Sonatina per flauto e pianoforte di Henri Dutilleux

 

 

da Anja Weinberger

Per me, quest’opera ha un significato speciale perché è stata la prima opera “moderna” che ho preparato completamente e pronto per la rappresentazione come una studentessa.

Dal mio 15° compleanno circa, ho avuto un insegnante molto impegnato ed empatico che mi ha incoraggiato ogni anno a partecipare al concorso “Jugend musiziert”. A quel tempo, le opere abituali nella sezione “musica moderna” erano un movimento della Sonata di Hindemith o Bresgen o forse la piuttosto breve Danse de la chêvre di Honegger. La musica per flauto francese più recente si è sentita raramente, forse perché l’attenzione era chiaramente concentrata sulle altre due sezioni, “Barocco” e “Classico”, che dovevano anch’esse essere coperte. Questo, ovviamente, è cambiato completamente negli ultimi anni.

In questo anno descritto sopra, però, noi – io e il mio insegnante – abbiamo scelto insieme la Sonata in mi maggiore di Bach, il Concerto in sol maggiore di Mozart e appunto la Sonatine pour flûte di Dutilleux. Per poterli suonare senza superare il tempo limite, abbiamo dovuto fare in modo che i due movimenti delle opere di Bach e Mozart non fossero troppo lunghi. Quindi abbiamo lasciato una buona parte alla “modernità”, che era piuttosto insolita, eccitante e non del tutto innocua all’epoca, perché la giuria avrebbe voluto sentire più musica barocca o classica?

Ma non avevo idea di tutto questo ed ero semplicemente entusiasta. Comunque, il mio insegnante di allora era un grande modello per me. Il suo suono di flauto, il suo modo di insegnare, ma anche il suo modo di vivere mi hanno impressionato straordinariamente e mi sono fidato di lui senza esitazione.

Per farla breve: Dutilleux occupava molto tempo, non solo in termini di tempo, ma anche in termini di lavoro necessario per le prove e le ore che io, come studente di liceo, potevo dedicare alla pratica. Per me, era un mondo completamente nuovo all’epoca, e me ne sono subito innamorato. Questo era probabilmente anche l’approccio pedagogico del mio raffinato insegnante, perché per padroneggiare la Sonatina Dutilleux in modo puramente tecnico, dovevo esercitarmi, esercitarmi, esercitarmi. Così ho ottenuto un punteggio fantasticamente alto nella competizione regionale e la progressione completamente inaspettata al livello successivo della competizione era davanti a me.

Henri Dutilleux è nato nel 1916 nella bella città di Angers. Angers è situata tra i fiumi Loira e Maine e, oltre al pittoresco paesaggio fluviale, ha anche una magnifica cattedrale da offrire. Ma sfortunatamente, questo non è il posto giusto per ora.

Henri proveniva da una famiglia di artisti e iniziò a imparare il pianoforte, l’armonia e il contrappunto già da scolaro. Nel 1933 fu ammesso a studiare al Conservatorio di Parigi, vinse il Prix de Rome e molti altri premi. Nel 1942, Dutilleux divenne direttore di coro all’Opéra e fu capo della produzione musicale alla radio francese dal 1945 al 1963.

Ha raggiunto la sua svolta musicale internazionale con la 1a Sinfonia nel 1951.

La Sonatina è uno dei primi lavori di Dutilleux. Fu commissionato per il Concorso del 1943 e dedicato al flautista Gaston Crunelle, allora professore al Conservatorio. Purtroppo, rimane l’unico lavoro di Dutilleux per flauto.

C’è qualcosa di stupefacente da segnalare in proposito, per il quale è necessario un piccolo scavo:

L’uomo Dutilleux era straordinariamente modesto, non amava che gli si parlasse dei suoi numerosi premi e non gradiva che una delle sue opere avesse un successo maggiore di altre.

La nuova Sonatina per flauto del 1943 fu immediatamente adottata nel repertorio, è ancora oggi molto popolare e viene suonata molto più frequentemente di qualsiasi altra sua opera. Tuttavia, Dutilleux fa iniziare il suo canone di opere solo con la Sonata per pianoforte del 1947.

Dato che la Sonatina è un lavoro iniziale, si notano influenze di Honegger e Roussel. Forse questo gli dava fastidio, perché come compositore Dutilleux cercò per tutta la vita di stare lontano dalle tendenze della moda.

Purtroppo, ho trovato solo le sue stesse frasi su questo in una traduzione inglese: “Avevo scritto […] alcuni pezzi commissionati da Claude Delvincourt, allora direttore del Conservatorio. Aveva un doppio obiettivo: far esplorare ai giovani compositori la tecnica strumentale […] e, allo stesso tempo, costringere gli studenti di strumenti a lavorare su nuove partiture, che Delvincourt voleva fossero piene di trappole e difficoltà tecniche. È così che sono arrivato a scrivere, uno dopo l’altro, pezzi per fagotto, flauto, oboe e trombone; il pezzo per flauto è la Sonatine per flauto e pianoforte, che è stata registrata molte volte all’estero, anche se non ho mai voluto che fosse registrata in Francia perché non suona ancora veramente come la mia musica. Ma non ho messo nessun embargo su questo”.

E in effetti, la Sonatina ha poco in comune con le opere successive del compositore. Le sue strutture armoniche sono relativamente semplici e non raggiungono ancora la maturità delle opere del più vecchio Dutilleux. Tuttavia, è così elegante, flessibile nel metro e nella dinamica, e semplicemente bella, che rimane nel repertorio standard dei flautisti fino ad oggi. Certo!

La sonatina inizia in tempo 7/8, all’unisono in due parti di pianoforte. Dopo poche note, si sente il materiale necessario per tutta l’opera.

Quattro battute dopo, la parte del flauto si intreccia con le due mani del pianista, che ora agiscono indipendentemente l’una dall’altra, e presto il flauto lascia anche suonare il tema fluttuante in 7/8. Si nota che uno degli insegnanti di Dutilleux fu Philippe Gaubert, il più grande dei flautisti tra le due guerre mondiali. Per la parte del flauto della Sonatina sta molto bene, anche se sembra visivamente pesante.

Ora appaiono brevi suggestioni in entrambi gli strumenti, che forse evocano un ricordo di composizioni pittoriche orientali o impressioniste.

Questo piccolo interludio dura poco e riporta al canto di apertura, che questa volta sfocia in una scintillante conclusione di 16° e 32° nota, per ricominciare con calma dall’inizio.

Se ci si prende la briga di contare, ci sono di solito 9 battute del tema in 7/8, ognuna delle quali sceglie poi una progressione diversa. E questo è anche il caso di questa volta. Il pianoforte inizia, il flauto si unisce, entrambi insieme prendono diverse varianti ritmiche della 7-bar, e poi si dirigono verso una prima fermata. Nel processo, il movimento del pianoforte si assottiglia a pochi suoni maculati all’unisono e il flauto sale dalle profondità più basse attraverso suoni a doppia lingua fino al registro più alto. “Avec une grande legéreté” chiede il compositore, cioè “con grande facilità”.

Questo è seguito da una bella cadenza di flauto che inventa un motivo punteggiato completamente nuovo. “Avec Fantasie” è quello che vuole Dutilleux, e naturalmente ci preoccupiamo di assecondarlo. Il pianista, o nel mio caso il pianista, riprende il flautista alla fine della cadenza e lo conduce in un tranquillo ed espressivo Andante.

Questa sezione centrale poggia all’inizio su bassi di piano sincopati e costanti e poi diventa più inquieta su note di ottavo in movimento popolate da terzine.

La calma è presto finita, la cadenza punteggiata del flauto riappare e catapulta i due musicisti nell’ultima parte.

Si intitola “Animé”, che significa “vivace”, ed è vero! Un tappeto di sedici note, intessuto dal pianista, riprende le sedici note più alte del flauto, che includono anche le trentaduesime note nella loro esecuzione.

Tutte le note del flauto tra c1 e c4 fanno parte della felice danza circolare. Qui abbiamo raggiunto il punto che richiede una tecnica particolarmente buona da parte del flautista. Anche nel registro più basso, intorno al re 1, il flautista deve creare delle terzine di sedicesimi lisce; non è così facile, perché tutto questo viene fatto con il mignolo destro.

Infine, il pianista ha pietà e riprende il tema dell’Animé, e il flautista richiama ancora una volta i suoni tranquilli dell’Andante. Non passa molto tempo prima che i ruoli si scambino di nuovo. È inquieto e metricamente confuso.

Siamo ora salvati da questa strada a senso unico da un’altra cadenza breve ma molto virtuosistica, che a sua volta termina con le terzine di sedici note descritte sopra. Questa volta, però, non è una strada a senso unico, ma l’impennata, il giubilo e l’ascesa finale altamente virtuosistica di un viaggio emozionante. Il flauto e il pianoforte si lanciano la palla ancora una volta e alla fine la avvolgono insieme.

Sempre un’esperienza!

Volete essere informati sulle ultime attività (solo in inglese)?

Libri sulla storia culturale
Il mondo della musica classica
Tutti i testi sulla storia del flauto

Pin It on Pinterest

Share This