e la città di Mannheim furono uno dei principali centri musicali d’Europa. Il grande impegno finanziario e ideale di Karl Theodor, dei suoi musicisti e degli attori risuona ancora oggi.

Letteratura utilizzata:

Fabian, Sarah-Denise: Faszination Hofmusik, Schwetzingen 2019
Glüxam, Dagmar: Artikel „Mannheimer Schule“ im Österreichischen Musiklexikon, oeml 2020
Holmes Schaefle, Melody: Flute pedagogy of the eightteenth and nineteenth centuries, San José 1989
Pelker, Bärbel: Die kurpfälzische Hofmusik in Mannheim und Schwetzingen, Schwetzingen, 2012
Pešek, Ursula und Željko: Flötenmusik aus drei Jahrhunderten, Kassel 1990
Ragge, Peter W.: Mozarts Mannheimer Tage, Mannheim 2016
Schick, Hartmut: Hat Franz-Xaver Richter das Streichquartett erfunden?, Stuttgart 2009
Mgg online

Volete essere informati sulle ultime attività?
Storia culturale della cucina viennese
La storia di Selma Lagerlöf
L’origine dell’operetta

Pin It on Pinterest

Share This