Syrinx o

“La Flûte de pan”

da Anja Weinberger

Questo breve pezzo per flauto solo tocca sempre il mio cuore. Lo conosco dal mio secondo anno come studente di flauto.

E posso ancora ricordare esattamente come è entrato nella mia vita. A quel tempo, non c’era né internet né un telefono cellulare e il networking era completamente diverso. Tutto quello che volevi sapere lo dovevi leggere – nella biblioteca della città, a scuola o dal tuo insegnante di strumenti. E si sapeva veramente quale letteratura o spartiti erano disponibili solo se si aveva un insegnante disposto ad aprire il suo armadio della musica. Purtroppo la mia prima insegnante non era così, ma a volte mi diceva qualcosa, più di sfuggita e per sbaglio. Una volta c’era questo strano nome “Syrinx”.

In quegli anni, andavo spesso in vacanza con i miei genitori in Ungheria per visitare gli amici. Passavamo sempre una giornata a Budapest, dove c’erano meravigliosi caffè, i bagni Gellért, il bellissimo Danubio blu e due negozi di musica. In questi negozi di meraviglie mi era permesso di spendere i soldi che avevo scambiato e si deve dire onestamente che gli spartiti musicali costavano pochissimo nel blocco orientale a quel tempo. Di solito avevo una lista con me, dai compagni di classe, dall’insegnante o dagli amici. Perché tutto quello che ti serviva era anche pubblicato da Peters/Leipzig. Gli spartiti di Handel, Bach, Telemann e Beethoven erano molto più accessibili in questo modo che a casa in Occidente. Così ho potuto acquistare in giovane età una considerevole biblioteca di spartiti.

Così quell’anno ero di nuovo lì, in piedi davanti a un magnifico bancone art nouveau, con un’alta pila di spartiti davanti a me, e mi fu permesso di sfogliarli. La maggior parte dei quaderni erano fatti di carta piuttosto grossolana di Editio Musica Budapest, Sikorski o un altro editore dell’Europa dell’Est. In mezzo c’erano le tipiche edizioni verdi di Peters.  Cercavo soprattutto le Sonate Halle di Handel e il venditore non poteva credere che le volessi tre volte. E direttamente sotto, cioè erroneamente classificato, c’era un libretto Peters verde molto sottile, con la scritta DEBUSSY – SYRINX. Senza pensarci due volte, l’ho messo in cima alla mia pila di banconote, che era già alta ben 5 cm, e mio padre ha pagato tutto. Dopo, c’era Somlauer Nockerln con cacao per me e caffè e chissà quale deliziosa torta della monarchia del Danubio per i miei genitori.

Quando ero in vacanza in Ungheria, non avevo mai con me un flauto, perché il check-in ai valichi di frontiera era sempre piuttosto emozionante. Per la sua amica Ilonka, mia madre aveva con sé molti flaconi di lozione per capelli e molte calze di nylon, affinché la guardia di frontiera non fosse attirata da uno strumento musicale. Ma anche senza flauto, mi è venuto naturale sfogliare i nuovi spartiti, con la vista del lago Balaton e l’odore di gulasch o lecsó nel naso. Così per la prima volta ho potuto dare un’occhiata alla musica di Claude Debussy.

Che differenza con tutto quello che sapevo all’epoca. Niente sedicesimi regolari come nelle sonate di Bach o altri schemi di note che conoscevo. No, e già la chiave: re bemolle maggiore – almeno così l’ho dedotto con l’aiuto delle mie dita – cinque si, cioè re bemolle maggiore. Nella prima riga, già la prima fermata, anche strana! E poi il ritmo – avevo bisogno di molte linee di matita per segnare i quarti.

Tornato a casa, ho portato il libro di musica alle mie lezioni di flauto e il mio insegnante ha detto quello che direi oggi a un allievo del secondo o terzo anno: “In realtà, questo è troppo difficile per te”. Aveva ragione, naturalmente. Così ho messo da parte lo spartito, ma l’ho sfogliato ancora e ancora e ho provato qualche nota – difficile. Inoltre non avevo mai sentito il pezzo prima. C’era un’orchestra sinfonica nella mia città, ma i concerti di musica da camera non erano in programma.

Forse un anno dopo, per Natale, ho ricevuto un disco con il flautista nordirlandese James Galway, su cui c’era tutto quello che poteva essere suonato da Debussy con il flauto e un pianoforte, in altre parole, un sacco di arrangiamenti. E alla fine, come bis per così dire, Syrinx. L’ho quasi perso. Così ora sapevo come poteva suonare questa accozzaglia di note. Nessun paragone con i miei ponderosi tentativi – l’inizio suona fluttuante e ossessionante allo stesso tempo. Più tardi, il flauto diventa più esigente, poi euforico. E alla fine, dopo un piccolo vortice, torna alla calma. Ero stupito, incantato e pieno di energia.

Poi – sempre qualche tempo dopo – ho cambiato insegnante. Questo secondo era completamente diverso! Irradiava entusiasmo, suonava un flauto rosso e oro ed era un flautista dell’orchestra sinfonica di Hof. Il suo tono era pieno e chiaro e insegnava con molta dedizione, anche rigorosamente, ma in un modo molto accessibile. Proprio all’inizio mi disse che la letteratura per flauto solo era molto importante, perché solo lì non potevamo appoggiarci a qualcun altro, per esempio al pianoforte, ma dovevamo fare musica completamente da soli, in modo completamente indipendente e con tutte le nostre forze. Prima ha messo una piccola sonata solista di Stamitz sul leggio e alla terza o quarta lezione ho osato portare il libretto verde di Peters.  Ho chiesto se potevamo forse lavorarci insieme. Era sorpreso, ma non contrario. Di nuovo ho sentito la frase “questo è davvero troppo difficile per te”, ma questa volta con un’enfasi completamente diversa su “davvero”. E ora è iniziato. Due linee ogni settimana, è tutto quello che siamo riusciti a fare. Abbiamo giocato e giocato. Spesso allo stesso tempo, in modo da poter imparare il fraseggio. A volte lui suonava prima e io suonavo dopo. Abbiamo giocato fuori dalla finestra e abbiamo cercato di non farci turbare dalle campane della vicina chiesa di San Michele. Oppure mi ha consigliato di provare a usare le campane come un metronomo molto poco ritmico, perché Debussy si suona più liberamente che, per esempio, Bach. Nelle note, si dice in alcuni punti di far suonare le campane blu o verdi – qualche settimana fa, non avrei mai sognato che la musica potesse avere a che fare con i colori.

Allo stesso tempo, naturalmente, mi esercitavo sempre su altri pezzi, perché il prossimo gennaio, il concorso “Jugend musiziert” era in programma per me. Avevo imparato molto nei pochi mesi con il nuovo insegnante. Anche sua moglie era una flautista, e per la prima volta ho percepito che la musica può determinare tutta la vita di una famiglia. Sono rimasto molto colpito e mi sono esercitato diligentemente. Per il concorso, sono stati considerati solo pezzi per flauto e pianoforte, ma dovevano essere di tre epoche diverse. E anche lì mi si è aperto un nuovo mondo con la Sonata di Paul Hindemith. Per la prima volta, ho avuto tra le mani un’edizione Schott – grigio-argento all’esterno con un bordo bianco. Ho pensato che fosse molto bello e insolito.

Ho incontrato molte persone nuove attraverso i concorsi statali e nazionali “Jugend musiziert” e per la prima volta ho pensato che la musica poteva forse diventare una carriera per me.

Ma poi le cose sono andate diversamente. Ho iniziato a studiare medicina a Monaco e ho potuto prendere lezioni al conservatorio come studente esterno. È stato un grande momento! Il brusio delle note proveniva da tutte le stanze, tutti portavano una borsa di strumenti e anche qui ho imparato molto. Suonavo nell’orchestra studentesca e uno dei direttori era anche l’organista di una grande chiesa nella zona di Monaco. Mi ha chiesto se volevo suonare la Veglia Pasquale, perché l’organo dovrebbe rimanere in silenzio fino alla Resurrezione. Eccitante, ma ero d’accordo. Cosa suonate lì?

Così ora per la prima volta davanti a un pubblico: Syrinx. Ho anche scelto i movimenti lenti di Bach Padre e Figlio dalle sonate in La minore e sono stato effettivamente sorpreso dal mio coraggio. Ma non c’era niente da fare ora, perché la Veglia Pasquale era proprio dietro l’angolo. Nel frattempo, ovviamente, potevo almeno suonare la colonna sonora di Syrinx in modo impeccabile. Ma mi ero sempre esercitato solo in una stanza del college o nella mia piccola stanza. Aspettavo quindi con impazienza la prima opportunità di suonare nella grande navata romanico-gotica e provare tutto. Purtroppo, questo è stato possibile solo una volta, la sera del sabato di Pasqua. Così ho preso la S-Bahn verso nord, ho dovuto camminare qualche minuto e ho visto l’enorme edificio da lontano.

Come avevo predisposto, una porta laterale era aperta e sono entrato nella chiesa piuttosto fioca e fresca. Ho spacchettato il mio flauto su una delle panche e ho messo il leggio al centro. All’inizio ho provato timidamente alcune note singole, ed era già meraviglioso. Ma la musica della Veglia Pasquale non dovrebbe venire dall’alto, non dovrei piuttosto suonare nella galleria? Sì, sarebbe davvero meglio. Così ho impacchettato di nuovo tutto e ho cercato le scale. È un bel po’ di strada da fare in una chiesa così grande, è difficile da credere. Quando sono arrivato in cima, avevo abbastanza freddo, ma volevo iniziare.

E l’ho fatto – prima ho suonato la bellissima Sarabanda dalla Partita in la minore di Johann Sebastian Bach. Già allora ho notato che ci sono molte cose da considerare in una stanza così grande. Sembra quasi che le note vengano pizzicate direttamente dal labbro. È una strana sensazione, un po’ come essere divisi in un giocatore e un ascoltatore. La Sarabanda di Bach consiste in lunghe e tranquille catene di ottavi. Con quasi nessun punto di riposo tranne che alla fine della prima parte e alla fine, offre molto spazio per un gioco uniforme e fluido. Per l’ascoltatore, una musica meravigliosa per venire a riposo – per il suonatore, un passaggio attraverso quasi tutti i registri del flauto.

Poi il primo movimento della sonata solista in la minore di Carl Philipp Emanuel. A quel tempo, non sapevo molto di storia della musica, certamente nulla dell’epoca emozionante in cui vissero i figli di Bach. Ho solo trovato molto strano che il movimento lento di una sonata sia all’inizio e non tra i due movimenti veloci. In qualche modo ho anche percepito che questo è un tipo di musica completamente diverso, anche se non è passato molto tempo tra padre e figlio. Anche questo movimento consiste principalmente di ottavi e sedicesimi, ma in 3/8 di tempo e in una sorta di armonia a due parti. C’è anche una piccola cadenza alla fine, quindi porta chiaramente nella direzione della musica classica – è così che lo spiegherei ai miei studenti oggi. All’epoca lo trovai semplicemente strano. Ma comunque, questo movimento era anche meraviglioso da suonare nella grande chiesa a tre navate.

Ora mancava ancora Debussy. Nel frattempo, i miei piedi si stavano congelando e le mie mani non erano più molto flessibili. Ciononostante, ero molto eccitato. E già le prime note mi hanno mostrato che è semplicemente meraviglioso suonare questo tipo di musica in questo tipo di spazio. Più che con la musica di epoche precedenti, si può giocare con lo spazio, lasciare che i suoni fluttuino, assaporare le fermate. Che peccato che Syrinx consista di sole 35 battute. Ho suonato e suonato le poche righe alcune volte fino a quando le mie mani non potevano più essere mosse. Era semplicemente troppo freddo e, come mi resi conto improvvisamente, quasi completamente buio. Inquietante, così solo in una chiesa così grande e oscura. Feci rapidamente i bagagli, scesi le scale e scivolai fuori dalla porta, che fortunatamente era ancora aperta. La S-Bahn mi ha riportato al centro della città, per poi riportarmi qualche ora più tardi alla Veglia di Pasqua a St.

È stato un servizio meraviglioso, solo poche candele, il leggio ha avuto una luce da leggio, la congregazione era entusiasta dell’idea del loro cantore e della musica per flauto. Dopo la resurrezione, l’organo ruggì di nuovo e tutti cantarono con gioia “Der schöne Ostertag”.

Poi, dopo alcuni semestri, ho deciso contro la medicina e completamente per la musica. Ho studiato otto semestri di musica orchestrale e ho seguito molti corsi in tutta la Germania durante la pausa semestrale. Syrinx era sempre lì. Mi sono presto reso conto che i miei primi tentativi non potevano davvero rendere giustizia all’intenso pezzo. Ho usato i mezzi che avevo in quel momento, ed erano solo la mia esperienza di allievo, soprattutto nella musica barocca.

Negli anni a venire, ho imparato molto sullo sviluppo della musica, sulla musica nazionale, su compositori speciali e geniali e sul potere degli editori di spartiti musicali. Mi sono procurato la prima edizione Urtext di Syrinx della casa editrice Henle (anche questa musica mi piace particolarmente nel suo elegantissimo blu-grigio con le scritte chiare). Tuttavia, questa edizione non è stata di grande aiuto, ma ho trovato molto bello avere gli spartiti davanti a me su carta molto liscia con una scrittura molto chiara. Fu solo quando Schott uscì con una nuova edizione nella serie Wiener Urtext Edition qualche tempo dopo, in cui il flautista Anders Ljungar-Chapelon spiegò in dettaglio la storia della breve opera, che capii di cosa si trattava.

Syrinx si chiamava originariamente “La Flûte de pan” ed era un breve pezzo di musica incidentale per il dramma “Psyché” di Gabriel Mourey. In Psyché, tra le altre cose, si racconta il mito del dio Pan. Mourey aveva contattato Debussy e gli aveva chiesto la sua collaborazione.  Debussy decise allora che la strumentazione per questa musica non poteva essere altro che il flauto solo – proprio a causa della storia di Pan.

Louis Fleury, che all’epoca era uno dei più famosi flautisti del mondo, eseguì la prima del breve dramma musicale il 1° dicembre 1913. L’avrebbe suonata ancora e ancora durante la sua carriera, anche in recital di musica da camera, spesso nascosta dietro una tenda. Il titolo fu cambiato solo più tardi in “Syrinx” per evitare la confusione con altre opere. Perché la storia di Pan, che insegue una ninfa che si trasforma in canne per paura, ha ispirato molti compositori. Ma nessuno così momentaneamente come Claude Achille Debussy.

È così che noi flautisti abbiamo questo lavoro veramente straordinario nel nostro repertorio.

Letteratura

Adorjan, Andras (Hrsg.) u.a.: Lexikon der Flöte, Laaber 2009

Volete essere informati sulle ultime attività?
Tutti gli articoli sulla storia del flauto
Storia dell’Austria
La serie di libri Leiermann

Pin It on Pinterest

Share This