Variazioni su “Il fabbro armonico grossolano”

da Thomas Stiegler

James Brydges (1673-1744), il successivo conte di Carnarvon, è il primo esempio di nobile corrotto e amante dello splendore del XVIII secolo.

Durante la Guerra di Successione spagnola, è stato “Paymaster-Generale delle Forze all’Estero”, che ha usato principalmente per arricchirsi.

In silenzio, la gente parlava dell’incredibile somma di 600.000 – 700.000 sterline che ha messo da parte in pochi anni. Per questo fu accusato e convocato davanti alla Camera dei Comuni, ma tutte le accuse gli rimbalzarono addosso.

Oltre a questi lati piuttosto spiacevoli della sua natura, era un uomo molto istruito e un amante della musica e della letteratura.

Utilizzò una parte considerevole della sua fortuna per costruire Canons, una splendida casa padronale nella contea di Middlesex, che trasformò in un centro delle arti.

La sua “cappella di corte”, che comprendeva una trentina di musicisti, comprendeva il fratello di Alessandro Scarlatti. Ha anche riunito intorno a sé una cerchia di scrittori progressisti, tra cui John Gay e Alexander Pope.

G. F. Händel si unì a questo illustre gruppo nel 1717 come “Composer-in-Residence” (compositore di corte). Tra le opere che scriverà qui durante i due anni del suo soggiorno ci sono la prima versione dell’oratorio “Esther” e la versione inglese di “Acis and Galatea”, che John Gay ha tradotto per lui.

Fu anche in Canons che compose le “Suites de Pièces pour le Clavecin”, che contengono quelle variazioni che oggi sono conosciute in tutto il mondo con il nome di “The Harmonious Blacksmith”.

Ora c’è una bella storia su questo lavoro.

Un giorno, mentre Handel era in una delle sue escursioni, dovette fuggire da un’improvvisa pioggia sotto il baldacchino di una fucina. Sconcertato, guardò nel velo grigio, dietro di sé l’oscurità del laboratorio.

Improvvisamente, sentì una melodia a lui sconosciuta, che miracolosamente si armonizzava con il suono dei martelli. Si guardò intorno e notò il fabbro che fischiava una canzoncina mentre lavorava, che ora stava uscendo.

Abituato a cercare melodie ovunque, ha accettato con gratitudine questo dono inaspettato e lo ha immortalato nel suo lavoro.

Per quanto questa storia possa sembrare bella e per quanto mi piaccia, purtroppo non è vera.

Perché è solo tre quarti di secolo dopo che appare nel libro “Reminiscences of Trade”, in cui Richard Clark ha raccolto i suoi ricordi e a volte è entrato in un sacco di fantasia.

Questo è anche il caso di questa storia, che ben presto divenne così popolare che, anche decenni dopo, l’incudine del fabbro veniva ancora scambiata alle aste.

E il nome è stato mantenuto anche per l’opera, e così oggi lo conosciamo solo con il titolo “The Harmonious Grobschmied”.

La semplice bellezza della sua melodia e non da ultimo le storie che si intrecciano attorno al suo nome hanno reso l’opera popolare anche presso altri compositori.

Così fu già Louis Spohr a usarlo come base per una delle sue opere, così come Francis Poulenc o il compositore australiano Percy Grainger.

Quest’opera è entrata nella letteratura chitarristica anche attraverso le “Variazioni su un tema di Händel” op. 107 di M. Giuliani, da lui composto nel 1828.

Ma prima di entrare nel lavoro ora, vorrei parlare brevemente di qualcos’altro.

So che anche molti non chitarristi e dilettanti musicali leggono qui e quindi dirò alcune parole generali sul termine “variazione”.

Il termine variazione significa cambiare qualcosa di dato.

Per facilitare la comprensione, confrontiamo la musica con la nostra lingua. Non è necessario arrivare a equiparare un’opera musicale a una poesia, a un saggio o a un romanzo.

Ma su piccola scala, ha senso confrontare una melodia o un tema con una frase. Perché allora è più facile capire come lavora un compositore.

Prendete una semplice frase del tipo: “Oggi vado a fare una passeggiata sotto la pioggia”.

Se vogliamo affermare questa frase, per esempio perché crediamo che non sia stata compresa, allora la ripetiamo.

“Oggi vado a fare una passeggiata sotto la pioggia”. – “Oggi vado a fare una passeggiata sotto la pioggia”.

Ora, per sottolineare o chiarire vari aspetti della sua dichiarazione, dobbiamo cambiarla.

Puoi farlo anche tu:

– accorciatelo in “Vado a fare una passeggiata”.

– “Stamattina vado a fare una passeggiata sotto la pioggia e vado a ballare”.

– o altrimenti cambiare a piacimento: “Vado a passeggiare nella pioggerella”.

Come si vede, l’enunciazione di base del movimento rimane la stessa (ego, movimento, ecc.), ma tuttavia cambia ad ogni “variazione”.

Un compositore fa la stessa cosa e, proprio come noi nel linguaggio, può evidenziare, illuminare e cambiare ogni singolo aspetto di un tema in modi diversi.

Un’opera di variazioni è semplicemente l’applicazione di questo principio non solo a un tema, ma a un intero pezzo.

Torniamo ora alla musica di Giuliani.

La sua op. 107 è un’opera conservatrice, senza sorprese e senza particolari punti salienti musicali. Tuttavia è un bel pezzo di musica e mi sembra una buona introduzione al mondo delle variazioni, sia per gli ascoltatori che per i musicisti che si esibiscono.

Oggi ho deciso di registrare Ben Lougheed. Dei video che conosco su YouTube, il suo mi sembra parlare in modo più autentico nello spirito di Giuliani.

All’inizio appare il tema, il canto del “fabbro armonico grossolano”, accompagnato al basso dai “martelli da fabbro”.

La prima variazione (0:58) porta poco di nuovo, solo il basso suona qualche sottovoce.

La seconda variazione (1:46) diventa un po’ più vivace, con Giuliani che compone terzine e quindi aumenta il ritmo.

Solo con la terza variazione (2:44) si avverte un cambiamento. Lo stato d’animo sembra essere cambiato e l’aspetto virtuoso passa in secondo piano. Molto bello da tracciare qui in questa registrazione.

La quarta variazione (4:02) è ora di nuovo sotto il segno del virtuosismo. Non nel senso di un Paganini o di un Liszt, ma chi ha provato il pezzo in prima persona sa quanto sia difficile far suonare tutte le note come sono scritte sulla carta.

Naturalmente non dovrebbe mancare una piccola variazione (5:06). Nella registrazione è molto bello osservare come Ben Lougheed non li distorca romanticamente, ma li mantenga sempre con un ritmo di base fisso nello spirito della musica classica e li interpreti senza melodiosità romantica.

La Variazione Sei (7:25) è il tipico finale, che è quasi sempre alla fine di un lavoro di variazione. La chitarra può brillare e lanciare le sue cascate tonali. I pochi piccoli errori commessi dall’esecutore nella foga del momento non dovrebbero infastidirci ulteriormente.

Volete essere informati sulle ultime attività?
La storia di Ida Presti
La vita di Ferdinando Carulli
Castelli in Spagna
Der Leiermann

Nur eine E-Mail !

Erhalten Sie unseren Newsletter und lesen Sie Interessantes aus der Welt der Kunst und Kultur, Beiträge aus der Geschichte und immer das Neueste vom Leiermann.
Zur Anmeldung
close-link

Pin It on Pinterest

Share This